WOMEN IN ART: GIOVANNA LENTINI, ROSSO DENTRO

“Senza Rosso non c’è vita”.

Giovanna Lentini

Pennellate decise dal colore fluido in cui l’essenziale non è mai stato tanto pieno di sé. ­ Questa è la pittura di Giovanna Lentini.

Tre sono i colori fondamentali che s’incontrano sulle tele di quest’artista

Il bianco, che lungi dall’essere una tinta piatta, nelle opere di Giovanna Lentini assume innumerevoli sfumature, ci richiama alla mente l’abbacinante luce del sole allo zenit che gioca a riflettersi sullo specchio del mare di Sicilia, terra di origine di quest’artista. Il nero, con tutte le gradazioni del grigio, è il colore delle coste, laddove la terra si tuffa nel mare, delle ombre che si proiettano sulle strade inondate di luce nel meriggiare dei caldi giorni d’estate. Poi uno squarcio di rosso, improvviso, come un lampo a ciel sereno, come tutto ciò che irradia di vitalità l’esistenza.

Rosso dentro, non è un titolo casuale ma è stato scelto dai curatori in sintonia con l’artista, avvertendone l’esigenza interiore: perché per Giovanna Lentini la pittura è una questione d’anima e non solo di linea. Ed è per questo che i colori sono rielaborati interiormente e si fanno pura espressione del suo sentire.

Al colore rosso Giovanna Lentini sembra attingere per trarne energia e calore. Il rosso come vita che squarcia la quotidianità con tutta la forza, la bellezza imprevedibile e inarrestabile della vita, fiamma che consuma dentro.

La stessa fiamma inestinguibile che alimenta l’estro dell’artista, di colui che ricerca il segno nascosto nella Natura e la traduce in segno.

Le sue opere sembrano riassumere un contrasto essenziale visivo e semantico. Lo stesso che vede coinvolto l’uomo di fronte alla meraviglia della Natura: dall’inizio alla fine dell’esistenza, dalla purezza al buio, dal bianco al nero, dall’azione alla riflessione, in una parabola che riassume in sé una totalità di emozioni e di eventi, li travolge in quello che potremmo definire “il ciclo vitale”.

Altro dettaglio che al visitatore attento non potrà sfuggire è la straordinaria ricerca dell’artista nell’uso di materiale di prima qualità per la produzione dei propri lavori: pigmenti naturali, lino grezzo, sete e velluti sono alcuni dei preziosi elementi che rendono unica la matericità delle tele di Giovanna Lentini.

Semplicità nella complessità, tradizione artistica e innovazione trovano la loro sublimazione nei due arazzi in mostra; ultima tappa di una ricerca instancabile, dove interiorità e arte si fondono suggellate da un colorismo di straordinaria sensibilità, tutto da scoprire e interiorizzare.


“No life without the colour Red”

Giovanna Lentini

Determined brushstrokes of fluid colour reveal the essence of Giovanna Lentini’s paintings. She uses three basic colours. White, which is never a dull colour in her paintings, assumes countless tones and reminds us of the dazzling sunlight at the zenith, which playfully reflects itself on the sea surface in Sicily, the artist’s native area. Black, with all its grey hues, is the colour of the coasts, where the earth dives into the sea, of the shadows projected on the streets inundated by the afternoon sunlight during hot summer days. Finally, a red gash, as sudden as a flash out of a blue sky, powerful as all the things are, which irradiate vitality into life.

Red Inside is no casual title but was chosen by the curator according to the artist’s inner need: Painting for Giovanna Lentini is a spiritual matter, not only a matter of lines.

This artist seems to draw energy and warmth from the red colour. This colour seems to identify life, which bursts into everyday routines with all its power, life’s unpredictable and irresistible beauty, like an internally consuming flame.

Her works seem to summarize an essential visual and semantic contrast, which also involves human beings facing the wonders of Nature: from the beginning to the end of our existence, from purity to darkness, from white to black, from action to reflection, part of a parabola including a whole set of emotions and events, which we can define as an overwhelming “vital cycle”.

An attentive visitor will certainly notice the artist’s extraordinary choice of top quality materials in her works: natural pigments, raw linen, silk and velvet are some of the precious elements, which distinguish the material nature of G. Lentini’s paintings.

Simplicity within complexity, artistic tradition and innovation all find their sublimation in the two tapestries exhibited; this represents the latest stage in a constant research in which spiritual life and art melt into a world of colours showing great sensitivity, all of which is to be discovered and interiorized.


IMG_0248.jpegABOUT GIOVANNA LENTINI

(www.giovannalentini.it)

Salva

Advertisements