La cueillette des oeillets à Nice autrefois   65x46   2014 (1)

Monique Laville: arte, memoria e nostalgia sono le essenze stesse della vita

1) Le chiediamo di parlare degli esordi della sua carriera artistica. C’è stata un’occasione in particolare che l’ha spinta su questa via?

Fin da molto giovane, ero già dedita all’arte: danza classica, musica (pianoforte), disegno.

Mio padre, al quale rendo omaggio in alcuni dei miei quadri rappresentandolo come un personaggio vestito in blu, mi condusse spesso in visita ai musei.

Fu durante una di queste visite, indugiando su un dipinto di Renoir, ”La colazione dei canottieri”, che il mio amore per la pittura sbocciò irrefrenabile e trovai così il mio artista del cuore.

Risultati immagini per renoir déjeuner canotiers

Pierre-Auguste Renoir, Le Déjeuner des Canotiers

 2)  Il suo lavoro d’artista è senz’altro ispirato alle opere degli impressionisti. Che cosa la lega a questo movimento?

Senz’altro la nostalgia per il passato, penso che il movimento impressionista si adatti bene ai miei sentimenti.

Risultati immagini per monet coquelicots

Claude Monet, Les Coquelicots

3) Da dove provengono le sue principali fonti d’ispirazione?

La mia più grande ispirazione viene dalle scene di vita quotidiana dei tempi andati.

Tutti i quadri che dipingo sono ispirati da luoghi reali che visito durante le mie mostre o in altre occasioni. Di essi cerco di riprodurre l’atmosfera del passato.

4) Quali sono le opere e gli artisti che più l’hanno ispirata?

Gli artisti e le opere che più mi hanno ispirato sono:

– Claude Monet ”Les coquelicots”

– Auguste Renoir ”Le déjeuner des canotiers”

– Camille Pissarro ”La moisson”

– Alfred Sisley ”Bords de Seine à Bourgival”

Rivisito il movimento impressionista a modo mio, in tutti i miei quadri si può riconoscere un particolare pittore. Tutti sono eseguiti interamente con la spatola, che conferisce ai miei quadri un tocco di proprietà personale e unicità pittorica.

Risultati immagini per Camille Pissarro ''La moisson''

Camillo Pisarro, La Moisson

5) Quindi nelle vostre opere pone indubbiamente l’attenzione su i valori di un mondo perduto. Coasa pensa stia succedendo nel nostro mondo contemporaneo? Dove crede che possano trovarsi le cause di tutto ciò?

Attraverso il richiamo al  movimento impressionista voglio innescare nello spettaore il meccanismo del ricordo e cerco di portare la felicità, la pace, il rispetto per gli altri e la natura in modo che le persone che visualizzano i miei lavori può sfuggire in pace.

Le cause le individuerei nel mondo moderno che ha distrutto molti dei valori delle società antiche, ha deturpato la natura e i sentimenti.

Risultati immagini per Alfred Sisley ''Bords de Seine à Bougival''

Alfred Sisley, Bords de la Seine a Bougival

6) Potremmo senz’altro definirla un’artista moralmente impegnata a stimolare il proprio pubblico. Quanta importanza ricopre, secondo lei, questa attitudine negli artisti contemporanei?

Sì, mi considero effettivamente un’artista moralmente impegnata poichè attraverso i miei quadri, cerco di trasmettere valori universali come la pace, l’amore per il prossimo e la salvaguardia della natura.

Un’attitudine che semz’altro si rivela cruciale in noi artisti contemporanei.Credo che ogni artista dovrebbe adottare lo stesso atteggiamento.

7)  Cosa rappresenta per lei dipingere?

Per me la pittura è un messo di evasione da me stessa che mi permette di esprimere il mio sentire e di idealizzare un mondo migliore.

8) Se lei fosse un colore quale sarebbe?

Non saperei indicarne uno preciso dal momento che tutti i colori sono per me importanti soprattutto quelli che portano la luce nei miei quadri.

9) Un momento o un incontro che lei considera cruciale per la sua carriera?

Un incontro davvero importante che ho fatto nel corso della mia carriera è stato quello con Jean-Emmanuel Renoir, nipote del grande artista Auguste Renoir.

10) Perchè non ci svela qualcosa dei suoi progetti futuri?

Eccovi uno scorcio dei miei progetti futuri:
– Trovare dei parallelismi tra le mie ispirazioni artistiche e la pittura classica
– Continuare a sostenere attraverso il mio lavoro le associazioni impiegate nell’assistenza delle persone disabili.

This slideshow requires JavaScript.


Monique Laville

Risultati immagini per monique lavilleMonique Laville è nata a Marsiglia 2 febbraio 1950 sotto il nome di Saccomanni.

Ha esposto sia in Francia che all’estero (Museo di Miami e Tianjin in Cina, Italia, Canada, Spagna, Portogallo, Gran Bretagna Gde, Austria) unico o gruppo dal 1984 con diversi riconoscimenti artistici e premi:

– è membro delle Accademie di Roma, Quebec, dell’Accademai Europea delle Arti, e di quella di Arte EuromediterraneaTaormina ed Artista professionista riconosciuto  dall’ AICOA di  Barcellona.

Dal 22 maggio 2008 è membro dell’Accademia di Belle Arti di PROVENCE COTE D’AZUR

recentemente è stata insignita del secondo premio di pittura contemporanea al concorso internazionale dell’Accademia di Roma.

Nel febbraio 2012 ha vinto due premi degli Presso l’Accademia Europea: il trofeo d’ argento e il titolo ufficiale di accademico.

Organizza mostre d’arte a cui seguono aste  nel corso delle quali tutti i proventi sono devoluti in beneficienza.

Monique Laville è quotata ARTPRICE / DROUOT / AKOUN.

Coquelicots et lavande dans le Lubéron   73x60   2016

Monique Laville: art, souvenir et nostalgie sont l’essence même de la vie

 

1) Parlez-nous de votre carrière artistique. vous avez eu un moment particulier qui vous a conduit à commencer votre carrière d’artiste?

De toute jeune, j’étais déjà vouée à l’art : danse classique, musique (piano), dessin.

Mon père, à qui je rends hommage dans certaines de mes toiles représenté par un personnage tout vêtu de bleu, m’emmenait souvent visiter des musées.

C’est au cours de l’une de ces visites, m’attardant sur une peinture de Renoir

”Le déjeuner des canotiers” que l’amour de la peinture a jailli en moi et a révélé mon âme d’artiste peintre.

Risultati immagini per renoir déjeuner canotiers

Pierre-Auguste Renoir, Le Déjeuner des Canotiers

 2)  Votre travail est clairement inspiré par les impressionnistes. Qu’est-ce que vous lie à ce mouvement?
Nostalgique du temps passé, je trouve que le mouvement impressionniste se prête bien à mon ressenti.

Risultati immagini per monet coquelicots

Claude Monet, Les Coquelicots

3) Vos plus grandes sources d’inspiration dans la création d’un nouveau cadre viennent d’où?

Mes plus grandes sources d’inspiration viennent des scènes quotidiennes de la vie du temps jadis.

Tous les tableaux que je peins sont inspirés de lieux existants que je visite lors d’une éventuelle exposition ou d’un séjour et que je transpose  en paysages d’autrefois.

4) Quels sont  les artistes et les œuvres qui vous inspirent le plus?

Les artistes et leurs œuvres qui m’inspirent le plus :

– Claude Monet ”Les coquelicots”

– Auguste Renoir ”Le déjeuner des canotiers”

– Camille Pissarro ”La moisson”

– Alfred Sisley ”Bords de Seine à Bourgival”

En revisitant le mouvement impressionniste à ma façon, dans toutes mes toiles on peut reconnaître tel ou tel peintre. Elles sont toutes exécutées entièrement au couteau, ce qui donne à ma peinture une touche picturale bien personnelle et unique.

Risultati immagini per Camille Pissarro ''La moisson''

Camillo Pisarro, La Moisson

5) Dans vos œuvres vous avez mis l’attention sur un monde perdu. Que pensez-vous qui se passe dans notre monde contemporain? Où sont les causes?

A travers ce mouvement, j’essaie d’apporter le bonheur, la paix, le respect d’autrui et de la nature afin que les personnes qui regardent mes œuvres puissent s’évader en toute quiétude.

Les causes : le monde moderne a détruit beaucoup de valeurs de la société comme la destruction de la nature et le manque d’humanité.

Risultati immagini per Alfred Sisley ''Bords de Seine à Bougival''

Alfred Sisley, Bords de la Seine a Bougival

6) Nous pouvons vous appeler une artiste moralement engagé à inciter les spectateurs. Que pensez-vous est important de cette attitude pour un artiste aujourd’hui?

Effectivement je me considère comme une artiste moralement engagée car à travers mes peintures, j’essaie de transmettre des valeurs universelles comme la paix, l’amour et la protection de la nature.

Cette attitude est importante pour un artiste aujourd’hui,car, en ce qui concerne mes peintures, elles véhiculent des choses positives. Je pense que tout artiste devrait adopter cette même attitude.

7)  Qu’est-ce que la peinture pour vous?

Pour moi, la peinture est une évasion permanente qui permet de m’exprimer et de me replonger dans un monde meilleur.

8) Si vous étiez une couleur que seriez-vous et pourquoi?

Pour moi, toutes les couleurs sont importantes surtout celles qui apportent de la lumière dans mes toiles.

9)Parlez-nous d’une occasion ou d’une rencontre que vous considérez important dans votre carrière

Une rencontre importante que j’ai faite est celle de Jean-Emmanuel Renoir, arrière petit-fils de Auguste Renoir.

10) Voulez-vous nous donner un aperçu de vos projets futurs?

Un aperçu de mes futurs projets :

– Associer mes peintures avec de la musique classique

– Continuer à soutenir des associations d’handicapés

This slideshow requires JavaScript.


 

Monique Laville - Fine ArtistMONIQUE LAVILLE  est née à Marseille le 2 Février 1950 sous le nom de Saccomanni, elle exposes aussi bien en France qu’à l’étranger (Museum de MIAMI et TIANJIN en Chine, Italie, Canada, Espagne, Portugal, Gde Bretagne, Autriche) en solo ou en groupe depuis 1984 avec différentes reconnaissances artistiques et récompenses :

– Membre des Académies de Rome, du Québec, Européenne des Arts, Euroméditerranéenne des Arts de Taormine (Sicile)
– Artiste professionnel reconnu par AICOA de Barcelone
– Distinction Titre d’Officier Académique
– Différentes ventes aux enchères (coté Artprice)
– Expertise et estimation par l’expert en Art Elodie Couturier (Paris et Miami)
– Membre du jury dans un concours de peinture à Bologne
– Divers Diplômes, Trophées, Médailles, Prix
– De nombreux articles de presse, catalogues, encyclopédies, magazines
– Différentes interview télévisées
– Organisatrice de manifestations à but caritatif

Depuis le 22 mai 2008, elle est membre de l’Académie des Beaux-Arts de PROVENCE COTE D’AZUR  Dernièrement  elle a obtenu le second prix de peinture au concours international d’art contemporain de l’Académie de Rome.

En février  2012 elle a gagné deux distinctions de L’Académie Européenne Arts/Lettres/Philosophie: la Grade ARGENT e le titre académique du Grade d’OFFICIER

Elle organise des expositions d’art visuel suivies de ventes aux enchères dont tous les bénéfices sont revers à des associations caritatives.

Elle est  cotée ARTPRICE / DROUOT / AKOUN

 


 

social 1

COMUNICATO STAMPA: Lust for Art presenta Monique Laville e Mieke Van den Hoogen – Huijgen

logoLa rassegna LUST for ART 2016, curata da Tablinum Cultural Management, è arrivata al suo ultimo appuntamento presso l’incantevole cornice del Museo Giardino Botanico di Villa Carlotta, sul Lago di Como.

A seguito della fortunata rassegna 2015 Art in Expo Feed the World with Art, che lo scorso anno ha fatto registrare un totale di 42.590 visitatori in soli sei mesi di programmazione, quest’anno Tablinum propone per la sua programmazione 2016 la rassegna tematica Lust for Art con la quale ci apprestiamo a indagare il meccanismo estetico che l’arte innesca in noi stimolando tutte le nostre percezioni poiché la libido artistica è energia psichica e creativa che ha come luogo fisico la mente, il cervello: la creatività è costituita da un puzzle i cui tasselli sono linguaggio e percezione

Stitched PanoramaL’ultima tappa  di Lust for Art presso il contesto museale di Villa Carlotta vedrà la presenza in contemporanea  negli spazi del padiglione della Torretta Romantica, della mostra personale ESSENTIA della pittrice francese Monique Laville e di INNER ASYMMETRIES dell’artista olandese Mieke Van den Hoogen – Hujigen.

Certe opera d’arte restituiscono, come in uno specchio riflesso, non solo la realtà esteriore ma  anche quella interiore con tutte le sue complesse asimmetrie e dismorfiche evoluzioni. E’ questo il caso delle sculture dell’artista olandese Mieke Van Den Hoogen – Huijgen. 

locandine settembre Carlotta miekeDi ritorno dalla sua ultima expo newyorkese Mieke  Van Den Hoogen – Huijgen presenta, con la sua personale Inner Asymmetries, al pubblico di Villa Carlotta una nuova serie di opere: “Le asimmetrie interiori” sono il concetto alla base della seriedi opere ispirate al corpo femminile e a vasi tribali,tipicamente realizzati da donne, in cui viene trasposta tutta la sensibilità femminile di un’interiorità frammentata e in preda ad emozioni contrastanti.

Il materiale scultoreo è sempre la ceramica, con la sua malleabilità e un’adattabilità tecnica che ben si adatta alle evoluzioni continue dell’interiorità: visioni di busti e volti femminili frammentati e ceramiche ispirate alle tecniche di realizzazione dei vasi arcaici, densi di rievocazioni tribali, realizzati secondo le antiche tecniche di lavorazione indiane ed africane. In esse Mieke Van den Hoogen – Huijgen concilia il proprio sentire artistico con l’impulso atavico del modellare l’argilla e darne forme rievocative della quotidianità.

Villa Carlotta Essentia Monique LavilleMonique Laville rievoca in Essentia  epoche ormai irrimediabilmente passate, per stimolare una riflessione profonda, mai banale, sull’uomo contemporaneo e sul mondo nel quale egli vive.

Di origine italiana ma cresciuta in Provenza, Laville fonde perfettamente le proprie riflessioni artistiche, incentrate sullo studio della luce e del colore, con un esperienza di rara sensibilità e delicatezza.

Le sue tele sono il risultato di emozioni vibranti che non possono essere indifferenti agli spettatori, ma stimolano sentimenti e riflessioni che vanno dal personale al sociale.

Un’intenzione programmatica che trova una valida spiegazione nelle parole stesse dell’artista.

Moltissimi dei nostri luoghi storici in Francia sono stati rimpiazzati da opere moderniste.Tutti i mestieri di un tempo sono ormai scomparsi : La pesca, la mietitura, la raccolta di lavanda, papaveri e garofani che non si fanno più manualmente”.

Orari visita:

Dal 16  al 30 settembre 2016 – Padiglione della Torretta Romantica – Giardino di Villa Carlotta

Da lunedì a venerdì dalle ore 14.30 alle ore 18.00

Sabato e domenica dalle ore 10.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle ore 18.00.

Essentia e Inner Asymmetries sono due mostre prodotte e curate  da Tablinum Cultural Management.

Un’esperienza di visita unica, grazie all’uso della tecnologia digitale: le opere in mostra vogliono sottolineare il virtuoso connubio di natura e arte, di cui Villa Carlotta è luogo emblematico. L’allestimento, pensato in chiave creativa, ci riporta in un ambiente immersivo dove grazie anche all’ausilio di mezzi audiovisivi il visitatore può congiungere il godimento della propria esperienza artistica alle bellezze naturalistiche di Villa Carlotta e del nostro Lago. Contenuti speciali e testi curatoriali, , saranno consultabili direttamente attraverso i link visuali  QR Code presenti nel percorso espositivo e sul sito web di Tablinum Cultural Management (www.studiotablinum.com).


logo_green_it Villa Carlotta, in Tremezzina, Lago di Como, è celebre in Italia e nel resto del mondo grazie al suo magnifico parco botanico e alle sue sale ricche di capolavori d’arte. Villa Carlotta è un luogo di rara bellezza: qui capolavori della natura e dell’ingegno umano convivono armoniosamente in 70.000 mq tra giardini e strutture museali.

Tel: +39034440405     Mail: segreteria@villacarlotta.it    Sito: http://www.villacarlotta.it


Tablinum cultural management I nostri progetti nascono dalla volontà di divulgare un modello culturale in cui il sistema dell’arte sappia comunicare valori fondanti che sorpassino le usuali logiche di mercato e riscoprano il valore primario della cultura quale nutrimento essenziale della coscienza umana. Per questo amiamo considerarci, prima di tutto, “impiegati della cultura”.

Tel: +393392181456     Mail: info@studiotablinum.com    Sito: http://www.studiotablinum.com


Mieke Van den Hoogen -Huijgen ha focalizzato i propri studi sulla progettazione ceramica dal 1987  al 1991 presso l’Università di Maastricht. Dal febbraio 1992 ha fondato  il proprio studio a Elsloo e poi si è trasferita a Nijmegen dal 1997. Nel corso dei suoi studi presso l’Università di Maastricht il suo  interesse si focalizza particolarmente  sulle ceramiche e sulle possibilità espressive del piccolo frammento, dove sotto la guida di Desiré Tonnaer (Maastricht) e Piet Hermans (Venray) ha esaminato il loro potenziale, soprattutto in oggetti monumentali.

Nel suo lavoro,  assume un ruolo predominante l’universo femminile. In queste immagini si può ravvisare per una combinazione di elementi naturalistici e un’astrazione di forme ed emozioni. “Un corpo di donna mi affascina non in quanto rappresenta un ideale di bellezza, ma piuttosto poiché si tratta di una rappresentazione di  un corpo che viene vissuto, le cui emozioni si legge nell’immagine”.

Voglio esprimere nelle mie opere l’asimmetrico. Queste immagini sono costruite in ceramica e i contenuti sono espressi in il frammento.

L’immagine non è un vaso vuoto, il corpo non è un guscio. In questo frammento creo qualcosa di nuovo, lasciando che traspaia tutta la sua delicatezza e fragilità”. Oltre alle figure di donne Mieke realizza anche oggetti in ceramica. In questi oggetti c’è un puro uso dell’immaginazione: essi sono progettati per il divertimento delle forme.

Mieke realizza anche utensili in coccio, realizzate secondo le antiche tecniche indiane, a volte vengono dipinti  con l’ausilio dell’aerografo a volte realizzati con una decorazione serigrafia. Questi utensili rappresentano tutta la liberta e la gioia creativa dell’artista che liberamente sperimenta per il gusto di creare nuove forme e sfumature di colore.


Monique Laville è nata a Marsiglia 2 febbraio 1950 sotto il nome di Saccomanni.

Ha esposto sia in Francia che all’estero (Museo di Miami e Tianjin in Cina, Italia, Canada, Spagna, Portogallo, Gran Bretagna Gde, Austria) unico o gruppo dal 1984 con diversi riconoscimenti artistici e premi:

– è membro delle Accademie di Roma, Quebec, dell’Accademai Europea delle Arti, e di quella di Arte Euromediterranea Taormina ed Artista professionista riconosciuto  dall’ AICOA di  Barcellona.

Dal 22 maggio 2008 è membro dell’Accademia di Belle Arti di PROVENCE COTE D’AZUR. Recentemente è stata insignita del secondo premio di pittura contemporanea al concorso internazionale dell’Accademia di Roma.

Nel febbraio 2012 ha vinto due premi degli Presso l’Accademia Europea: il trofeo d’ argento e il titolo ufficiale di accademico.

Organizza mostre d’arte a cui seguono aste nel corso delle quali tutti i proventi sono devoluti in beneficienza.

Monique Laville è quotata ARTPRICE / DROUOT / AKOUN.

umbria2

Itinerari umbri: la Porziuncola e la basilica di Santa Maria degli Angeli.

umbria2

Tablinum: l’Umbria, terra di borghi, colline, boschi e montagne, oltre ad essere una meta per turisti alla ricerca di cultura, arte e buon cibo, è anche la terra dei santi e in particolare di San Francesco d’Assisi, patrono d’Italia. Numerosi sono i luoghi legati alla vita del “poverello”, oltre naturalmente alla stessa Assisi, luogo in cui nacquero, vissero e morirono sia San Francesco che Santa Chiara. A Gubbio, ad esempio, uno dei luoghi francescani simbolo è la chiesetta della Vittorina, costruita dove il Santo avrebbe ammansito il lupo. L’altare è la pietra sopra la quale Francesco avrebbe predicato la riconciliazione tra l’animale e gli eugubini. Nella pianura umbra tra Cannara e Bevagna, a Pian d’Arca, sarebbe avvenuto invece uno degli episodi più famosi dei Fioretti, la predica agli uccelli. La pietra dove Francesco, secondo una credenza popolare, avrebbe posato i piedi durante la predica si trova nella duecentesca chiesa a lui intitolata a Bevagna. Sul Lago Trasimeno, secondo la tradizione, il Santo avrebbe trascorso la Quaresima del 1212 o 1213 sull’Isola Maggiore e vi rimase da solo per 40 giorni mangiando soltanto mezzo pane.

umbria1

Queste ed altre tappe vengono percorse ogni anno durante i pellegrinaggi che hanno come meta proprio Assisi, in particolare il santuario della Porziuncola che si trova all’interno della basilica di Santa Maria degli Angeli. Da pochi giorni è stato celebrato l’ottavo centenario della Festa del Perdono di Assisi, ovvero un’indulgenza plenaria che, nella Chiesa cattolica, può essere ottenuta dai propri fedeli dal mezzogiorno del 1º agosto alla mezzanotte del 2 agosto di ogni anno. Le origini di questa festa bisogna cercarle in una lontana notte dell’anno 1216, quando San Francesco, immerso nella preghiera presso la Porziuncola, vede la chiesina avvolta da una vivissima luce e subito dopo appaiono sopra l’altare il Cristo e la sua Madre Santissima, circondati da una moltitudine di Angeli. Essi gli chiedono allora che cosa desideri per la salvezza delle anime. La risposta di Francesco è immediata: “Ti prego che tutti coloro che, pentiti e confessati, verranno a visitare questa chiesa, ottengano ampio e generoso perdono, con una completa remissione di tutte le colpe”. Il Signore accoglie la sua preghiera, a patto che Francesco ne parli al suo vicario in terra, ovvero il papa. Francesco si presenta subito al pontefice Onorio III che lo ascolta con attenzione e dà la sua approvazione. Alla domanda: “Francesco, per quanti anni vuoi questa indulgenza?”, il santo risponde: “Padre Santo, non domando anni, ma anime”. Il 2 agosto 1216, insieme ai Vescovi dell’Umbria, annuncia al popolo convenuto alla Porziuncola: “Fratelli miei, voglio mandarvi tutti in Paradiso!”.

indulgenza

La chiesetta intitolata a Santa Maria degli Angeli, edificata probabilmente nel IV secolo e successivamente passata sotto la proprietà dei monaci benedettini, prende il nome dalla zona denominata “Portiuncula”, che letteralmente indica la piccola porzione di terreno su cui sorgeva.

porziuncola

Benché si possano trovare riferimenti alla zona della Porziuncola nei documenti del comune di Assisi risalenti intorno all’anno mille, è solo con la vita di San Francesco che il luogo acquisisce una sua precisa identità. Dopo aver abbandonato le ricchezze della propria famiglia San Francesco trovò rifugio in questa antica cappella, oggi accolta all’interno dell’ampia Basilica di Santa Maria degli Angeli, la restaurò e la ottenne in dono dai Benedettini, vi fondò poi l’Ordine dei Frati Minori nel 1209, affidandolo alla protezione della Vergine Madre di Cristo, cui la chiesina è dedicata. In questo luogo, inoltre, il 28 marzo 1211 Chiara di Favarone di Offreduccio iniziò la sua vita monastica fondando poi l’ordine delle Clarisse e San Francesco ottenne in sogno da Gesù l’indulgenza del Perdono.

Già prima dell’edificazione della Basilica di Santa Maria degli Angeli, i visitatori alla Porziuncola erano così numerosi che si resero necessarie delle strutture per la loro accoglienza. Ad esempio, nel 1450 Cosimo de’ Medici vuole la costruzione di quella “fontana delle 26 cannelle” detta anche “fontana dei pellegrini” che oggi si trova lungo il fianco della basilica.

fontanacannelleassisi

La struttura della Porziuncola ricalca l’impianto tipico delle strutture benedettine nello stile romanico umbro; la chiesa, costituita da pietre squadrate, è rimasta inalterata ad eccezione del piccolo campanile, di un portale ligneo del tardo ‘400 e della facciata quasi completamente affrescata da Federico Overbek nel 1830. Gli interventi di restauro del 1998 hanno permesso di evitare l’ulteriore degrado della cappella e recuperare i tessuti pittorici sia del grande polittico dietro l’altare dipinto nel 1393 da Ilario da Viterbo, che illustra la storia del Perdono di Assisi, quanto dei resti dell’affresco della Crocifissione nella parte absidale realizzato intorno al 1485 dal Perugino. Sulla soglia della chiesina sono incise le parole “hic locus sanctus est”, questo luogo è santo, perché Dio vi è sceso per incontrare Francesco e chiunque vi entri con fede.

ilariodaviterbo

A custodire la Porziuncola è proprio la basilica di Santa Maria degli Angeli, fatta costruire per volere del papa Pio V tra il 1569 e il 1679, destinata ad accogliere ogni anno moltissimi pellegrini e che presenta, dal 1930, un’imponente statua della Vergine in bronzo dorato.

smariadegliangeli

Francesca Corsi

192-1

Ars Naturans: una perfetta simbiosi fra arte e natura

 

Il poeta intende la natura meglio che lo scienziato.

NOVALIS

teresa condito

L’artista Teresa Condito

 Il rapporto con la Natura è per Teresa, cresciuta in una famiglia di orafi, maestri nella lavorazione del corallo, fatto di piccoli gesti creativi per cesellarla e impreziosirla.

 

Il suo sviluppo artistico vede nella creazione di volumi scultorei la sua forma comunicativa più efficace ed espressiva. I materiali prescelti spaziano dal marmo al corten passando per l’alluminio, l’acciaio, il plexiglass e le pietre.

Molti sono i premi e i riconoscimenti internazionali guadagnati in questi anni come l’internazionale  Taytian Pearl Trophy e Premier Arezzo.

 I suoi lavori che coniugano la sua primaria vocazione orafa a quella più espressamente artistica, le hanno fatto ottenere importanti menzioni su riviste internazionali come Vogue Jewels, Vioro, International Jewelery, Arte Yioya ed è membro ad honorem della rassegna internazionale Gold Expressum 2014.

Nel 2010 vince il bando del Progetto “più Europa” per la città di Casoria, in Piazza Benedetto XV, e realizza ne 2014 la sua opera pubblica “l’ESSERE” .

Essere frase

Teresa Condito ha partecipato alla 56esima Biennale di Venezia come membro del collettivo “La grande Bouffe” presso il padiglione del Guatemala presentando opere emblematiche come “Bambola a cucù” “Pistolino degli stracci”, presentato in antemprima nazionale su RAI2, e “Silent Night Club”. Per le sue installazioni ha ricevuto il premio ufficiale dallo stato del Guatemala e dal Commissario del Padiglione Nazionale.

Nella sua scultura viene raccontato un mondo “altro”, dove il naturale è esaltato attraverso l’ispirazione artistica e  grazie a cui il naturale diventa straordinario, mentre in ciò che è normalmente riconoscibile, si cela l’inatteso.

Non poteva esserci luogo migliore dove poter ambientare la nuova personale di Teresa Condito, Ars Naturans, se non a Villa Carlotta: luogo dove l’arte  creata dal genio artistico ha instaurato un dialogo ininterrotto con la meraviglia del mondo naturale, rinnovando nei secoli la propria carica perturbante in un luogo dove le metamorfosi fra arte e natura diventano concrete e tangibili.

Un connubio che nel nostro secolo sembra aver perso sempre più di quella spontaneità un tempo immediata.

Sintomi di un’epoca, in cui sono andate perdute le coordinate che prima permettevano di orientarsi tra i dati della ragione e quelli dell’ immaginazione, tra il pensiero mitico e quello più razionale, a favore di un indirizzo tecnologico e meccanicistico.

Di fronte al  “minimalismo” frigido e “computerizzato” in cui spesso si imbatte il collezionista oppure alle focose e criptiche estrinsecazioni, il nostro senso etico si trova sempre più disorientato.

Nella scultura di Teresa Condito ritroviamo quelle multiformi e metamorfiche visioni che l’immaginario dell’artista è in grado di generare quando lascia che la propria vena creativa fluisca in un tutt’uno con quella naturalistica, fino a sentirne la linfa vitale scorrere con la stessa impetuosità di una creatività non imbrigliata da logiche estrinseche alla creazione stessa.

Quando l’artista scosta il velo della natura e scopre di poter specchiare in essa la propria ispirazione, nascono opere come quelle di Condito in cui l’arte è riflessione sulla natura e sulla vita stessa dell’essere umano.

Ogni secondo, ogni respiro si traducono così in un euforia costante in cui arte e natura sono inscindibilmente fuse in una perfezione ideale.

Nascono così opere come “The Tree of Life”, scelta come immagine – simbolo della mostra proprio per il messaggio potete che convoglia allo spettatore, arte che si fa natura per avvicinarsi meglio all’essenza di ciò che ci circonda, in cui le forme armoniosamente modellate e i materiali semitrasparenti ricordano quel tendersi positivamente fuori se stessi, nel tentativo di scostare il velo e scoprire nell’arte una sublimazione del mondo che ci circonda…e chissà che sotto quel velo non si ritrovi anche la parte perduta di noi stessi?


ArTeCo Ars NaturansNon poteva esserci luogo migliore dove poter ambientare la nuova personale di Teresa Condito, Ars Naturans, se non a Villa Carlotta: dove l’arte creata dal genio artistico ha instaurato un dialogo ininterrotto con la meraviglia del mondo naturale, rinnovando nei secoli la propria carica perturbante in un luogo dove le metamorfosi fra arte e natura diventano concrete e tangibili.

La mostra ARS NATURANS è dedicata a dieci sculture inedite dell’artista, realizzate appositamente per quest’occasione. Si tratta di una mostra – installazione dedicata al connubio tra natura e arte, di cui Villa Carlotta è luogo emblematico.

L’allestimento, pensato in chiave creativa, ci riporta in un ambiente immersivo dove grazie anche all’ausilio di mezzi audiovisivi, le sculture sono accostate al fascino delle bellezze naturalistiche di Villa Carlotta e del nostro Lago.

Elisa Larese

Salva

ArTeCo Ars Naturans

Lust for Art 2016: Tablinum presenta Ars Naturans di Teresa Condito al Museo Giardino Botanico di Villa Carlotta

COMUNICATO STAMPA

logoTablinum Cultural Management: La rassegna LUST for ART 2016, curata da Tablinum Cultural Management, si terrà dal 1 luglio 2016 al 30 settembre 2016 presso l’incantevole cornice del Museo Giardino Botanico di Villa Carlotta, sul Lago di Como,  per proporre ad appassionati e collezionisti le opere di cinque artisti di rilievo internazionale.

A seguito della fortunata rassegna 2015 “Art in Expo. Feed the World with Art”, che lo scorso anno ha fatto registrare un totale di 42.590 visitatori in soli sei mesi di programmazione, quest’anno Tablinum propone per la sua programmazione 2016 la rassegna tematica Lust for Art con la quale ci apprestiamo a indagare il meccanismo estetico che l’arte innesca in noi passando attraverso tutte le nostre percezioni poiché la libido artistica è energia psichica e creativa che ha come luogo fisico la mente, il cervello: la creatività è costituita da un puzzle i cui tasselli sono linguaggio e percezione.

teresa conditoIl terzo appuntamento estivo della rassegna Lust for Art prevede la mostra personale dell’arista italiana Teresa Condito.

Il rapporto con la Natura è per Teresa Condito, cresciuta in una famiglia di orafi, maestri nella lavorazione del corallo, fatto di piccoli gesti creativi per cesellarla e impreziosirla.

Il suo sviluppo artistico vede nella creazione di volumi scultorei la sua forma comunicativa più efficace ed espressiva. I materiali prescelti spaziano dal marmo al corten passando per l’alluminio, l’acciaio, il plexiglass e le pietre preziose.

I suoi lavori, laddove si coniugano la sua primaria vocazione orafa a quella più espressamente artistica, le hanno fatto ottenere importanti menzioni su riviste internazionali come Vogue Jewels, Vioro, International Jewelery, Arte Yioya ed è membro ad honorem della rassegna internazionale Gold Expressum.

Nel 2010 vince l’assegnazione Progetto “Più Europa” per la città di Casoria, in Piazza Benedetto XV, e realizza ne 2014 la sua opera pubblica “l’ESSERE” .

Teresa Condito ha partecipato alla 56esima Biennale di Venezia come membro del collettivo “La grande Bouffe” presso il padiglione del Guatemala presentando opere emblematiche come “Bambola a cucù” “Pistolino degli stracci” e “Silent night club”. Per le sue installazioni ha ricevuto il premio ufficiale dallo stato del Guatemala e dal Commissario del Padiglione Nazionale.

Nella sua scultura viene raccontato un mondo “altro”, dove la natura è esaltata attraverso l’ispirazione artistica e grazie alla quale l’elemento naturalistico diventa straordinario, mentre in ciò che è normalmente riconoscibile, si cela l’inatteso.

Villa_Carlotta_-_Lake_Como.jpgNon poteva esserci luogo migliore dove poter ambientare la nuova personale di Teresa Condito, Ars Naturans, se non a Villa Carlotta: dove l’arte creata dal genio artistico ha instaurato un dialogo ininterrotto con la meraviglia del mondo naturale, rinnovando nei secoli la propria carica perturbante in un luogo dove le metamorfosi fra arte e natura diventano concrete e tangibili.

La mostra ARS NATURANS è dedicata a dieci sculture inedite dell’artista, realizzate appositamente per quest’occasione. Si tratta di una mostra – installazione dedicata al connubio tra natura e arte, di cui Villa Carlotta è luogo emblematico.

L’allestimento, pensato in chiave creativa, ci riporta in un ambiente immersivo dove grazie anche all’ausilio di mezzi audiovisivi, le sculture sono accostate al fascino delle bellezze naturalistiche di Villa Carlotta e del Lago di Como.

Ars Naturans avrà luogo presso la WunderKammer Saal di Villa Carlotta, Tremezzina (co), da sabato 23 luglio a martedì 2 agosto 2016.


Orari visita:

Da lunedì a venerdì dalle ore 14.30 alle ore 18.00

Sabato e domenica dalle ore 10.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle ore 18.00.


Ars Naturans è curata dalla storica dell’arte Elisa Larese

 Un’esperienza di visita unica, grazie all’uso della tecnologia digitale

La mostra ARS NATURANS è dedicata a dieci sculture inedite dell’artista, realizzate appositamente per quest’occasione. Si tratta di una mostra – installazione dedicata al connubio fra natura e arte, di cui Villa Carlotta è luogo emblematico. L’allestimento, pensato in chiave creativa, ci riporta in un ambiente immersivo dove grazie anche all’ausilio di mezzi audiovisivi, le sculture sono accostate al fascino delle bellezze naturalistiche di Villa Carlotta e del nostro Lago.

Contenuti speciali e testi curatoriali, a cura di Elisa Larese, saranno consultabili direttamente attraverso i link visuali  QRCode disseminati nel percorso espositivo.


VILLA CARLOTTA: Villa Carlotta, in Tremezzina, Lago di Como, è celebre in Italia e nel resto del mondo grazie al suo magnifico parco botanico e le sue sale ricche di capolavori d’arte.

Villa Carlotta è un luogo di rara bellezza: qui capolavori della natura e dell’ingegno umano convivono armoniosamente in 70.000 mq tra giardini e strutture museali.

 +39034440405        segreteria@villacarlotta.it      www.villacarlotta.it


TABLINUM CULTURAL MANAGEMENT: i nostri progetti nascono  dalla volontà di divulgare un modello culturale in cui il sistema dell’arte sappia comunicare valori fondanti che sorpassino le usuali logiche di mercato e riscoprano il valore primario della cultura quale nutrimento essenziale della coscienza umana. Per questo amiamo considerarci prima di tutto “impiegati della cultura”.

+393392181456      info@studiotablinum.com     www.studiotablinum.com