Olympos: Demeter, the Goddess of Nature

333px-Demeter_Pio-Clementino_Inv254Tablinum: my dear readers, we have now reached the end of our cycle on Greek mythology.

The latter article is dedicated to a benefactress deity , as in previous months, as you may remember I wrote of God Hephaestus, the god of Olympus builder. This month I will tell the history of the Goddess of Nature, Demeter.

Daughter of the Titans Cronus and Rhea, sister of Zeus, Demeter is the goddess of Abundance, Agriculture, also called Mother Earth. Demeter was the guardian of the cycle of the seasons that regulates life and death.

She was a goddess who gave to mankind wealth and well-being; then we could call she a Goddess “constructive”. 

adeThe greatest gift that she gave to mankind were cereals * that allowed them to rise to a higher status and to distinguish themselves from wild animals. She also gave to men the knowledge of agricultural techniques: sowing, plowing and harvesting. The Goddess Demeter felt a great love for her little daughter Persephone;  born from her relationship with Zeus and this is the vicissitudes that threatened to lead to the extinction of mankind. This is how it happened: Ade, God of the Dead   the darker and more shadowy between  Zeus’ brothers, was tired to live  always  alone  with  damned spirits and decided that It could not be bad to have a spouse. So, he asked audience to Zeus, who despite the contempt for him, the Gods’ Fathers decided to find him a wife, because he clearly knew what Hades was capable to do. However it was very difficult to find a bride who decides, of her own free will, to follow him in the kingdom of darkness and desolation. It was clearly necessary to use a more forceful method: the bride’s abduction.

ratto di persefoneSo Ade chose the young Persephone daughter of Zeus and the goddess Demeter. Alone and unaware of what’s going to happen to her, that innocent girl was playing, in the heart of Sicily, in a grassy meadow full of daffodils; when Demeter notice the disappearance of her daughter, she fall into an indescribable pain.

She began to interrogate all men and animals but  unfortunately without success because no one would antagonize the God the Dead.

demetra dea della naturaThe tenth day  afer Persephone’s  kindnapping the lunar goddess Hecate, moved with pity, decided to reveal what happened to Demeter and together they went to the Sun God Apollo, who sees all and knows all. Apollo also confirmed the facts and reveals the secret pact between Zeus and Hades, so that he could choose a bride.

Enraged and closed in his grief she decided to leave the Olympus and, disguised as an old woman, she wander through faraway lands seeking her beloved daughter. Firstable she took a drastic decision, as she was the Goddess of Nature, she decided to stop this life cycle because everyone could suffer as she was suffering:  so no more crops, no more blooms and nothing more seasons.

The Olympians, just like men, were damaged by this decision, since the offers in their suffrage decreased drastically and receiving more swearing than prayers, they turned in unison to the Father of the Gods why did end this famine wanted by Demeter . Zeus, in order to return the abundance on earth and indirectly on Olympus, sent Iris to seek Demeter and persuade her to take again her place  in the cosmic order.

eleusiAnd by this time the vicissitudes of the Goddess Demeter are intertwined with Eleusis. Indeed, we can bring to the Goddess Demeter the establishment of the Eleusinian Mysteries. Rituals that helped the human being to understand himself better and everything around him. These mysteries have to do with the loss of her beloved child Persephone.

During one of his pilgrimages, Demeter stopped at a tree, near the city of Eleusis, and she began to cry disconsolately

She was greeted by the loving daughters of Celeus king of Eleusis, who decided to accommodate the old woman at their court and, disguised as an old nurse, were entrusted to her care of the royal children, Demophontes.

Monument ID: 32444To alleviate the sadness of the old woman, the queen Metanira decided to assign to Demeter the most irreverent and cheeky servant of the palace, the young Iambe *** . That young girl, with jokes and of any kind was able to snatch an amused smile to the Goddess of Nature.

Demeter to thank the queen Metanira of her benevolence decided to transform the small Demophontes in an immortal and began her mysterious practice in the heart of the night.

Metanira who suspected that the old woman was much more than it appeared, decided to oversee her actions. that was how, with surprise and terror she discover the little Demophontes subject of these ritualsand she starts screaming and yelling at the nurse. Demeter at that point that she went on a rampage for the queen who dared to refuse a so immeasurable gift.

demetra e metaniraFurious, Demeter resumed his divine forms, terrorizing even more Queen Metanira, and imposed the construction of a temple in her honor where were practiced, every year, the rites that Demeter in person would have taught to initiates.

After a long search the Goddess Iris found the Goddess of Nature, just outside Eleusis and reported the message of Zeus, that is to come back and make peace with the Olympians.

Demeter refused angrily, telling Iris to report to the Father of the Gods that would never come back if he had not been given back her daughter Persephone.

melogranoZeus was angry with her and ordered to his brother Hades to return with Persephone, but she was already been turned into his bride and queen of hell. Ade devised a stratagem: he allowed Persephone to return to her mother, but before leaving the god offered her a fruit from the seeds red as blood. It was the fruit of the dead: the pomegranate. With this fruit he bound Persephone to himself for eternity.

Come back in the surface of the earth Persephone was greeted by Demeter, the goddess with a single hand gesture, rebooted the cycle of the seasons and in an instant the fields were full of corn ears and trees bursting with fruit. Demeter, knowing the cruelty of his rival, he asked the small Persephone if she touched or eaten something in the realm of the dead. Persephone confirmed the fears of the mother and admitted that she had eaten the pomegranate.

Then Demeter was forced to accept Hades’ deception and she told to Persephone that she should return to the Land of the Dead, as queen, for the six months of winter, while, for the six months of summer they woill be together on the land filled with fruits and flowers.

persefone regina dei mortiThese facts gave rise to the initiatory path that all young Greek had to follow, from the condition to that of virgin brides. Path that symbolically represents death of childhood**** and the birth of adulthood.

Demeter was a deity always dutiful who was responsible for maintaining a delicate balance between all things created, however, we can find a story of “gossip” linked to the attempted seduction by the God Poseidon.

Demeter transformed herself into a horse and hid himself among the herd of horses of King Onkios, in the city of Onkeion, but the Blue God was not fooled and unearthed the “mare,” also was transformed into a horse, a beautiful stallion and couple with the goddess Demeter.

poseidoneThe Goddess of Nature was literally furious and went to wash the filth in the river Ladona. However from that forced union was born a daughter, whose name was forbidden to pronounce outside of the Eleusinian Mysteries, and a horse with a thick mane, black as pitch, Arion.

King Onkios donated Arione the horse to Heracles during the expedition against the city of Elis.

erisittoneThere is a story in which we experience the violent side of the Goddess of Nature. The king of Thessaly Erysichthon of Thessaly, in his arrogance and pride, deliberately wanted to break down a forest sacred to the goddess Demeter. The reason was quite senseless: with the wood he wanted build a dining room. The Goddess of Nature went on a rampage and punished his wickedness condemning him to eternal hunger. From that day Erysichthon of Thessaly could no longer be satiated, tormented by the constant desire for food, the king of Thessaly squandered the royal treasury and was forced to sell his daughter to the market.

Mestra, since she was the lover of Poseidon and she had the gift of metamorphosis to turn into any animal she wanted to be. 

Erysichthon of Thessaly, knowing the gift of Maestra, forces her to become a different animal every day and then, after being sold, escape at night to return to the palace. But even this is not enough to the unfortunate Erysichthon of Thessaly: his lust for food growing every day and so, to appease his hunger, he finally devoured itself.

PlutoWhile the story that sees the Goddess Demeter love someone like the daughter is really worth telling. The son of Zeus and Electra, lasion, lived in Samothrace and had the good fortune to become a lover of Demeter, their bed of lovers was a fallow land “revolted” three times, protected by nature. From their relationship was born a son Pluto, that is to say the wealth. Their little Pluto start immediately his pilgrimage spreading everywhere wealth and abundance, trailing his touch men more deserving.

The symbols of the goddess were, poppies, daffodils and bundles of wheat that was holding in his hands, sacred to her were the crane and the sow and its places of worship were scattered throughout Greece: Eleusis, Delos, Corinth, Samothrace, Pergamon and in Magna Greece: Agrigento, Selinunte, Enna and Syracuse.

The Goddess of Nature was especially worshiped in the countryside, where they lived with humility and where was handed down the knowledge that Demeter gave to men. Many votive offerings have been discovered by archaeologists exclusively on the worship of the goddess Demeter, like clay piglets, made in the Neolithic.

The priestesses who took care of Demeter were called Melissse were wood nymphs, the best known of these, Melissa, nursed Zeus in bands, together with the the goat Amalthea, and she was responsible of feeding the future Father of the Gods with the sweet honey.

Alessandro Cerioli

* The word cereal comes from the latin word Ceres, the equivalent of the Roman goddess Demeter.

** The legends tell that because of this earthquake, caused by Hades, Sicily detached itself permanently from the rest of the Italian peninsula.

*** From the name of this girl came the famous comic poetry, Iambos, full of jokes and obscene elements, which in the form of folk songs was sung derisively to friends and enemies.

**** Even today we talk about the orgasm as a “little death”. Persephone itself contains the mystery of the two conditions. With her mother Demeter looks like life, with the bridegroom Hades looks like death.

Olympos: Demetra, la Dea della Natura

333px-Demeter_Pio-Clementino_Inv254Studio Tablinum: cari lettori con questo articolo siamo giunti alla conclusione del nostro ciclo sulla mitologia greca. Quest’ultimo articolo l’ho riserbato ad una divinità benefattrice, come il povero e sfortunato Dio Efesto, ricorderete, il Dio costruttore dell’Olimpo. Bene questo mese tratteremo le vicende della Dea della Natura, Demetra.

Demetra è  figlia dei Titani Crono e Rea, sorella di Zeus, ed è la Dea dell’Abbondanza, dell’Agricoltura e della Terra, definita anche la Madre Terra. Demetra era l’artefice del ciclo delle stagioni e della vita e della morte.

Quindi una Dea, il più delle volte, che portava all’umanità ricchezza e benessere, potremmo quindi definirla una Dea “costruttiva”. Il dono più grande che Demetra fece all’umanità furono i cereali * che consentirono a questi di elevarsi a uno status superiore e di distinguersi dagli animali selvatici.

adeDemetra donò agli uomini anche la conoscenza delle tecniche agricole: la semina, l’aratura, e la mietitura. La Dea Demetra provava un grande amore che era la piccola figlia Persefone, avuta con il Padre degli Dei. E questa è la vicissitudine che rischiò di portare all’estinzione il genere umano. Ecco perché: il Dio dei Morti, Ade, il fratello oscuro e ombroso di Zeus, stanco della solitudine del sua reggia infernale, sempre solo con le anime dannate, decise che forse non era giusto che a lui fosse precluso avere una moglie. Chiese di essere ricevuto dal Padre degli Dei, che pur disprezzandolo, decise di acconsentire a fin che lui prendesse moglie, anche Zeus sapeva di cosa era capace il terribile fratello e per evitare guai peggiori lo accontentò. Tuttavia era altamente improbabile che potesse trovare una sposa che decidesse di sua spontanea volontà di seguirlo nel regno delle ombre e della desolazione e quindi decise di passare alle vie di fatto, con la forza, ossia con un rapimento.

ratto di persefoneLa triste decisione cadde sulla giovane figlia di Zeus, Persefone, avuta appunto con la Dea Demetra, che in quel momento, sola e ignara di quanto stava per accadergli giocava spensierata in un prato erboso e ricco di narcisi, nel cuore della Sicilia. Tutto d’un tratto la terra inizio a tremare in modo violentissimo** e la piccola Persefone cadde a terrà terrorizzata. Dalle oscure cavità della terra emerse il Dio dei Morti Ade, sul suo cocchio trainato da destrieri che sbuffavano fuoco, e in men che non si dica rapì Persefone con destrezza ritornando nell’antro da cui era sbucato.

Accortasi della sparizione della figlia Demetra sprofondo in un dolore indescrivibile. Inizio ad interrogare tutti gli uomini e animali del creato, purtroppo senza risultato, in verità nessuno voleva inimicarsi il Dio dei Morti, quindi non volevano saperne nulla di quella vicenda.

demetra dea della naturaIl decimo giorno la Dea lunare Ecate, mossa a compassione, decise di svelare l’accaduto a Demetra e insieme si recarono dal Dio del Sole Apollo, che tutto vede e tutto sa. Anche Apollo confermo la versione di Ecate e informo Demetra del patto segreto fra Zeus e Ade, affinché quest’ultimo scegliesse la propria sposa. Adiratasi e chiusa nel suo dolore decise di abbandonare l’Olimpo e vagare per terre lontane alla ricerca della figlia, camuffata da vecchia donna, ma prima prese una decisione drastica, essendo lei la Dea della Natura, decise di fermare questo ciclo vitale e che tutti soffrissero come stava soffrendo lei, quindi niente più raccolti, niente più fioriture e niente più stagioni.

Gli Olimpi accusarono, come gli uomini, questa decisione, vedendo le offerte in loro suffragio diminuire drasticamente e sentendo più imprecazioni che preghiere, si rivolsero all’unisono al Padre degli Dei perché facesse terminare questa carestia voluta da Demetra.

Zeus acconsenti affinché ritornasse l’abbondanza sulla terra e indirettamente sull’Olimpo, mandò quindi la Dea Iris a cercare Demetra e convincerla a riprendere il suo posto nell’ordine cosmico.

eleusiE qui le vicende della Dea Demetra si intrecciano con Eleusi. Si deve infatti alla Dea Demetra la creazione dei Misteri Eleusini, che hanno aiutato l’essere umano a comprendere meglio se stesso e tutto quello che gli sta attorno.

Questi misteri hanno a che vedere con la perdita dell’amata figlia Persefone. Durante uno dei suoi pellegrinaggi si fermò presso un albero, nei pressi della città di Eleusi, e si mise a piangere sconsolata per non poter più rivedere il volto della giovane figlia. La trovarono le figlie del re di Eleusi, Celeo, che decisero, mosse a compassione, di ospitare la vecchia donna presso la loro corte.

Monument ID: 32444Demetra, nelle vesti di vecchia balia, si dette subito da fare accudendo il giovane figlio del re di Eleusi, entrando in simbiosi con la regina Metanira, che forse si accorse che quella donna era qualcosa di più di una povera vecchia, a tal punto da affidargli il loro unico figlio maschio, Demofonte. Per alleviare la tristezza della vecchia donna Metanira decise di affidargli la sua ancella più irriverente e sbarazzina, la giovane Iambe*** che con scherzi e oscenità di ogni genere riuscì a strappare un sorriso divertito alla Dea della Natura. In questo la serva riuscì dove tutti gli altri Dei avevano fallito.

Demetra per ringraziare la regina Metanira di tanta benevolenza decise di rendere il piccolo Demofonte immortale e inizio la sua pratica misterica nel cuore della notte. Metanira, che aveva capito che quella vecchia donna era molto più di quello che voleva far capire, decise di spiarla e con sorpresa e terrore scopri il piccolo Demofonte in preda a questi rituali e interrompendo la danza mistica di Demetra, inizio a urlare e inveire contro di essa.

demetra e metaniraDemetra a quel punto andò su tutte le furie dicendo alla regina che il rito avrebbe reso il suo unico figlio maschio immortale, un dono incommensurabile.

Nel mentre pronunciava queste parole Demetra riprese le sue forme divine, terrorizzando ancora di più la regina Metanira, e andandosene ordinando alla regina la costruzione di un tempio in suo onore dove venissero praticati, ogni anno, i riti che Demetra insegnerà agli iniziati.

Dopo una lunga ricerca la Dea Iris trovò la Dea della Natura, poco fuori da Eleusi e riferì il messaggio di Zeus, ossia di ritornare e riappacificarsi con gli Olimpi. Demetra rifiuto seccamente, dicendo ad Iris di riferire al Padre degli Dei che non sarebbe mai più tornata se non gli fosse stata restituita la sua figliola Persefone.

melogranoTrovandosi a mal partito Zeus accetto e intimo al fratello Ade la restituzione di Persefone, a quel punto già divenuta sua sposa e regina degl’inferi. Ma Ade ideo uno stratagemma; acconsenti a finché Persefone potesse ritornare fra le braccia della madre, ma prima che partisse dalla reggia oscura diede alla piccola Persefone un frutto, che la piccola mangio.

Era il frutto dei morti: il melograno. Un frutto dai semi rossi come il sangue. Con questo frutto Ade vincolo a se Persefone per l’eternità.

demetra e persefoneTornata che fu in superficie Persefone si getto fra le braccia di Demetra, che in quel momento tornava a nuova vita. Mantenendo la promessa, con un solo gesto della mano, la Dea della Natura fece riprendere il ciclo delle stagioni e in un attimo i campi erano colmi di spighe di grano e gli alberi carichi di frutti.

Cera però qualcosa che non tornava a Demetra e conoscendo l’infida natura del Dio dei Morti domando alla piccola Persefone se avesse toccato qualcosa o mangiato qualcosa nel regno dei morti. La piccola Persefone confermo le paure della madre, dicendole che aveva accettato il melograno. A quel punto Demetra capi dove stava l’inganno e dovette, dolorosamente, accettare quelle condizioni e dire a Persefone che avrebbe dovuto tornare nel regno dei morti, come regina, per i sei mesi invernali, mentre per i restati sei, quelli estivi, sarebbero state insieme.

persefone regina dei mortiComprendiamo da questa vicenda la gioia e il dolore di Demetra, da un lato avrebbe voluto sua figlia tutta per se, dall’altro era meglio averla per soli sei mesi, che non rivederla mai più.

In fondo da questa vicenda nacque il percorso iniziatico che tutte le giovani greche doveva intraprendere, dalla condizione di vergini alla condizione di spose. Percorso che simbolicamente rappresentava la morte**** della fanciullezza e la nascita dell’età adulta.

Demetra fu una divinità che non fece scalpore fra gli Olimpi, sempre ligia al dovere, aveva il delicato compito di mantenere un equilibrio fra tutte le cose create, la Natura in un qualche modo gli competeva direttamente.

Possiamo tuttavia trovare una vicenda di “gossip” legata al tentativo di seduzione da parte del Dio del Mare Poseidone.

poseidoneDemetra accortasi delle avance di Poseidone decise di trasformarsi in una cavalla e confondersi nella mandria di cavalli del re Onkios, della città di Onkeion, ma il Dio Azzurro non si fece ingannare e scovata la “cavalla” a cui era interessato, anch’esso si trasformo in cavallo, uno splendido stallone e si accoppio con la Dea Demetra. La Dea della Natura fu letteralmente furibonda e andò a lavare quella sozzura nel fiume Ladona. Tuttavia da quella unione forzata nacque una figlia, il cui nome era proibito pronunciare al di fuori dei Misteri Eleusini, e un cavallo dalla folta criniera, nero come la pece, Arione. Arione che fu donato dal re Onkios all’eroe Eracle per la spedizione contro la città di Elide.

erisittoneIn questa vicenda vediamo il lato violento della Dea della Natura. Il re di Tessaglia Erisittone, nella sua tracotanza e superbia, volle abbattere deliberatamente un bosco sacro alla Dea Demetra. Il motivo era del tutto futile, con quel legname voleva costruirsi una sala da pranzo. La Dea della Natura andò su tutte le furie e punì la sua empietà condannandolo alla fame eterna. Da quel giorno Erisittone non riuscì più a saziarsi, spinto dalla continua bramosia di cibo, il re di Tessaglia finì per dilapidare il tesoro reale e fu costretto a mettere in vendita la propria figlia, più volte, al mercato.

Ebbene la figlia di Erisittone, Mestra, era l’amante del Dio del Mare Poseidone ed ebbe dal Dio Azzurro il dono delle metamorfosi, il che le consentiva di mutarsi in qualsiasi animale lei volesse. Erisittone, conoscendo il dono di Mestra, la costrinse a divenire un animale diverso ogni giorno, per poi essere venduta al mercato e scappare nottetempo, per far ritorno alla reggia. Il tutto si ripeteva ogni giorno…

Ma anche questo non basto allo sventurato Erisittone, la sua bramosia di cibo cresceva ogni giorno e la Dea della Natura, decise di porre fine a questa situazione.

Costrinse Erisittone a divorare se stesso, per poter placare la sua fame insaziabile.

PlutoMentre la vicenda che vede la Dea Demetra amare qualcuno al pari della figlia Persefone è davvero degna di essere raccontata.

Il figlio di Zeus e di Elettra, Iasione, viveva a Samotracia ed ebbe la fortuna di avere una relazione amorosa con la Dea della Natura, ricordiamo che la Dea Demetra, a suo tempo, ebbe da Zeus una sola figlia Persefone. Dalla notte d’amore che ebbe con Iasione ebbe un figlio maschio, dal nome Pluto, ossia la Ricchezza. Il loro giaciglio fu un campo di maggese “rivoltato” tre volte, protetti dalla natura.

Il loro piccolo Pluto inizio da subito a pellegrinare per la terra diffondendo dappertutto ricchezza e abbondanza, sfiorando con il suo tocco gli uomini più meritevoli.

I simboli della Dea Demetra erano: i papaveri, i narcisi e i fasci di grano che reggeva fra le mani, mentre i suoi animali sacri erano: la gru e la scrofa. I suoi luoghi di culto erano disseminati in tutta la Grecia: Eleusi, Delo, Corinto, Samotracia, Pergamo e nella Magna Grecia: Agrigento, Selinunte, Enna e Siracusa.

La Dea della Natura era particolarmente adorata nelle campagne, dove si conduceva una vita rurale, e dove si tramandava la conoscenza che la Dea stessa dono agli uomini. Molte offerte votive sono state rinvenute dagli archeologi esclusivamente in relazione al culto della Dea Demetra, come i porcellini di creta, realizzati nel Neolitico.

Le ninfe che si prendevano cura della Dea Demetra erano chiamate Melisse ed erano delle ninfe dei boschi, la più nota di queste, Melissa, accudì Zeus in fasce, insieme alla capra Amaltea, e aveva il compito di nutrire il futuro Padre degli Dei con il dolce Miele.

 

Alessandro Cerioli

 

* la parola cereale deriva dal latino Cerere, ossia l’equivalente romano della Dea Demetra.

**le leggende narrano che fu a causa di questo terremoto, provocato dal Dio Ade, che la Sicilia si stacco definitivamente dal resto della penisola italiana.

***Da Imabe derivo la famosa poesia comica, Iambos, ricca di elementi scherzosi e osceni, che sotto forma di stornelli veniva cantata in modo derisorio ad amici e nemici.

****Ancora oggi si parla dell’orgasmo come di una “piccola morte”. In se Persefone racchiude il mistero delle due condizioni. Con la madre Demetra appare come la vita, con lo sposo Ade appare come la morte.

Olympos: Hermes, The Gods Messanger

Hermes_Logios_Altemps_Inv8624Studio Tablinum: a few words would be enough to define god Hermes: theft, liar and swindler. To be honest, Hermes was also a generous god at times, and he was considered a wanderer as he was the gods’ messenger and emissary, moving freely between the world of mortals and the divine as well as between the world the living and the afterlife. He is the god of boundaries, a bridge between visible and invisible and he always arrives unexpectedly and quickly. Thanks to this ability of being everywhere and nowhere, gentle and unperceived, he is the patron of communications and travel as well as thefts; all the thieves around the world inevitably need a powerful protector in order to get themselves out of trouble.

maiaSon of Zeus and the Pleiad Maia, he is considered one the twelve Olympians. His symbols were the rooster and the turtle and he was easy to identify with his clothing, hat, winged sandals, purse and Kerykeion, the wanderer’s stick. In order not to be caught by his wife Hera, Zeus secretly escaped from the bed at night and rushed to the cave where Maia, the Titan Atlas’ daughter, was waiting for him. From their union, Hermes was conceived. In the same evening of his birth, he escaped from his cradle and headed for the woods. The first thing that he saw was a turtle, an invulnerable and odd animal. Astonished, Hermes took the animal back to his cave and killed it with a knife, in the hollow shell he put seven strings made of sheep nerves; he then started playing them and at that very moment, a sweet and harmonious sound came forth: Hermes had invented the lyre.

Hermes also had a fervid and brilliant mind, he used to see things that others could not even imagine and this is the reason why he undertook a second adventure, when he was only one day old. He decided to steal the cows which were sacred to God Apollo. He left his musical instrument and headed for the mountains in Pieria, where the cattle of the Olympians pastured. He took away the herd, and he carefully made sure that the cows walked backwards not to leave prints on the sandy soul. He also wore huge shoes made of leaves and branches, thus it would have been suspected that the thief was a monster or a giant rather than an infant.

hermes e argoHe then hid the herd in a safe place and killed two cows to eat them. It is thought that this last action caused the invention of fire and new cooking techniques. To sum up, after only twenty-four hours from his birth, the infant had already invented the lyre, the fire and the art of cooking.

When Apollo went to check his cattle, he realised that fifty cows were missing, the prints that he saw were nothing but confusing and he thought no one could leave such strange prints. He met a winegrower and asked him explanations, the latter was not brave enough to lie to the god of sun and narrated a strange anecdote, a child leading fifty cows walking backwards. The enraged Apollo went to the cave where Hermes was peacefully having a nap and, grabbing his ear, he took him up to Mount Olympus.

Before the Father of gods, Hermes swore that he did not know anything about the cattle as he was only an infant but Zeus scolded the child and ordered him to give back his ill-gotten gains. He also urged him to well behave, but Hermes never followed this suggestion because of his shrewd and furtive nature. However, to make peace with his own brother Apollo, he gave him the instrument he had earlier invented, the lyre. With the instrument in his hands, Apollo became the god of music.

Hermes IVAs previously mentioned, Hermes was also the god of wanderers, merchants as well as thieves. He was an emissary travelling around the world and he was also the conductor of souls into the afterlife. The god gathered them and led them through the door to hell where they were condemned to stay in eternity. He used to accomplish this task every single night and this is the reason why Hermes was also identified as an esoteric divinity.

We also say that Olympus for the work he never failed, it was also used in the household chores like cleaning the table of the gods, after the banquet, or do their butler, in short, a sort of God “factotum.”

 

perseoIts multiple events they see him help the demigod Perseus killing the Gorgon, procuring for the sickle of Perseus Zeus, his winged shoes, the helmet of Hades and the shield of Athena.
They see it on the big Caucasus in an attempt to convince the Titan Prometheus to reveal to him the prophecy about the end of the Gods Olympians but Prometheus, the Titan’s friend, refused to speak and thus prolonged the suffering of his prisoner.
Join, like the other gods, to the war of Troy siding with the Achaeans, though always protect the King Priam, especially when the old king went into the camp of the Greeks to claim the body of his son Hector.
Help the hero Odysseus in his return home, after the council of the gods that stable that the King of Ithaca could return to his island, he went by the nymph Calypso Hermes to persuade her to leave between Odysseus. The Messenger of the gods help Odysseus still giving him an antidote potions of Circe that turned men into animals.

ErmafroditoThe Loves of Hermes were different and all with bizarre consequences for his descendants, as the Messenger of the Gods ambiguous in its very nature, of course, also his offspring was somewhat extravagant.
The love goddess Aphrodite brought it to create a beautiful child named Hermaphroditus *. It is said that he Hermaphrodite beauty of Aphrodite and the vivacity of Hermes, in his name is the key of the illustrious parents, but it so happened that during a jaunt in the woods the handsome young man found himself near a source and decided to take a bath , not knowing that the Nymph Salmacis, the protector of the source, watching him interested in all that beauty and not just the boy dip in the fresh water source by Salmacis also in the water and joined him, the young Hermaphrodite, who did not want to join with Salmacis, I try to break free but the Nymph taken by a blind fury took a solemn oath to the gods: it is never the day when our two bodies will come off … this oath Pronunciation water came out of a being that was neither man nor woman, but both. She was featured as a girl but masculine attributes.

dio-panAnother bizarre son of Hermes, had with the nymph Driope, was the mighty God Pan and wild. Hermes would have seduced the nymph of the mountains of Arcadia. Fell in love with her, the Gods Messanger was transformed into a goat and stealthily approached the nymph, once arrived in its vicinity with a leap was on him and abuse her. That’s why this union was born a god so whimsical and surreal, half man and half goat. It is said that when he saw this Driope his son he was so frightened that she left him in the woods. Pan was a god, like his father Hermes, who loved the woods, the pastures and the countryside, a great lover of sex and dance he used to chase the nymphs while playing his instrument, syringe or panpipes. He was also a god playful and appeared suddenly terrorizing ** shepherds and travelers emitting terrifying screams.

mercurio-mitoAs a child of great cunning, in fact like his father Hermes, was Autolycus, father of Laertes and grandfather of Odysseus. He was born from the union of the Gods Messanger and Chione daughter Dedalione. Autolycus, a great thief, had the ability to steal anything from anyone without getting caught. He was also a member of the Argonauts and dispense advice to his grandson Odysseus during their encounter is not by chance Odysseus was crafty and deceiver.

 

As you understand we are dealing with a God of multiple capabilities, not always fair and clear, but for the Greeks Hermes was a god to which way to turn in the event of a practical need, before a trip, before the opening of a business or before a theft, it was good to have the God Hermes as protector.
The Next month we will discuss the events of the Goddess of Wisdom, Athena.

* Even today hermaphroditism define the phenomenon by which a species of animal or plant can produce, in both ways, the male gametes and the female ones.
** Even today we speak of “panic” for the sudden and unwarranted fears.

Alessandro Cerioli

Olympos: Hermes, il Messaggero degli Dèi

Hermes_Logios_Altemps_Inv8624Studio Tablinum: basterebbero poche parole per definire il Dio Hermes, ossia: ladro, bugiardo e imbroglione. In verità  Hermes era anche un Dio generoso, alle volte, e andrebbe considerato un Dio vagabondo per la sua connotazione “professionale”; era il Messaggero degli Dei, faceva da tramite fra l’Olimpo e la terra, ma non solo, faceva da collegamento fra il mondo dei vivi e quello dei defunti. E’ il Dio delle soglie, un ponte tra il visibile e l’invisibile e arriva sempre inatteso e con rapidità. Per questa sua capacità di essere ovunque e in nessun luogo, leggero e inavvertito, lo rendono non solo patrono delle comunicazioni e dei viaggi ma anche del furti; tutti i ladri di questo mondo, per forza di cose, debbono avere un protettore potente per potersi destreggiare con fugacità.

maiaFiglio di Zeus e della Pleiade Maia, Hermes è considerato uno dei dodici Olimpi, i suoi simboli erano il gallo e la tartaruga, era facilmente riconoscibile per il suo abbigliamento, il suo cappello e i suoi sandali alati, il borsellino ed il Kerykeion, il bastone da viandante. Zeus, per evitare di farsi scoprire dalla moglie Hera, segretamente sgusciava di notte fuori dal letto di nozze e si precipitava nella grotta dove la figlia del gigante Atlante Maia lo attendeva. Da questa unione nacque Hermes e non poteva che essere figlio del Padre degli Dei. Precocemente, la sera della sua nascita, scappò dalla sua culla e si incamminò nella boscaglia. Con stupore la prima cosa che vide fu una tartaruga, animale corazzato e buffo; Hermes preso dallo stupore riportò l’animale nella grotta e con un coltello lo uccise e dal suo guscio ne ricavò una nicchia dove vi posizionò sette corde di nervo di pecora che iniziò a pizzicare, in quell’istante ne scaturì un suono dolce ed armonioso che incantava. Era nata la Lira.

Hermes era un Dio dalla mente fervida e brillante, vedeva cose che gli altri non potevano nemmeno immaginare, e qui la sua seconda avventura, dopo solo un giorno di vita, stava per essere messa in atto. Si mise in testa di rubare le vacche sacre del Dio Apollo, suo fratello. Cosi Hermes depose il nuovo strumento musicale e si incamminò verso i monti della Pieria, dove pascolava la mandria degli Olimpi. Radunò la mandria e la portò via con se, accorto che le vacche camminassero tutte all’indietro per non lasciare tracce direzionali su di un terreno sabbioso. Mentre per confondere le idee costui prese delle calzature enormi con foglie e rami, pensando che nessuno avrebbe mai sospettato che il ladro fosse un bimbo in fasce, ma un gigante o un mostro.

Arrivato in un luogo sicuro nascose le vacche e ne macellò due, che con buon appetito hermes e argodivorò in loco. Si pensa che quel gesto portò il Dio Hermes ad inventare il fuoco e nuove tecniche per cucinare gli alimenti. Insomma dopo ventiquattrore di vita l’infante inventò la Lira, il fuoco e l’arte culinaria.

Apollo, recandosi al pascolo per il controllo quotidiano, si accorse che mancavano all’appello cinquanta vacche e non si capacitava del fatto che le impronte provenissero da una parte improbabile e poi quelle impronte giganti, nessuno poteva lasciare impronte simili. Visto al lavoro un vignaiolo lo interrogò ed il vignaiolo, che non se la senti di mentire al Dio del Sole, racconto un fatto strano, un bimbo che conduceva una cinquantina di vacche che procedevano all’indietro. A quel punto Apollo andò su tutte le furie e si precipitò nella grotta, dove nel frattempo il neonato furfantello Hermes era tornato per un riposino ristoratore. Preso Hermes per un orecchio lo condusse sull’Olimpo. Una volta al cospetto del Padre degli Dei, Hermes giurò e spergiurò che non sapeva nulla di queste “vacche” ma che era solo un povero neonato. Zeus a quel punto rimproverò il neonato intimandogli la restituzione del maltolto e ammonendo Hermes di comportarsi in futuro in modo più corretto, ammonimento che Hermes non seguì mai per via della sua natura scaltra e furtiva. Tuttavia, per fare pace con il fratello Apollo, gli donò lo strumento che da poco aveva inventato, la Lira. Avendola nelle sue mani Apollo divenne anche il Dio della Musica.

Hermes IVCome dicevamo prima Hermes era il Dio protettore dei viandanti, dei commercianti e dei ladri ma essendo un messaggero che viaggiava per tutto il mondo aveva anche un compito più gravoso, ossia quello di accompagnare le anime dei defunti nell’Aldilà, nell’Ade. Il Dio le radunava e con il suo bastone magico le conduceva attraverso le porte dell’inferno dove esse erano condannate a rimanere in eterno e questa operazione si ripeteva tutte le notti, non a caso Hermes veniva anche identificato come una divinità esoterica. Malinconico custode dell’oltremondo.

Era venerato in tutta la Grecia, ma il centro più importante dove veniva praticato il suo culto era a Feneo in Arcadia.

Diciamo inoltre che sull’Olimpo per lui il lavoro non mancava mai, veniva anche impiegato nel disbrigo delle faccende domestiche come pulire la tavola degli Dei, dopo i banchetti, oppure fare il loro coppiere, insomma una sorta di Dio “factotum”.

perseoLe sue molteplici vicende lo vedono aiutare il semidio Perseo nell’uccisione della Gorgone, procurando a Perseo il falcetto di Zeus, le sue scarpe alate, l’elmo di Ade e lo scudo di Atena.

Andò sul grande Caucaso nel tentativo di convincere il Titano Prometeo a svelargli la profezia sulla fine degli Dei Olimpi ma Prometeo, il Titano amico dell’uomo, si rifiutò di parlare e prolungò cosi la sua sofferenza di prigioniero.

Partecipa, come le altre divinità, alla guerra di Ilio parteggiando per gli Achei, anche se proteggerà sempre il Re Priamo, soprattutto quando il vecchio Re andò nell’accampamento dei greci per rivendicare il corpo del figlio Ettore.

Aiutò anche l’eroe Odisseo nel suo rientro a casa, dopo il consiglio degli Dei che stabilì che il Re di Itaca potesse fare ritorno alla sua isola, Hermes si recò dalla Ninfa Calypso per convincerla a far partire Odisseo. Il Messaggero degli Dei aiuto ancora Odisseo dandogli un antidoto contro le pozioni della maga Circe che tramutavano gli uomini in animali.

ErmafroditoGli amori di Hermes furono diversi e tutti con conseguenze bizzarre per la sua discendenza, essendo il Messaggero degli Dei ambiguo nella sua natura stessa, chiaramente, anche la sua prole era alquanto stravagante.

L’amore per la Dea Afrodite portò a generare uno splendido fanciullo dal nome Ermafrodito*. Si dice che Ermafrodito avesse la bellezza di Afrodite e le vivacità di Hermes, nel suo nome sta la chiave degli illustri genitori, ma accadde che durante una scampagnata per i boschi il bel giovane si trovò nei pressi di una fonte e decise di prendersi un bagno, non sapendo però che la Ninfa Salmacide, protettrice di quella fonte, lo spiava interessata a tutta quella bellezza e non appena il ragazzo si tuffo nelle dolci acque della fonte Salmacide entro anch’essa in acqua e si unì a lui, il giovane Ermafrodito, che non voleva saperne di congiungersi con Salmacide, tento di divincolarsi ma la Ninfa presa da una furia cieca fece un giuramento solenne a gli Dei: non venga mai il giorno in cui i nostri due corpi si staccheranno… Pronunciato questo giuramento dall’acqua usci un essere che non era né uomo né donna ma entrambe le cose. Aveva fattezze da fanciulla ma attributi maschili.

dio-panUn altro figlio bizzarro di Hermes, avuto con la ninfa Driope, fu il Dio potente e selvaggio Pan. Hermes avrebbe sedotto la ninfa sulle montagne dell’Arcadia. Invaghitosi di lei il Messaggero degli Dei si trasformò in un caprone e si avvicinò furtivamente alla ninfa, una volta giunto nei suoi pressi con un balzo gli fu addosso e abusò di lei. Ecco perché da questa unione nacque una divinità tanto capricciosa e surreale, metà uomo e metà capro. Si dice che Driope appena vide questo suo figlio ne fu talmente spaventata che lo abbandonò nei boschi.

Pan era una divinità, come suo padre Hermes, che amava i boschi, i pascoli e la campagna, grande amante del sesso e della danza, era solito inseguire le ninfe mentre suona il suo strumento, la siringa o flauto di Pan. Era anche un dio scherzoso e appariva d’improvviso terrorizzando** pastori e viandanti emettendo urla terrificanti.

mercurio-mitoMentre un figlio di eccezionale furbizia, come il padre Hermes appunto, fu Autolico, padre di Laerte e nonno di Odisseo. Nacque dall’unione fra il Messaggero degli Dei e Chione, figlia di Dedalione. Autolico, grande ladro, aveva la capacità di rubare qualsiasi cosa a chiunque e senza essere scoperto. Autolico fu anche un componente degli Argonauti e dispensò consigli al nipote Odisseo durante il loro incontro, non a caso Odisseo era scaltro e ingannatore.

Come avrete compreso siamo di fronte ad un Dio dalle molteplici capacità, non sempre leali e cristalline, ma per i greci Hermes era un Dio a cui votarsi in caso di bisogno pratico: prima di un viaggio, prima dell’apertura di un’attività commerciale o prima di un furto, era bene avere il Dio Hermes come protettore.

Il Prossimo mese tratteremo le vicende della Dea della Saggezza, Atena.

Alessandro Cerioli

*Ancora oggi definiamo Ermafroditismo il fenomeno con il quale una specie animale o vegetale può produrre, in ambo i modi, i gameti maschili e quelli femminili.

** Ancora oggi parliamo di “panico” per le paure improvvise e immotivate.

Olympos: Artemide, la Dea della Caccia

Artemide statuaStudio Tablinum: questa è la Dea più austera e proba dell’Olimpo, oggi giorno potremmo definirla una “single convinta”, non era una Dea che legava molto con il sesso maschile.

La Madre degli Dei Hera l’additava di essere troppo incline ad una natura  mascolina e rozza; ma in verità a parlare era solo la gelosia, dopo l’ennesima scappatella del marito Zeus, questa volta con Latona,  con la quale generò, oltre ad Artemide, anche il Dio Apollo, che abbiamo trattato il mese scorso.

Si narra che Artemide, nata primigenia, aiutò la madre Latona a partorire il fratello divino. Artemide, seduta sulle ginocchia del padre divino, chiese di avere un arco come il fratello Apollo e di avere una schiera di Ninfe e Oceanine che accudissero i suoi cani, quando lei non era a caccia, e che si prendessero cura della sua persona. Zeus da padre generoso concesse ad Artemide quanto richiesto, concedendole inoltre di rimanere vergine per sempre.

oceanineCelebre per la propria austerità, Artemide fu eletta patrona delle iniziazioni femminili, alla quale tutte le fanciulle facevano appello. Adorata in tutta la Grecia, i suoi luoghi di culto si trovavano in quasi tutte le città, soprattutto la nativa Delo e la guerresca Sparta. I suoi simboli sacri erano il cervo ed il cipresso.

Micidiale con la sua muta di cani, che tenevano testa ai leoni; un regalo del Dio Pan. Scorrazzava fra i boschi in cerca di animali da trafiggere con il suo temibile arco, dono questo dei Ciclopi. Il suo corpo atletico e snello con la sua corta tunica da cacciatrice poteva apparire terribilmente sensuale e fu quello che accadde.

atteoneUn giorno, fra i boschi che circondavano Tebe, Artemide si prese un bagno in una delle sorgenti che sgorgavano fresche dal monte Citerone. Trovandosi nei paraggi, per sua disgrazia, il principe tebano Atteone, non poté non contemplare quella bellezza statuaria. Ma nessuno poteva guardare impunemente il corpo di una Dea, e Artemide, accortasi dello sguardo lascivo di Atteone, getto sul viso del malcapitato dell’acqua e immediatamente Atteone si trasformò in un cervo. A quel punto i cani di Artemide, sentito l’odore della bestia nei paraggi, accorsero e ridussero il povero malcapitato in brandelli. Solo quando vide la morte atroce del principe, Artemide placò la propria ira.

caccia calidoniaIn quest’altra vicenda, Artemide mandò un cinghiale di enormi dimensioni contro la città di Calidone*, poiché il suo re Oineo era venuto meno alle offerte rituali dovute alla Dea della Caccia. Questo cinghiale devastò i campi coltivati, Oineo, esasperato, cercò di liberarsi dell’animale, organizzando una battuta di caccia* alla quale parteciparono su invito del re, diversi eroi presenti in Grecia; vediamo la presenza dei gemelli divini Castore e Polluce, di Admeto e Linceo, degli Argonauti Laerte e Giasone e della giovane cacciatrice Atalanta. Con simili cacciatori la fiera non ebbe scampo.

Anche Artemide, come le altre divinità dell’Olimpo, prese parte alla guerra di Troia, parteggiando, come il fratello Apollo, per i troiani. Quando però ebbe a vedere che il fratello abbandonava i suoi protetti per rifugiarsi sull’Olimpo, prese ad insultarlo e lo esortò a ritornare a combattere al fianco dei troiani, Apollo non si degnò nemmeno di risponderle e se ne andò. In quel momento la Madre degli Dei, stanca di questa giovane Dea così baldanzosa, le si piazzò davanti e, con velocità fulminea, le sottrasse l’arco e stringendole i polsi prese a picchiarla sulle orecchie deridendola. Una volta che Hera termino questo trattamento lasciò andare Artemide che spaventata e addolorata si rifugio sull’Olimpo, sulle ginocchia del Padre degli Dei che provvide a consolarla.

artemideLa Dea della Caccia a suo agio nei boschi e meno sui campi di battaglia era anche una Dea vendicativa e in questo tratto era uguale al fratello divino. Contribui ad uccidere i dodici figli di Niobe, figlia del re Tantalo, che vantandosi della sua prole volle fare dei paragoni inopportuni con la madre di Artemide e Apollo, Latona.

Una fine analoga toccò anche al cacciatore Orione, che tento di insidiare la Dea della Caccia. Artemide a quel punto gli mando contro tutti gli animali feroci e selvatici, ma essendo Orione un abile cacciatore li uccise tutti. Artemide a quel punto giocò d’astuzia e mandò contro al Gigante uno scorpione, animale piccolo e velenoso, che punse a tradimento Orione uccidendolo *. Anche questa volta il suo voto di castità fu salvo.

callistoPoiché rispettava ligiamente il proprio voto di castità, Artemide voleva che anche le sue Ninfe e Oceanine facessero lo stesso. Ma questo non accadde a Callisto, la più bella delle Ninfe, che perse la verginità per mano di Zeus. Il Padre degli Dei si presentò alla Ninfa sotto mentite spoglie e quando si rivelò, era ormai troppo tardi per Callisto. Il frutto di questo rapporto violento con il Padre degli Dei non tardò ad arrivare e Callisto, durante uno dei bagni che le Ninfe si concedevano nelle sorgenti boschive, venne scoperta gravida da Artemide che si infuriò con la sua Ninfa e per punirla la trasformo in orsa, tramutando la sua bellezza in bestialità. A distanza di anni, per puro caso, il figlio della Ninfa, Arcade, durante una battuta di caccia rischiò, inconsapevolmente, di uccidere la madre tramutata in orsa. Ma in quel frangente intervenne Zeus che conscio delle sue responsabilità decise di trasformarli entrambi in costellazioni: l’Orsa Maggiore e L’Orsa Minore**.

taigeteNella vicenda di Taigete, una delle Pleiadi, Artemide cercò di intervenire per salvare la propria compagna di caccia, dalla morbosità del padre Zeus, trasformandola in un a cerva, ma il Padre degli Dei non si fece ingannare e riusci comunque a possederla. Da questa unione nacque il fondatore della città di Sparta: Lacedemone.

Grande aiuto diede al padre Zeus quando i due Giganti Oto ed Efialte decisero di assaltare l’Olimpo. Per poco i due Giganti non vi riuscirono, catturando da prima il Dio della Guerra Ares, che fu imprigionato in una vaso per tredici mesi, e poi mettendo in seria difficoltà tutti gli Olimpi. La giovane Artemide a quel punto si trasformò in una splendida cerva e si mise a correre fra i due Giganti che, per non farsela sfuggire, da provetti cacciatori quali erano, lanciarono le loro lance contemporaneamente finendo per trafiggersi l’un l’altro.

La Dea della Caccia aveva una sorta di doppia personalità, un lato benevolo con le fanciulle, che si iniziavano ai suoi riti sin dalla tenera età, e uno oscuro e notturno.

Artemide_EfesiaAd Efeso, città che venerava la Dea Artemide, sorgeva il suo santuario principale e il suo tempio era considerato una delle sette meraviglie del mondo antico, qui ci si rivolgeva alla Dea “buona”, l’Artemide degli efesini, come veniva definito il suo simulacro, di un colorito bruno e dal busto interamente coperto da mammelle. Mentre nella lontana Tauride, esisteva un santuario nel quale si pregava alla Dea “oscura”, e dove si compivano riti sinistri e orrendi. Si narrava che ad officiare questi riti fosse Ifigenia la figlia di Agamennone, re di Micene, costretta a servire la Dea in quelle terre barbare e inospitali a seguito del salvataggio della Dea in occasione del sacrificio intrapreso per ordine del suo stesso padre Agamennone, a seguito del vaticinio di Calcante, che dichiarò l’orrendo atto indispensabile per dare inizio alla guerra di Troia. La povera Ifigenia fu ritrovata fortunosamente e riportata a casa dal fratello Oreste, andato in Tauride per espiare la colpa del matricidio commesso per vendicare l’uccisione del padre Agamennone.

Questo suo lato oscuro e questa sua dimensione lunare, portarono la Dea Artemide ad essere associata alla Dea della Luna che con il suo cocchio portava in cielo la luna nuova.

Il prossimo mese conosceremo meglio il latore di ogni messaggio, buono o cattivo, proveniente dagli Dei, il Dio furbo e bugiardo Ermes.

* La caccia calidonia è un tipo di caccia ancora in auge in alcune nazioni balcaniche

**Per via di questo racconto mitico, quando si osserva il cielo notturno, si può notare che le stelle Pleiadi fuggono dalla costellazione di Orione mentre Orione fugge dalla costellazione dello Scorpione.

***Ancora oggi possiamo ammirare le due costellazioni nel cielo notturno e guardando le stelle dell’Orsa Maggiore potrete pensare alla Ninfa Callisto.

Alessandro Cerioli

Olympos: Apollo, handsome and cruel

296px-Roman_Statue_of_ApolloStudio Tablinum: He was the most handsome god of the Olympus. Amongst the Olympian deities, Apollo had harmony and grace, he knew how to play music and the Muses, goddesses of song and poetry, belonged to him. He could also be violent and his vengeances were very cruel.

Son of Zeus and Leto, he was born when his mother, tired of escaping from Hera, jealous of her husband’s umpteenth fling, sought refuge in Ortygia. As a gesture of gratitude, Apollo placed the island at the centre of the Ancient Greek world and renamed it Delos. He and his sister Artemis, goddess of hunt, were brought forth under a palm and the father Zeus received them with splendid gifts.

The Sun itself was his symbol and other animals such as the swan, the raven, the cicada, the snake and the wolf were also sacred to him. He also had an incredible talent for archery.

Apollo was worshipped in different parts of Ancient Greece, particularly in Delphi. Another epithet was Phoebus which literally means “bright”.        

 

pizia delfiSince he was young, Apollo had a combative and intense life, one of his most heroic adventures was the killing of the dragon Piton who had tried to rape Leto, while she was already pregnant. Apollo found the dragon in his cave, near Delphi, where the god was worshipped and it is no coincidence that the priestess of his cult, Pythia, was also called Pythoness.      

 

manfredi_bartolomeo_511_apollo_e_marsiaSatyr Marsyas was the victim of one of the most cruel among Apollo’s revenges. Marsyas boasted about his musical skill on the aulos, claiming that his ability was far superior to that of Apollo on his lyre. He challenged the god to a musical contest: the Muses were the judges and the terms stated that the winner had the right to treat the losing rival any way he pleased. The contest started and then ended in a tie. Apollo could not accept such a result and invited the Satyr to play his instrument upside down, Apollo’s lyre was perfect to be played but Marsyas was not able to blow into his flute and lost the competition. Apollo’s punishment did not take a long time to happen: Marsyas was pinned to a tree and flung alive.    

 

niobeAnother terrible action involved the queen of Thebes, Niobe, who bragging about her seven daughters and seven sons dared to mock the mother of the sun-god, claiming that she had only a son and a daughter.

The divine children were skilful archers and used the arch that Zeus had given to Apollo to slaughter Niobe’s offspring; only two were spared and Leto’s honour was saved.

 

criseide

During the ten-year battle under the walls of Ilium, Apollo was always on the Trojan side. An episode risked to compromise the Greek conquest of Ilium: as they first landed on Trojan shores, the Greek imprisoned the beautiful Chryseis, daughter of the soothsayer Chryses. When the father  attempted to ransom her, king Agamemnon refused, mocking and chasing him away. The heart-broken priest prayed to Apollo in order to make the Greek king change his mind. The angered god accepted Chryses’ prayer and fling a rain of darts on the Achaeans’ camp. Only when Chryseis was returned to his father, the darted rain ceased.

 

morte di achilleTo be honest, it was not the only time that the god interfered in the warriors’ adventures: Achilles himself died as Apollo diverted the arrow that the Trojan prince Paris had thrown against the hero’s only point of weakness, his heel.

 

Apollo undoubtedly was a violent god, but his nature urged him to compensate such brutality with gestures of great magnanimity: it was not rare to see him forgiving men who had committed murders; he acquitted even Orestes who had killed his own mother Clytemnestra.

He was a deity who could cause the most terrible plagues and halted them at once.

 

asclepioOne of his most eminent sons was Asclepius, the god of medicine, he was the son of Apollo and a mortal woman, Coronis. He was a peerless healer in the Classical world, but unfortunately, his knowledge originated from a tragic event: when Apollo became aware of Coronis’ unfaithfulness, he killed her cutting the baby she was carrying from her womb and gave him to the wise centaur Chiron. It was Chiron who instructed Asclepius in the art of medicine. Throughout his life, the god became so proficient to the point that not only could he heal people, but he could also bring them back to life, breaking the laws of Fate and Cosmos.

Zeus resorted thus to kill Asclepius with one of his thunderbolts. He was remembered as a healer as well as a benefactor, and at Epidaurus a sanctuary in his memory was erected.

 

driopeTaking after his father Zeus, never were Apollo’s loves trivial. He turned himself into a turtle in order to seduce the nymph Dryope, and he chased her into the wood where she was accustomed to play with her friends. The curious Dryope put the animal on her lap which turned again into the god and raped her.

 

apollo e dafneNymph Daphne was luckier, whilst escaping from Apollo, she prayed the gods for being transformed into something less attractive to the sun-god’s eyes. The gods granted her wish turning her into a plant that we still admire for its beauty, the laurel.

 

Princess Marpessa loved the brave Idas and was loved in return, but Apollo himself was intrigued by the girl’s beauty. After a long and merciless duel, the two rivals were still even. Zeus intervened giving Marpessa the possibility of choosing between her mortal lover and the god. Marpessa chose Idas, reasoning that the god would not have stayed by her side for rest of her life, and would have vanished as soon as the first wrinkles had appeared on her face.

 

???????? ??????????? ????????? ? ????????-????? Gallerix.ruOne of the most passionate loves of Apollo ended tragically. Hyacinth and the god were inseparable, both handsome and athletic, they loved throwing the discus. During a challenge, the sun-god threw the discus and accidentally hit his lover on the neck. Hyacinth fell to the ground and died. The god never forgave himself and from the youth’s blood, a bright crimson flower bloomed, the hyacinth.

 

Guido Reni, L'aurora, Casino dell'Aurora, Palazzo Rospigliosi, RomaGreek loved and feared Apollo, particularly for his ambiguity, handsome and cruel as he was, capable of great gestures as well as despicableness. However, on his chariot of fiery horses, he carries the sun giving light to the world every single dawn.

 

Next month we will be dealing with the adventures of the goddess of hunt, Apollo’s sister, Artemis.                    

 

 

Alessandro Cerioli 

Traduzione di Elisa Campana

 

 

 

 

 

 

Olympos: Apollo, il Dio del Sole

296px-Roman_Statue_of_ApolloStudio Tablinum: sicuramente il più bel Dio dell’Olimpo, fra tutti gli Olimpi Apollo aveva armonia e grazia, conosceva la musica e le Muse, signore del canto e della poesia, gli appartenevano, ma a contraddistinguerlo era anche la violenza, le sue vendette erano fra le più cruente. Figlio di Zeus e Latona nacque dopo che la madre, stanca di scappare da Hera, ebbe trovato rifugio sull’isola di Ortigia, un’isola che fu poi posta da Apollo, in segno di riconoscenza, al centro del mondo greco, dandole un nuovo nome, Delo.

Vide i natali sotto una palma, con la sorella Artemide, Dea della Caccia, e subito vennero accolti dal padre Zeus che portò loro splendidi doni. Il simbolo di Apollo era il Sole ed era venerato in diverse parti delle Grecia, soprattutto a Delfi, i suoi animali sacri erano il cigno, il corvo, la cicala, il serpente ed il lupo. Si cimentava anche con il tiro con l’arco, regalo fattogli dal Padre degli Dei alla sua nascita.

Altro epiteto di Apollo era Febo, letteralmente “lucente”, “splendente”.

pizia delfiSin dall’infanzia Apollo ebbe una vita combattiva ed intensa, la vicenda che lo vide uccidere il drago Pitone è fra le più eroiche. Pitone cerco abusare della madre Latona, già incinta del Dio. Il Dio Apollo lo scovò all’interno del suo antro, nei pressi di Delfi, località dove sarebbe stato venerato, e lo uccise.

Non a caso la sacerdotessa del suo culto, la Pizia, era definita la Pitonessa.

manfredi_bartolomeo_511_apollo_e_marsiaUna delle azioni più crudeli del Dio Apollo ebbe come vittima il povero Satiro Marsia.

Marsia, deciso a competere in abilità con il Dio, indisse una sorta di gara musicale, e chiamate come giudici le Muse, al vincitore sarebbe stato concesso il diritto di fare ciò che più aggradava allo sconfitto. La gara iniziò e si concluse con una sorta di pareggio, ad Apollo naturalmente il pareggio non soddisfaceva e allora invitò il Satiro a rovesciare il proprio strumento e a suonarlo: la meccanica dello strumento portò Apollo ad essere il vincitore della sfida, essendo la cetra uno strumento versatile, riuscì a suonarla perfettamente anche al rovescio, mentre  il povero Marsia non riuscì a fare lo stesso con il flauto. La punizione che Apollo aveva in serbo per Marsia non si fece attendere: legò il Satiro ad un albero e lo scuoiò vivo.

niobeUn’altra azione terribile vide come protagonista la regina di Tebe, Niobe, che ebbe l’ardire di deridere la madre del Dio del Sole, vantandosi di aver avuto quattordici figli, mentre Latona solo due.

I due figli divini, essendo due abilissimi arcieri, utilizzarono il terribile arco regalato dal padre Zeus, per colpire i figli di Niobe che caddero uno dopo l’altro, solo due rimasero in vita, pareggiando il conto e salvando l’onore della madre Latona.

criseideDurante le decennale battaglia sotto le mura di Ilio, Apollo parteggiò sempre per i troiani. Ci fu un episodio che rischiò di far cessare la conquista di Ilio da parte dei Greci, sul nascere. Durante il loro approdo sulle spiagge troiane i Greci preso come prigioniera la bella Crisedie, figlia dell’indovino Crise; il padre a quel punto andò dal re dei re Agamennone a chiederne la restituzione, il re dei re lo derise e lo scacciò in malo modo, costui ritirandosi con il dolore nel cuore per la perdita della figlia si fermò dinnanzi al mare e prego il Dio Apollo affinché facesse cambiare idea al re Agamennone.

Apollo accolse le sue preghiere e sceso dalla vetta dell’Olimpo con il cuore gonfio d’ira si mise a scagliare contro gli Achei una pioggia di dardi con il suo infallibile arco. Soltanto quando il re Agamennone acconsentì alla restituzione di Criseide la pioggia di dardi cessò.

morte di achilleIn verità non fu l’unica volta che il Dio si intromise nelle vicende dei combattenti, lo stesso Achille morì perché il Dio deviò la freccia scagliata dal principe troiano Paride contro il suo unico punto vulnerabile, il tallone.

Apollo era sì un Dio violento ma la sua natura lo portava a compensare questa violenza con gesti di assoluta magnanimità, non era raro che assolvesse uomini rei di aver compiuto omicidi, assolse anche Oreste dopo aver ucciso la madre Clitennestra.

Era una divinità che poteva scatenare le più terribili pestilenze e anche farle cessare.

asclepioUno dei suoi illustri figli fu infatti il Dio della Medicina, Asclepio.

Asclepio figlio di una mortale, Coronide e di Apollo, fu un guaritore che non ebbe eguali nel mondo classico.

Questa sua conoscenza fu frutto di un episodio tragico nella vita del Dio della Medicina: Apollo, accortosi del tradimento di Coronide con un uomo mortale, uccise la madre strappandole il bimbo che aveva in grembo e consegnandolo alle cure del saggio Centauro Chirone, Asclepio apprese così l’arte medica dal Centauro e nel corso della sua vita compi importanti prodigi, sino a quando non si mise non solo a guarire le persone ma anche a resuscitarle, entrando così in contrasto con le leggi del Fato e del Cosmo, Intervenne a quel punto Zeus che, adirato, folgorò Asclepio con una delle sue folgori.

Rimase tuttavia nel ricordo degli uomini come guaritore e benefattore, a Epidauro fu edificato un santuario in sua memoria.

driopeAnche gli amori di Apollo non furono mai banali e in questo era molto simile al padre Zeus: per sedurre la Ninfa Driope si tramutò in una tartaruga e si avvicinò al bosco nella quale la Ninfa stava giocando con le sue amiche, incuriosita Driope prese in braccio l’animale che subito riprese le sembianze del Dio del Sole e le usò violenza.

Più fortunata ebbe la Ninfa Dafne che inseguita dal Dio pregò gli Dei perché la tramutassero in qualcosa di non così attrattivo per il Dio del Sole, fu accontentata e tramutata in una pianta che ancora oggi ammiriamo per la sua bellezza, l’alloro.

apollo e dafneDecisamente meglio andò alla principessa Marpessa che grazie all’amore del suo spasimante, il coraggioso Ida, fu libera di scegliere fra quest’ultimo ed Apollo, una scelta per una donna nel mondo classico non era affatto trascurabile; scelse il mortale Ida, dopo un duello fra i due contendenti che non vedeva il prevalere di nessuno. Lo stesso Zeus intervenne dando alla principessa la libertà di scelta, in verità fu la sua motivazione che lasciò di stucco Apollo, convinto che la scelta ricadesse su di lui, essendo immortale; Marpessa voleva invecchiare con il suo compagno e non essere lasciata ai primi cenni di vecchiaia sul suo volto.

???????? ??????????? ????????? ? ????????-????? Gallerix.ruTragicamente finì anche uno degli amori più intensi di Apollo, quello per il giovane Giacinto. I due era inseparabili, ambedue belli ed atletici e fu quest’ultima disciplina sportiva a  essere fatale a Giacinto. Durante una sfida di lancio del disco il Dio del Sole, lancio e colpì l’amato al collo, uccidendolo all’istante. Grande fu la disperazione del Dio che non si dette mai pace. Dal sangue del poveretto, Apollo fece sbocciare un fiore di un cremisi acceso, che prese il nome di Giacinto.

Guido Reni, L'aurora, Casino dell'Aurora, Palazzo Rospigliosi, RomaI greci adoravano e temevano Apollo, soprattutto per la sua ambiguità, bellissimo e crudele era capace di grandi slanci e nel contempo di grandi bassezze. Ma se il sole sorge tutti i giorni lo dobbiamo a lui e al suo carro che porta con sé il nostro astro.

Il prossimo mese tratteremo le vicende della Dea della Caccia, nonché sorella di Apollo, Artemide.

Alessandro Cerioli