AENIGMA SERIES: il patrimonio culturale italiano come non l’avete mai visto. A Villa Carlotta

 

aenigma + villa carlottaTablinum: Questo articolo è dedicato a voi. Che amate l’arte in tutte le sue declinazioni, che pensate che il nostro sia un Paese ricco di tesori artistici e culturali che meriterebbero di essere conosciuti e celebrati in tutto il Mondo. Queste righe, ma soprattutto, questa mostra, AENIGMA,  è per voi.

Perchè, quest’estate a Villa Carlotta, vogliamo offrirvi un vero e proprio viaggio nella Bellezza e lo faremo ammirando le opere di “Aenigma Series. La riscoperta del patrimonio culturale italiano” realizzate dalla fine art photographer canadese Marlene Luce Tremblay  ed esposte presso il padiglione della Torretta Romantica dal 14 al 29 luglio 2018.

Marlene è  sicuramente un’artista di fama internazionale. In prima linea nel diffondere, grazie alla sua arte, importanti messaggi culturali nel mondo.  Il suo inestimabile impegno è stato riconosciuto a livello istituzionale da organismi come L’Onu e numerose ambasciate nel mondo tanto che e le sue opere sono esposte in permanente a presso: Egyptian Foreign Ministry and the Egyptian Tourist Authority al Cairo; l’Ambasciata Egiziana a Embassy a Londra e al Consolato egiziano in Ottawa; presso l’Alta Commissione del Canada a Londra, in importenti collezioni di aziende internazionali e privati.  La sua mostra Women of New York è stata esposta presso la il Palazzo di Vetro dell’ONU a New York.

In Italia, a Firenze, le è stato conferito il premio Lorenzo il Magnifico dalla giuria internazionale della Florence Biennale.

Il suo occhio sempre attento ad analizzare la realtà che ci circonda e, come ogni artista che si rispetti, ad andare oltre, si è ora concentrato sull’Italia e sui suoi tesori.

Ma vogliamo che sia lei a raccontarci dei suoi trascorsi artistici e di Aenigma Collection, esposta in un contesto d’eccezione quale il Museo di Villa Carlotta, luogo di connubio fra arte e natura, tra i tesori del patrimonio artistico italiano.

D: Sei una fine art photographer con molti anni di esperienza alle spalle e alterni l’uso della fotografia cinematografica alla fotografia digitale. Vorrei chiederti quali sono le differenze? C’è un modo per combinare felicemente questi due diversi modi?

MLT: Quando ho studiato fotografia al Dawson Institute of Photography negli anni ’80, la fotografia digitale non era in uso in quei giorni e invece era la fotografia cinematografica nella sua forma classica, sia in bianco e nero che a colori. La fotografia cinematografica richiedeva molte più capacità tecniche in laboratorio e il modo di riprendere le immagini.

La fotografia digitale richiede competenze tecniche informatiche sia con la fotocamera sia per modificare le immagini. All’inizio scattavo solo in bianco e nero e tingevo le mie immagini in laboratorio. Era una miscela di sostanze chimiche e tinte. Oggi dipingo le mie immagini digitalmente con un programma chiamato Lightroom e, in alcuni casi, faccio dei collage di più immagini per aggiungere un po’ di mistero alla fotografia finale.

Q: Hai creato la Pintografia. Potresti spiegarmi quali innovazioni hai apportato con questo metodo?

MLT: La Pintografia consiste nelle mie immagini digitali che trasformo e coloriamo per esprimere più emozioni, promuovendo l’aspetto creativo della mia arte.

Le immagini sono poi stampate su tela su cui aggiungo pittura a olio per enfatizzare il colore e fare prendere vita alla tela. Quando scatto le immagini, la mia immaginazione vede già un dipinto in contrasto con un’immagine fissa.

Men of New York Exhibition, Chelsea Gallery - 7

Men of New York, New York, Chelsea Gallery

Q: Hai tenuto una mostra al quartier generale delle Nazioni Unite a New York intitolato Women of NY e una alla Gallery in Chelsea dedicata a The Men of New York. Sicuramente creare ritratti fotografici di così tante persone  provenienti da tutto il mondo e giunte a vivere qui a New York deve essere stato elettrizzante. Che cosa ti hanno dato questi incontri con così tante persone?

MLT: Le mostre Women and Men di New York sono state un’esperienza molto arricchente. In alcuni casi, i soggetti non si conoscevano e sono diventati amici a seguito di questa esperienza. Abbiamo organizzato riunioni al mio posto per cibo e vino.

Ogni individuo è stato intervistato da una giovane giornalista italiana, Vincenza di Maggio, che ha intervistato ogni partecipante sulla loro esperienza di trasferirsi a New York dal loro paese d’origine, e cosa significasse per loro essere a New York. Lo scopo di questi progetti era quello di mettere in risalto ciò di cui parla New York, principalmente sulla diversità e oltre l’aspetto della vita dei consumatori, che la città è spesso raffigurata.

New York è altro oltre i grattacieli, i negozi, gli uffici e tutte quelle cose superficiali, è un luogo che ospita persone provenienti da tutto il mondo ed è questo il motivo per cui è una città così vivace. È stata un’esperienza molto stimolante per tutti noi e un’opportunità per celebrare la nostra comune umanità abbracciando le nostre differenze

 

 

D: Le tue foto rivelano che hai viaggiato molto durante la tua vita e spesso i luoghi hanno un ruolo di primo piano nelle tue foto. Quali sono i ricordi più importanti che porti sempre con te?

MLT: I viaggi sono molto importanti per la mia arte perché ho sempre bisogno di nuovi scenari, un nuovo sguardo su ogni nuovo paese che visito mentre esploro la sua storia e catturo ciò che lo rende speciale. Ma soprattutto, mi piace incontrare persone e ho amicizie in tutto il mondo.. Dal mio punto di vista, questa è l’esperienza umana più arricchente. Le persone e i luoghi trasformano la propria visione del mondo. Viaggiare apre la mente, è un’esperienza di vita che diventa parte di se stessi,  apre il cuore, è un modo di evolvere come essere umano. Di conseguenza, si diventa più tolleranti rispetto alle differenze.

il direttore del Bureau des Affaires Culturelles e  l'ambasciatrice egiziana, in occasione dell'inagurazione di Egypt & Beyond!

Q: Hai viaggiato molto nel mondo mediorientale e hai creato una sorta di “archeologia fotografica” del mondo arabo. Vorresti parlarci di questa esperienza?

MLT: In effetti ho viaggiato in Egitto, Siria, Giordania, Gerusalemme, Algeria e Tunisia. Il mondo arabo è composto da così tanti strati di storia, poichè è proprio lì che ha avuto luogo la nascita della civiltà. Provenendo da un paese giovane come il Canada, posso apprezzare il ruolo del mondo arabo nella storia del mondo. L’Egitto è stata un’esperienza affascinante, una storia così ricca e la sua bellezza dei tempi passati. In molti modi, ha cambiato il corso della mia vita perché mi ha fatto capire come sia labile la presenza dell’individuo nel regno del tempo e dell’umanità. Direi che siamo polvere di stelle nel vento.

D: La tua ultima mostra fotografica dedicata al Medio Oriente è stata dedicata all’Egitto e ai suoi tesori.

MLT: Grazie ancora alle persone che ho incontrato, vale a dire il mio collaboratore e curatore a Montreal, Bousmaha Seddiki e Gamal Zayda, che all’epoca era il direttore dell’ufficio di Al Aharam a Montreal.

Successivamente sono stato invitata dal Ministero del Turismo egiziano a visitare l’Egitto per celebrare i 50 anni di relazioni diplomatiche tra il Canada e l’Egitto. Di conseguenza, la serie Iconic Egypt and Beyond è stata esposta a Montreal, Cairo, Parigi e Londra.

D: E ora questo nuovo progetto, Aenigma, in cui il protagonista principale è l’arte italiana e di conseguenza il paesaggio della penisola. Vorresti dirci da dove viene l’ispirazione per la collezione Enigma e quali sono i messaggi che vuoi dare al visitatore?

MLT: Aenigma è un’ode alla bellezza dell’arte rinascimentale. I grandi maestri dell’arte hanno offerto capolavori senza tempo. Ho fuso le mie immagini di Firenze con quelle del mondo naturale che, a mio modesto parere, è anche senza tempo.

La natura è un’opera d’arte in sé e i maestri creati nella stessa atemporalità. Il mondo dell’arte di oggi è effimero, paragonato alla nostra società dei consumi. Il consumismo è ciò di cui parla il nostro mondo moderno. Questo è ciò che sto cercando di esprimere, in contrasto con la nostra quotidianità: la bellezza senza tempo dell’arte rinascimentale e del mondo naturale.

mlt aenigma 3

D: Nella nostra mostra a Villa Carlotta utilizziamo un bellissimo video realizzato per celebrare le tue opere in mostra, ti piacerebbe parlare della genesi di questo?

MLT: il video è stato creato e prodotto da un amico e collaboratore, Oliver Huwart (Shorteaser). Abbiamo collaborato a tre altri progetti; Ovvero, Women and Men of New York e la mostra che si è svolta in Tunisia lo scorso anno dal titolo: Nous les femmes.

Olivier è molto talentuoso e creativo, la sua sensibilità è in sintonia con la mia, il che rende la nostra collaborazione un’esperienza meravigliosa. Ho totale fiducia nella sua creatività e lascia ogni libertà al suo processo creativo per ogni video. Olivier è in grado di sentire, vedere e capire quello che sto cercando di esprimere attraverso la mia arte con molta bellezza e armonia.

Nel caso di Aenigma, Olivier ha composto la musica per il video che mi piace così tanto con il soggetto della serie.

Olivier è un collaboratore molto importante e spero che collaboreremo per molte altre mostre nel prossimo futuro.

Q: Alcuni suggerimenti ai nostri fruitori per sfruttare al meglio la loro visita a Villa Carlotta. Ci sono aspetti di Enigma che vorresti cogliere l’occasione per evidenziare i nostri visitatori?

MLT: Aenigma porta alla luce la bellezza della cultura italiana. L’Italia è ben nota per il suo modo di vivere che è prima di tutto, la qualità della vita. Per me, l’arte di vivere è ciò che l’Italia tratta dalla tavola al mondo della moda e, soprattutto, alla sua architettura e alla sua arte.

D: Come sono l’Italia e il suo patrimonio visti attraverso l’obiettivo del fotografo?

MLT: vedo l’Italia non solo ricca di storia ma anche di ogni aspetto della vita. Ha una storia preziosa e un patrimonio culturale davvero stupefacente ma è una società molto moderna, che ispira il mondo ancora oggi.