Lucio Virginio Rufo – La Forza della Coerenza

nerone_mostra--400x300

Tablinum: dopo aver scritto nel mio precedente articolo le vicende di Lucius Minicius Exoratus, notabile romano vissuto nel I° secolo d.c. e della sua Gens, ora vorrei trattare la vicende di un’altro illustre cittadino romano, coevo di Lucius Minicius Exoratus, e comasco anch’esso: Lucio Virginio Rufo.

Lucio Virginio Rufo nacque nel comasco nell’anno 14 d.c., probabilmente nella zona in cui ora sorge Alzate Brianza, da una famiglia di Equites, classe di censo, paragonabile all’attuale alta borghesia.
Intraprese da subito la carriera militare e raggiunse una posizione di rilievo culminata nella carica di amministratore finanziario della cittadina di Smyrna in Asia Minore. Vista la sua probità e la sua lealtà a Roma, fu lo stesso Imperatore Nerone a promuoverlo nella schiera degli uomini a lui più fidati nominandolo Senatore e, in seguito, inviandolo come Legato nella Germania Superiore.

Fu proprio mentre svolgeva questo incarico che, suo malgrado, si vide invischiato nei giochi di potere che sconvolsero tutto l’impero; correva l’anno 68 d.c. e la rivolta che covava da anni contro le “follie” dell’Imperatore Nerone, scoppiò irrefrenabile.

Il fuoco della rivolta serpeggiò per tutto l’impero sino a scoppiare in un contrasto dai pericolosi risvolti sovversivi per il futuro dell’impero stesso: fu allora che il governatore in pectore della Gallia, Gaio Giulio Vindice, convocò a Lugdunum (oggi Lione) i notabili della provincia spingendoli apertamente alla sedizione proponendo il Senatore Marco Sulpicio Galba come nuovo Imperatore.

Quasi simultaneamente il capo dei Pretoriani, Gaio Ninfidio Sabino, si sollevò contro Nerone e contro il suo collega pretoriano Tigellino.

Ormai l’impero era sconvolto da questa violenta insurrezione che da Roma alla Germania infiammava l’animo dei milites e la situazione raggiunse il suo apice quando anche il Prefetto d’Africa, Lucio Clodio Macro, decise di sollevarsi.

L’unico a rimanere fedele a Nerone fu proprio Virginio Rufo, che rifiutò, a sua volta di essere acclamato Imperator dalle sue truppe e decidendo invece di condurre una marcia a tappe forzate contro le legioni di Vindice. Rufo attaccò Vesontio (oggi Besançon) e Vindice si mosse a difendere la città. I due Legati si incontrarono per parlamentare e strinsero un qualche accordo.
Ma fu proprio quando Vindice fece per entrare in città, che a causa di una incomprensione, i soldati di Rufo si ritennero attaccati e aggredirono Vindice, il quale, credutosi caduto in una trappola, si suicidò gettandosi sul suo gladio.

Eccoci il racconto che Cassio Dione, storico e senatore romano, ci tramanda (Storia Romana 63′-25′):
“Rufo si addolorò profondamente per la fine di Vindice, collega e amico, ma non volle accettare il potere imperiale, nonostante la continua insistenza da parte dei suoi legionari e la relativa facilita nell’ottenerlo, essendo lui stato definito valido e potenziale successore”.

Nel mentre i moti rivoltosi avevano travolto irreparabilmente Roma. L’imperatore Nerone, sulle prime indifferente alla rivolta, non appena seppe della sollevazione contro di lui e che gli restava fedele solo Virginio Rufo, decise di fuggire dall’Urbe ed infine di togliersi la vita; era il 6 giugno del 68 d.c.

Intanto Galba e le sue legioni, incuranti della presa di posizione di Rufo, decisero che era tempo di prendersi il potere e marciarono verso l’Urbe, ma la sua tracotanza lo portò a compiere degli errori
politici davvero imperdonabili che lo portarono all’uccisione nel corso di una congiura che vide coinvolti diversi Senatori. Lo stesso Senato, in accordo con la guardia pretoriana, acclamò imperatore uno dei congiurati, per altro molto vicino all’Imperatore Nerone, Marco Salvio Otone.

Anche di fronte a questi nuovi sviluppi, Virginio Rufo si tenne a distanza con le sue legioni e non volle schierarsi apertamente dalla parte di Otone, restando di stanza in Germania superiore. A questo punto, Otone lo mise in stato d’accusa per non averlo appoggiato.

Ma anche ad Otone le cose andarono male, dal nord, dalla Germania Inferiore arrivò con le sue Legioni un nuovo pretendente al trono, Aulo Vitellio, appena proclamato Imperatore dalle sue legioni. Venutolo a sapere Otone gli andò incontro con le sue legioni. Lo scontro con Vitellio a Bedriacum, fu una totale disfatta e Vitellio schiaccio Otone, proseguendo de facto la sua marcia su Roma e facendosi ratificare la carica di Imperatore da un Senato mosso più dal timore che dal rispetto.

Fu a questo punto che, vista la situazione, le truppe di Rufo lo acclamarono per la seconda volta Imperator e il comasco Rufo rifiutò per la seconda volta l’acclamazione. A questo punto, stando agli scritti di Tacito (Historiae 2′-68′) i milites gli divennero definitivamente ostili e lo posero in stato d’arresto presso il pretorium.

Ma le vicende legate alla porpora imperiale non finiscono qui: in questo anno tribolato, definito “l’anno dei quattro imperatori”, sulla scena comparve un altro Legato, proveniente dalla provincia di Judea, Tito Flavio Vespasiano, anch’esso proclamato dalle sue legioni Imperator e determinato a divenire il nuovo Cesare e a fondare una nuova dinastia.

Vespasiano, partito da Alessandria con il suo stato maggiore (probabile la presenza di Lucius Minicius Exoratus, in quanto all’epoca Tribuno) approdò in Grecia e da lì fece rotta sull’Italia. Risalito lungo la Penisola, sino a settentrione, diede battaglia alle truppe dell’Imperatore Vitellio, sconfiggendolo e lasciando nuovamente il trono vacante. A questo punto Vespasiano si affrettò velocemente a rientrare a Roma dove il Senato ratificò la sua carica, divenendo cosi il nuovo Imperatore.

A questo punto Vespasiano pretese la lealtà di tutti i Governatori provinciali e, naturalmente, di tutte le legioni. Anche Rufo si vide costretto ad accettare come nuovo Imperatore Tito Flavio Vespasiano ma prudentemente, si ritirò a vita privata ad Alsium, in Etruria.

Di Rufo, il suo discepolo Plinio il Giovane scrisse (Epistole II. 1.2):
Per trent’anni dopo la sua ora di gloria, egli visse leggendo di sé nella storia e nella poesia…

Lucio Virginio Rufo, stimato dalle sue truppe e dagli imperatori che ha visto succedersi (Nerone, Galba, Otone, Vitellio, Vespasiano, Tito, Domiziano e Nerva) fu persino chiamato dall’imperatore Nerva, che lo conosceva molto bene, a condividere con lui il Consolato. L’ormai ottantenne comasco accettò questo enorme privilegio e nel giorno della solenne cerimonia in Campidoglio, mentre s’accingeva a leggere il discorso di ringraziamento, inciampò in un gradino e cadendo si ruppe un’anca. Purtroppo per via dell’età e della caduta, morì pochi giorni dopo, correva l’anno 96 d.c.

L’altro grande comasco dell’epoca Plinio il Giovane, trascrisse il suo epitaffio, che lo stesso Rufo si era preparato:
Qui giace Rufo, che vinse Vindice e che rifiutò il potere per il bene della Patria

Alessandro Cerioli

Advertisements

Tributo Storico Lucius Minicius Exoratus

 

Tablinum: eccovi il video dell’intervista trasmessa da Espansione TV, rubrica Angoli, al classicista Alessandro Cerioli e all’avvocato Jonathan Colombelli, inerente il Tributo Storico Lucius Minicius Exoratus.

 

Tributo Storico Lucius Minicius Exoratus

flyer orizzontale tributo st

 

Tablinum: siamo giunti alla IVa edizione del Tributo Storico Lucius Minicius e quest’anno “l’appuntamento con la cultura classica” si terrà in due giornate: sabato 23 e domenica 24 Settembre, dalle ore 09.30 alle ore 18.00, presso l’area verde dell’asilo comunale di Menaggio (co).

In queste due giornate si terrà una rievocazione storica che ci farà comprendere al meglio le culture autoctone della zona comense (Celti Comenses) e la cultura che divenne egemone (Romana).  Questo progetto si prefigge di divulgare scientificamente le origini storiche del territorio, approfondirle e renderle, nella sua originalità, accattivanti e fruibili a un pubblico eterogeneo.

Progetto questo pensato e sviluppato in stretta collaborazione fra persone addette al settore culturale che non solo hanno messo la loro professionalità al servizio dello stesso ma in prima persona, stando sul campo, lo articoleranno per il periodo in cui rimarrà in essere, quindi questo progetto ha tutti i presupposti per far comprendere al meglio la romanizzazione e tutte le conseguenze derivanti da essa.

Durante la due giorni di rievocazione si comprenderà al meglio l’economia romana e celtica, il diritto romano, i riti apotropaici romani e celtici ed in fine l’arte bellica romana e celtica. Per gli studenti è stato previsto un particolare approccio alla vita da campo: potranno toccare con mano le attrezzature da campo, verrà messo a loro disposizione il materiale (in scala) per rivivere il peso di un’armatura, di uno scudo, di una spada. Per i più piccoli comprendere al meglio il valore della moneta in epoca classica, assistendo a una coniazione, e ancora le toghe candide dei cittadini romani assistendo alla più alta “ars oratoria” di un processo romano.

Tutti questi aspetti verranno inscenati durante i due giorni del “Tributo Storico Lucius Minicius Exoratus“, presso l’area verde dell’asilo comunale di Menaggio (co).

Inoltre questo progetto farà comprendere l’importanza strategica del “Larius”, in questa parte del vasto impero romano. I suoi trasporti fluviali servirono a incrementare la romanizzazione del territorio, sin dalla rifondazione di Nova Comum, voluta da Gaio Giulio Cesare, il Lario si trovò al centro degli spostamenti militari prima e scambi commerciali poi ed infine chi era Lucio Minicio Exorato, notabile romano vissuto nel I° secolo dc, che ricopri incarichi di massima importanza a livello politico/religioso e legato alla corte imperiale di Tito Flavio Vespasiano. Usando un parallelismo con i giorni nostri potremmo definirlo: il Segretario di Stato degli Stati Uniti d’America.

Al termine delle due giornate sono previste due conferenze, la prima sabato 23 dalle ore 19.00, del Prof. Livio Zerbini (Università di Ferrara), a tema: “Plinio il giovane e l’Imperatore Traiano”, mentre la seconda domenica 24 dalle ore 19.00, del Dr. Alessandro Cerioli (ideatore e direttore del progetto), a tema: “Il Lario Romano”.

 

Serata Letteraria: Guerra all’Isis

 

Tablinum: eccovi il video della serata letteraria “Guerra all’Isis”, tenutasi sabato 21 gennaio 2017, presso la Libreria Attilio Sampietro di Menaggio (co). Ospite della serata lo scrittore Gastone Breccia, moderatore Gaetano Crisafulli.

Serata Letteraria: La Sindone del Diavolo

Tablinum: eccovi il video della serata letteraria “La Sindone del Diavolo”, tenutasi sabato 29 ottobre, presso il Grand Hotel Victoria di Menaggio (co). Ospite della serata lo scrittore Giulio Leoni, moderatore il classicista Alessandro Cerioli.

In viaggio lungo la Via Francigena

Tablinum: In occasione dell’anno Santo del 1993, il Cammino di Santiago vide un incremento del flusso dei pellegrini, che passarono dai 9.000 ai 99.000. Un aumento notevole che potrebbe verificarsi anche sulla Via Francigena in occasione del Giubileo della Misericordia, partito l’8 dicembre 2015 e che si concluderà il 20 novembre 2016.
francigena3
Le prime notizie di pellegrinaggi penitenziali diretti a una specifica meta risalgono all’VIII secolo; i pellegrini attraversavano l’Europa per recarsi presso i peregrinationes maiores: la tomba dell’apostolo Pietro a Roma, la Terra Santa e Santiago di Compostela, sede delle spoglie mortali di Giacomo il Maggiore, apostolo di Gesù. La pratica del pellegrinaggio assunse un’importanza tale che si svilupparono vere e proprie “vie della fede” costellate da luoghi di sosta, villaggi e abbazie per ospitare i pellegrini. Tra le vie più importanti la Via Francigena ne rappresenta ancora oggi il percorso principale. Essa è parte di un fascio di vie, dette anche vie Romee, che conducevano dall’Europa centrale, in particolare dalla Francia, a Roma. I pellegrini facevano il loro ingresso in   Italia dai valichi alpini fino ad arrivare alle strade consolari e sull’Appia in particolare, per giungere infine a Roma. Sappiamo quale fosse il tracciato originario della Francigena tra Canterbury e Roma grazie alle informazioni contenute nella cronaca di Sigerico, la più antica giunta sino a noi.

L’abate Sigerico, infatti, nominato vescovo di Canterbury nel 990 da Papa Giovanni XV, nel suo diario racconta con dettaglio e precisione delle 80 località da lui attraversate da Canterbury fino a Roma, per ricevere l’investitura, tanto che esso divenne un riferimento per molti pellegrini i quali, si passavano la conoscenza del percorso col passaparola. Un’altra testimonianza di pellegrinaggio sulla Via Francigena è quella risalente al XII secolo dell’abate islandese Nikulás da Munkaþverá: il suo viaggio si colloca cronologicamente tra il 1152 ed il 1153, mentre la scrittura dell’itinerarium avvenne fra il 1154, anno del rientro in Islanda, ed il 1160, anno indicato dalle fonti come quello della sua morte. In questo affascinante viaggio dall’Islanda, passando per la Germania, la Svizzera, l’Italia, fino ad arrivare alle coste dell’Asia minore e infine a Gerusalemme, vengono fornite dettagliate descrizioni di strade, luoghi, chiese e monumenti di interesse religioso – e non ultimo sui viaggiatori – incontrati lungo il percorso.
La Via Francigena divenne dunque un canale di comunicazione determinante per la realizzazione dell’unità culturale dell’Europa medievale, trasformandosi  progressivamente in un percorso commerciale per le spezie, le sete e altre mercanzie provenienti dall’Oriente verso i mercati nord europei passando per l’Italia. Nei secoli successivi, la via perse la sua unicità e cambiò il nome in via Romea, che meglio ne caratterizzava la destinazione verso il soglio di Pietro nella città eterna.

francigena4
Il tratto della Via  Francigena italiana che va da dal Gran San Bernardo a Roma ed è lungo all’incirca  945 km, si sviluppa lungo la direttrice di più regioni, dal Piemonte all’Emilia, passando dalla Toscana fino a Roma e conosce una rinnovata celebrità.
Dal 1994 infatti, l’antica Via che nel medioevo univa Canterbury a Roma e ai porti della Puglia è stata riscoperta dai moderni viandanti, che si mettono in cammino lungo questo percorso splendido e sorprendente, dichiarato “Itinerario Culturale del Consiglio d’Europa”.
Il tragitto originario, da Canterbury a Roma era di 1600 kilometri e la difficoltà del tragitto che rappresentava in sé un atto di penitenza, simbolicamente e materialmente consegnava il pellegrino nelle mani di Dio. Il percorso a piedi infatti esponeva i credenti alle fiere e alle intemperie. Oggi non si corrono più i pericoli di un tempo e percorrere la via Francigena rappresenta non solo un itinerario spirituale ma anche l’occasione per un rinnovato rapporto con la natura e il territorio, la storia, le tradizioni.

francigena1
La regione Lazio ha investito sulla Francigena in termini di risorse e di promozione turistica, riattivando una serie di percorsi che hanno come fulcro Roma. Anche in Provincia di Lucca sono state effettuate molte opere per recuperare l’antico tratto della Via Francigena, che giungeva proprio nella città di Lucca, una delle mete di passaggio ma anche di arrivo di molti pellegrini.

francigena2
È inoltre cresciuta la necessità di avere strutture idonee per l’accoglienza dei pellegrini lungo l’interno tracciato. In anni recenti la Confraternita di San Jacopo di Compostella di Perugia gestisce diverse strutture di accoglienza sulla via Francigena, una in Toscana a Radicofani, lo Spedale di San Pietro e Giacomo, e una a Roma, lo Spedale della Provvidenza di San Giacomo e di San Benedetto Labre a Testaccio: essi sono destinati ad ospitare coloro che, dotati di credenziale, giungono a Roma secondo i canoni del vero pellegrinaggio.
Dal 2001 l’Associazione Europea delle Vie Francigene coordina lo sviluppo e la valorizzazione di un itinerario che, attraversando l’Italia e l’Europa, ripercorre la storia del nostro continente.
Consultando il sito http://www.viefrancigene.org si possono trovare queste e molte altre informazioni sul percorso spirituale che, tra basolati romani e santuari cristiani, ha forgiato la base culturale, artistica, economica e politica dell’Europa moderna.

Francesca Corsi

Renaissance Nights : A magical night to celebrate the Italian Renaissance

5

Studio Tablinum: A magical evening, into the atmosphere of the Italian Renaissance.

Cultural event dedicated to the golden age of art and Italian culture.  A way to rediscover this time, by stimulating our senses through a variety of art forms from literature to dance without forgetting Culinary Art. 

Thanks to the work of the writer Ketty Magni we could celebrate the life of Ser Scappi, defined by his contemporaries the “Michelangelo of the kitchen” the only one able to turn a dining experience into something very similarto a mystical ecstasy.

All these issues have been enhanced by one of the most enchantingt landscapes of Lake Como: Bellagio.

To make perfect this “step back in time”  had contributed the dancers of “ADA. Association of Ancient Dances. ” The evening was presented in Italian and English by Alessandro Cerioli and Mara Gualandris.

                                         WATCH THE VIDEO

***

ITA

5Studio Tablinum: Una serata magica, immersi nell’atmosfera del Rinascimento Italiano, è quella che hanno vissuto i partecipanti al Renaissance Nights. Rassegna culturale dedicata all’epoca d’oro dell’arte e della cultura italiane.

Un modo per riscoprire quest’epoca solleticando i nostri sensi attraverso molteplici forme d’arte dalla letteratura alla danza, senza tralasciare le prodezze di quella culinaria coniugandole a uno degli scenari più incantevoli del Lago di Como: quello di Bellagio.

Grazie all’opera dell’autrice Ketty Magni abbiamo potuto celebrare la figura di Ser Bartolomeo Scappi,  definito dai propri contemporanei il “Michelangelo della cucina” il solo a saper trasformare un’esperienza culinaria in qualcosa di molto simile all’estasi mistica.

A rendere perfetto questo “salto indietro nel tempo” hanno contribuito anche le bravissime danzatrici di  “ADA. Associazione Danze Antiche”.

La serata è stata presentata in lingua italiana e inglese da Alessandro Cerioli e Mara Gualandris.

 Elisa Larese

GUARDA IL VIDEO