THE 2nd EDITION OF THE FIVE SOULS OF THE SCULPTURE

Tablinum: the Five souls of the sculpture is the last appointment of Art in Expo. Feed the World with Art.

Having reached an amount of 30,000 visitors during the whole period of Art in Expo, feed the world with art is a great token of appreciation for Tablinum and its partners.

Five is indeed a special issue: is the number of five senses that we use to interpreting the world; a  number that symbolizes a polymorphic mind, constantly mutating, which encourages us to use all our outward and inwar strengths in order to reach something else.

That number convey a strong symbolism that permeates the whole exhibition: harmony and contrast, research and sublimation come together in this visual and emotional route which is realized in five different souls of artists.

This slideshow requires JavaScript.


JEAN PHILIPPE VATTIER: A SENSORIAL CHOICE

Jean-Philippe Vattier was born in Rouen in 1962. The stone sculpture has always been at the center of his life and his work. After laure in gioiellieria at the Ecole du Louvre in Paris, she opened a shop in Rouen, where he sells jewelry, all unique, of its creation, and handmade.

The need to create not new: as a child carved in stone, carved wood and work with clay.

During the work of professional jeweler, Jean-Philippe Vattier remains tied to his art: the best way to give shape and meaning to the world.

Six years ago, Jean-Philippe Vattier chose to move from small stones to larger models, in order to devote himself exclusively to sculpture.

Jean-Philippe Vattier exposed – sculptures made of clay and stone – in the Carmelite chapel in Bois-Guillaume (76) in December 2005. Since then he has participated in several exhibitions in Guangzhou (China) in December 2008 and twice in the Carrousel du Louvre in Paris in 2009.

The choice of material to be sculpted is done in the same place where he remove the stone: Carrara marble, soapstone from China, but also stones from Brazil, India or elsewhere.

The selection criteria are not only the color and the grain of the stone, but also the artist’s perception of the deeper meaning of matter and its future potential.


JEAN PAUL LAGARRIGUE: DIRECT CARVING

Jean Paul Lagarrigue from 2010 to 2012 he made during a workshop, seven studies with other sculptors. From 2012 to 2015 he has created several sculptures in his studio at his studio.
Throughout the years he collected 14 participation in international fairs and exhibitions.

The artist creates without sketches or preliminary models directly on the stone.

The process of creation is done in two stages:

The choice of subject of the sculpture depend from the choice of the stone and its overall characteristics: shape, color, hardness.

Then, during the work of sculpture, the design is refined, guided, directed by internal features (faults, inclusions) Stone who discover in every stroke of the sculptor. C e work is challenging because the material is removed whenever a risk-taking (breakage, accidents material doubt on the form), however necessary to give rise work.

This slideshow requires JavaScript.


LAURENT LAFONTAS: A BODY AND SOUL OF STEEL

Born on April 7th, 1972 Professional sculptor approved the House of the Artists University graduate Jean Jaurès of Toulouse. Teenager, it is with the clay that he discovers a way of expression. Later, during his studies, he develops his artistic experiments by realizing artistic videos and cartoon movies. 5 years ago, he discovers the metal. He begins by representing the strength of the feelings, the drives, the tensions, the agonies of the being … then, he directs his work to more sensualism and realizes essentially feminine busts. At present, he realizes generally his works from assembly of small identical parts. In his last productions, he questions the balance, the unstable, the contrast, the difference, the limit.

For several years Lafontas experiences the creation of sculptures assembled by welding steel. His latest creations are made primarily by female busts that produces mainly using nails and screws. It represents the strength of feelings, tension, sensuality and trubles of human soul. The metal becomes flesh and feeling of his sculptures.

This slideshow requires JavaScript.


MIEKE VAN DEN HOOGEN: INNER ASYMMETRIES

In my work, images of women take an important place. In these images, I strive for a combination of naturalistic elements, abstracted forms and emotions. A female body does not interest me as it represents an ideal of beauty, but if it is a representation of a body, a body which is lived, which can be read emotions in the image.

A symmetric body seems to have been built, yet it feels never the same. I want to express by an image asymmetrical building. Because these images are constructed of ceramic, so hollow, the contents should be expressed in the shard.

The image is not an empty vessel, the body is no shell. In this shard I give it inward again, as thin as possible, fragile. In addition to images of women I make ceramic objects. In these objects, I lost my imagination. They are made f or the enjoyment of form. I also make pots, built according to ancient Indian techniques, sometimes with a silkscreen decoration, sometimes reduced fired. By reducing the work undergoes hypoxic changing color: green copper is copper red. The expression and the joy that I have put in the pot, there is hardly a tool. In addition, I also make bowls, vases and plates, which are usually meant to be used.

This slideshow requires JavaScript.


CARLO PAZZAGLIA: THE ADRENALINE OF  THE CREATION

I was born in Bologna in January ‘52; I live in the mountains, in Sestola, on the border between Emilia and Tuscany. At 24 I enrolled in the Faculty of Architecture of Venice. I passed all the exams but I never discussed the thesis. I have had many jobs; the last was the stonemason. This was my gym. For some years I do the sculptor.

I work the river stones, iron, wood and lately also the marble, trying to bring to light their life energy. My sculptures tell stories, as were the diaries of the earth. I pursue, as in all my things, simplicity and synthesis. Nowadays it’s not cheap.

Every one of us is inspired from a particular material, either for elective affinities or because he has learned how to work on that; you can experiment with other materials but working with your favorite is like coming back home. When comes the inspiration I feel like a rush of adrenaline and my heart tells me that it is the right one.

During the creative process, you go from happiness to have solved a problem in discontent because what I do not correspond to the vision that I had, to the anger that I feel when demolish even the work of a month or the frenzy for which even forget to eat. I am inspired by the man with his stories and his suffering. I owe much, if not all, Caravaggio, El Greeco, Goya, Giacometti and Brancusi, but I drank from a lot of other sources.

Elisa Larese

This slideshow requires JavaScript.

Vincenzo Vallone, Attenzione, c'è attenzione nel mondo!

Attenzione, c’è attenzione: Vincenzo Vallone a Villa Carlotta con un’opera-denuncia contro i crimini dell’ISIS

Tablinum: “Salveremo la città ma non le immagini degli idoli” così minaccia l’ISIS. Dal deserto siriano attraverso alcuni siti Internet, ma anche attraverso i social network, l’ISIS svende frammenti di antiche civiltà: fra di essi anche i monumenti archeologici di Palmyra, regina del deserto, patrimonio dell’Umanità, inutilmente posta sotto tutela UNESCO; caduta irrimediabilmente sotto le mani distruttrici delle milizie ISIS.

Vantaggi economici ed effetto mediatico. C’è chi sostiene che l’ISIS distrugga per mettere in risalto estreme ideologie collegate all’integralismo religioso; c’è chi invece, vede in questa terribile pratica non solo una conteporanea damnatio memoriae ma, piuttosto, un rapido e certo metodo di finanziamento per le attività terroristiche del Califfato: pochi i reperti autentici distrutti, molte le copie “di scena” e moltissimi quelli destinati al mercato nero di un’occidente irresponsabilmente complice.

Si distrugge, si smantella, si sottrae, si esporta. Il terrore sale e con esso le vittime.

L’ISIS inaugura il marketing del terrore: esecuzioni di massa, in città inermi, lungo battigie marine, o attraverso gabbie in cui annegare altri esseri umani. Molte ormai le estorsioni collegabili alle forniture di petrolio, di armi e di ordigni nucleari in una girandola di interessi incrociati e di catastrofi incombenti per il mondo che conosciamo.

Teatri di sangue contemporanei: dopo Parigi, in gennaio, con l’attentanto al settimanale satirico Charlie Hebdo lo scenario di marzo è diventato il Museo del Bardo di Tunisi.

26 giugno 2015, giornata di sangue: di nuovo in Tunisia, 37 vittime sulla spiaggia di Sousse, ancora delirio integralista in Francia, a Lione;  e poi gli attacchi in moschea in Kuwait e in Somalia ad opera dello Shebab.

“Il terrorismo alimentato da fanatiche distorsioni della fede in Dio, sta cercando di introdurre nel Mediterraneo, in Medio Oriente, in Africa i germi di una terza guerra mondiale” così commenta il presidente della repubblica italiana Segio Mattarella di fronte alla notizia diramata dal Daily Mail dello sventato attentato alla Regina Elisabetta, alla nuova strage di civili a Sirte e all’orrore a Palmyra.

Settembre: foto satellitari, su Palmyra in Siria, confermano la distruzione del Tempio di Bel e la strage nella città moderna. Tragedie dei migranti: a scuotere l’indifferenza di noi occidentali sono i marchi rinvenuti sulla pelle dei profughi e la fine tragicamente, morbosamente documentata dai media, di un bimbo e della sua famiglia in fuga verso un futuro in cui la vita di tutti i giorni non conoscesse guerre e stragi.

Voremmo poter scrivere la parola fine eppure…l’escalation prosegue pericolosamente rischiando di travolgerci una volta per tutte.

ARTinEXPO brochure vallone

Attenzione, c’è attenzione! è questo il richiamo, quasi un’invocazione che l’artista lancia a tutti noi.  Vincenzo Vallone,  attraverso la sua opera-progetto realizzata in 10 pannelli ci parla in modo diretto, mettendoci di fronte alla distruzione già compiuta Il rischio che corre il nostro patrimonio culturale e con esso la nostra identità, è concreto quanto quello già consumatosi per altri patrimoni o altre genti, non poi così distanti. Siamo di fronte a un’opera dalla forte carica di denuncia: l’emergenza è quella di scuotere i propri contemporanei e indurli a penetrare con attenzione le vere conseguenze di ciò che sta accadendo nel mondo.

E così l’immaginazione, segnata dagli ultimi tragici eventi legati al terrorismo dell’ISIS e all’esodo forzato dei migranti, trasforma clamorosamente le opere d’arte più preziose del nostro patrimonio nazionale grazie ad una “Mescolanza di intelligenza umana e intelligenza artificiale”

In una rappresentazione tutta inventata,  in cui  si cammina sul filo sottile di simulazione e realtà: entrambe tragicamente agghiaccianti; minaccia sicura di alienazione per un’intera secolare cultura. Se è destino insito in tutta la materia di ritornare alle proprie origini, di tornare infine allo stato di informe origine, il pensare una simile condanna rivelarsi sui capolavori della nostra cultura annichilisce e terrorizza.

Abbiamo imparato a conoscere e apprezzare il linguaggio personalissimo di Vallone fatto di “lamiere fiorite”  e ora dobbiamo prendere atto della sua trasfigurazione: quelli che ci ripropone sono frammenti, “cocci”, rovine abbandonate alle spalle dalla ferocia iconoclasta di un nemico inatteso e senza volto.

Schegge del nostro passato che l’artista conficca nella nostra coscienza come schegge a monito nel nostro futuro.

La potenza distruttiva che l’artista sembra intuire alitare sul collo della nostra civiltà, ha il volto e la pesantezza di un arcano, inarrestabile potere.

Un omaggio “estremo” all’età aurea della nostra civiltà, il Rinascimento, mentre tutta la sua eredità è messa in pericolo dalle ombre del fanatismo religioso e dell’oscurantismo culturale che si stagliano all’orizzonte.

Vallone rielabora dieci opere capitali del Rinascimento Italiano attraverso la creazione di rendering fotografici in cui, in un gioco di riflessi, le opere appaiono immerse  in uno strato d’acqua la cui immersione ed emersione diventa simbolo del coinvolgimento dell’artista stesso nella tempesta culturale che rischia di abbattersi sulla nostra identità collettiva. La sensibilità dello spettatore segue il ritmo dello specchio d’acqua, con i suoi picchi di intensità cromatica a cui si fonde una profonda emotività, che grida alla presa di posizione non solo morale in difesa dei frutti più preziosi della nostra cultura.

Lo spazio pittorico è qui ripensato e scomposto con meticolosità architettonica per poi essere reinterpretato con la sensibilità e la delicatezza propria dell’artista impegnato nel convogliare un messaggio intenso e assolutamente contemporaneo.

This slideshow requires JavaScript.

Artisti e opere dalle quali sono stati tratti i 10 rendering di simulazione

1 – da Caravaggio, Scudo con testa di Medusa (Uffizi Firenze, 1597)

2 – da Leonardo, Dama con l’ermellino (Cracovia, 1490)

3 – da Raffaello, Ritratto di Maddalena Strozzi ( Firenze, 1507)

4 – da Raffaello, Belle Jardinière (Louvre Parigi, 1507)

5 – da Caravaggio, Bacco (Uffizi Firenze, 1595)

6 – da Raffaello, La muta (Urbino, 1507)

7 – da Leonardo, La Gioconda ( Louvre Parigi, 1517)

8 – da Caravaggio, Fanciullo con canestra di frutta (Galleria Borghese Roma, 1593-1594)

9 – da Leonardo, Belle ferronière (Louvre Parigi, 1496)

10 – da Michelangelo, La fine dei tempi (part. del Giudizio Universale Roma, 1542)


VINCENZO VALLONE è nato a Telese Terme (Benevento), dove vive e lavora.
Architetto.
Ha studiato pittura all’Accademia di Belle Arti e  architettura all’Università “Federico II” di Napoli.
Si è consacrato alla progettazione degli spazi urbani, al recupero storico, alla pianificazione territoriale e alle tematiche dell’ambiente e del paesaggio.
Dipinge da sempre.

ART in EXPO: La rassegna “Art in Expo. Feed the World with Art”, vedrà altri tre appuntamenti da qui ad ottobre divisi fra Villa Carlotta e lo spazio espositivo comasco officinacento5, si iscrive fra gli appuntamenti imperdibili dedicati ad Expo Milano 2015, con l’intento di “nutrire” il pianeta, fornendo ad esso nuove energie mentali che contribuiscano alla sua crescita e rinnovamento, alimentando il prezioso che è in noi.

Elisa Larese

Art in Expo. Feed the World with Art. 3rd Part

ARTinEXPO LOGOTablinum: la mostra internazionale “Art in Expo. Feed the World with Art. 3rd Part” torna nella splendida Wunder Kammer Saal di Villa Carlotta, Tremezzina (co).

Questo terzo appuntamento internazionale sarà esclusivamente dedicato all’opera dell’artista Vincenzo Vallone “ATTENZIONE C’È ATTENZIONE”. Questa opera non è solo il titolo di un’ opera-progetto (o progetto-opera), ma è allarme, avvertimento, preoccupazione e quindi meditazione sul patrimonio culturale di Palmira, in Siria, sotto l’arsenale armamentario dell’Isis con la conseguente tragedia dei migranti. Contemporaneità in continuo divenire con l’attualità, la quotidianità.

“Art in Expo. Feed the World with Art” è un progetto curatoriale ideato da Tablinum Cultural Management. Il catalogo artistico e il tour virtuale alla mostra sono stati curati dalla storica dell’arte italiana Elisa Larese.

Orari di Apertura al Pubblico:

23.09.201504.10.2015: apertura al pubblico tutti i giorni dalle ore 10.00 alle ore 18.00 (ultimo ingresso ore 17.00)

ART IN EXPO. FEED THE WORLD WITH ART:

Nutrire il pianeta significa, anche, fornire ad esso nuove energie mentali che contribuiscano alla sua crescita e rinnovamento, alimentando il prezioso che è in noi.  Per questo Tablinum Cultural Management grazie all’ospitalità presso Villa Carlotta propone una rassegna di mostre d’arte, direttamente legate a EXPO 2015 e dedicate alle opere di artisti selezionati in base allo stile e al messaggio unico e indipendente.

VIRTUAL ART TOUR:

Grazie ad un progetto curatoriale di arte interattiva, lo spettatore scoprirà praticamente tutto sulla genesi dell’ opera esposta, le tecniche di realizzazione e linguaggio iconologico dell’artista. Tutti i contenuti saranno disponibili tramite il proprio smartphone con la tecnologia QR.

 

Maria Mouriadou in “Art in EXPO”: THE FORCE OF NATURE

Maria Mouriadou

Tablinum: we meet Maria Mouriadou during her participation in the international exhibition Art in Expo, feed the world with Art and and we take this opportunity to ask some interesting questions about her work.

What are the essential elements from which comes your inspiration to paint?

Techniques of painting most suited for me are expressionistic. These are aimed at forcing the viewer to feel what he sees!

– What are the techniques of painting that you think are best suited to express your creativity?
I prefer to communicate some positive sentiments in the middle of this economic crisis that includes everybody.

– Painting to externalize emotions and feelings or paint to communicate to each other?
Some reality, some reflection… Both are essential to my poetry.

– Reality or reflexion? What prevailed in defining your own poetry?

I am moved by the force of nature, the beauty of the sun during summer and the changes of the seasons.

-A moment or a meeting which represent an important stimulus for your career.
Into the evolution of your artistic career, is there something that is more relevant for you in the present than in the past ?

During my journeys in the Middle East and the North of Africa, I was influenced by the beauty of many different sceneries which triggered my admiration…

-If you had to choose a color to represent you, what would be yours? Why do you think is the most suitable for you?

My inspiration comes mainly from the positive elements of life! The sea, the water, the trees, the sun and light are the main elements that activate my inspiration. My color would be the blue green the color of the water of the sea during summer.

And now the commentary that Francesca Chiara Cassani has devoted to the paintings of the artist which is possible to enjoy on the exhibition until September 25 at officinacento5 in Como.

Maria Mouriadou

Maria Mouriadou, Carovan, oil on canvas, cm 60 x 50

CARAVAN explain the hugeness of the desert. The caravan is travelling and is amazing how the men are small and helpless in front of the nature and its mysteries.

The painting technique is made by a small color combinations mixed together in order to create movement.
The desert dunes evoke the sea colours to get a picture of the projection of a trip across the barren desert to find the way to the sea.

Maria Mouriadou

Maria Mouriadou, The Road to Sinai, oil on canvas, cm 100 x 70

THE WAY TO SINAI: Many are the means that the artists would describe regarding its desert vision. First of all this art work could resemble a journey picture. Actually is a discovery of ourselves whwre thw man travels to discover his identity. This canvas has a perfect pictorial composition, the rocks and the stoneson the background give a prospective feeling: the sable tone give brightening near the blue rocks. The nomadic is descrive with light colour contrasting with the hot desert environment.

Maria Mouriadou

Maria Mouriadou, Bosphorus, oil on cavas, cm 100 x 100



BOSPHORUS: This canvas reminds the Venetian view of the eightheenth Century. An Eastern landscape is protagonist with is many minarates that are lost on the dark background. Prevail a color palette in shades of blue tones while the white give three-dimensionality and light at the picture.

Maria Mouriadou

Maria Mouriadou, On the bay of Bosphorus, Oil on canvas, 100X70cm

ON THE BAY OF BOSPHORUS: the great blue water way is the protagonist ,a first suggestion could bea n overlooking at the window while the viewer see the colourfull city. The small houses represented by many small and coloured squares that give movement, the domes and minarets determinate the compositional space.
The frame work remember the colourfull Istanbul. Perhaps, the artist let the viewer the chance to analize the details of the painting in order to sense all the charm of this city.

MARIA MOURIADOU:

mouriadou

Marie Mouriadou is an expressionist greek artist. She was born in Athens, from 1992 she devoted herself exclusively to the work of artist that brought her, from exhibition to exhibition, to travel the world.

In her works she transmits all the emotions and colors of the lands visited.

Her works are present in numerous private collections in Europe.

Elisa Larese

Maria Mouriadou ad Art in EXPO: LA FORZA DELLA NATURA

Maria Mouriadou

Tablinum: incontriamo Maria Mouriadou in occasione della sua partecipazione ad Art in Expo. Feed the world with Art e ne approfittiamo per porle qualche interessante domanda sulle sue opere.

– Quali sono gli elementi essenziali da cui si origina la tua ispirazione a dipingere?

La mia ispirazione proviene dagli elementi positivi della vita! il mare, l’acqua, gli alberi, il sole e la luce sono i principali elementi che attivano la mia ispirazione.

– Dipingere per dare un’esteriorità ad emozioni e sentimenti o dipingere per comunicare all’altro?

Le tecniche di pittura più adatte per me sono quelle espressioniste. Con queste tecniche voglio costringere lo spettatore a sentire ciò che vede! Preferisco comunicare sentimenti positivi soprattutto in questo momento di crisi economica che coinvolge tutti noi.

– Realtà o riflessione? Quale è prevalsa nel delineare una tua poetica?
Un po’ di realtà, un po’ di riflessione…entrambe sono essenziali per la mia pittura

– Un momento o un incontro che hanno costituito uno stimolo decisivo per la tua carriera.
Durante i miei soggiorni nel Africa dell’Est e del Nord Africa, sono stata influenzata dalla bellezza dei numerosi differenti scenari che hanno catturato la mia ammirazione.

– Nell’evoluzione del tuo percorso artistico, c’è qualcosa verso la quale stai tendendo oggi più che in passato? Una tecnica, una ricerca tematica particolare?
Sono commossa dalla forza della natura, dalla bellezza del sole durante l’estate e il cambio delle stagioni.

-Se dovessi scegliere un colore per rappresentarti in questo momento, quale sarebbe il tuo? perché lo reputi il più indicato?

I miei colori sono il blu e il verde, i colori dell’acqua e del mare durante l’estate.

E ora vi lascio al commentario di Francesca Chiara Cassani dedicato alle opere dell’artista che potrete ammirare in mostra sino al 25 settembre presso lo spazio comasco officinacento5:

carovan

Maria Mouriadou, Carovan, oil on canvas, cm 60x 50

CARAVAN da sensazioni di immensità ed infinito, la carovana che viaggia tra le dune diventa sempre piu’ piccola, descrivendo quanto l’uomo sia piccolo ed impotente davanti alla forza della natura. La resa pittorica e creata da piccoli accostamenti di colore che uno vicino all’altro danno movimento al quadro
La carovana e le figure sono rappresentati nei dettagli , le dune del deserto richiamano i colori del mare, come se fosse proiettato un miraggio che da l’illusione che oltre le dune ci possa già essere il mare.

Maria Mouriadou

Maria Mouriadou, The Road to Sinai, oil on canvas, cm 100 x 70

THE WAY TO SINAI l’artista vuole rappresentare la maestosità del deserto e di come l’uomo sia insignificante rispetto ad esso. La rappresentazione sembra la copia di una fotografia, questo grazie alla resa pittorica che mette in evidenza ogni piccolo particolare. La composizione pittorica e perfetta a dettare lo sfondo prospettico sono le rocce sul fondo ed i sassi che costeggiano il percorso intrapreso dal nomade. I colori blu e grigio danno risalto al sentiero sabbioso, come a sottolineare il viaggio, un viaggio verso l’ignoto o forse un viaggio interiore …

Maria Mouriadou

Maria Mouriadou, Bosphorus, oil on cavas, cm100x 100

BOSPHORUS è una delle tante opere di Marie Mouriadou che rappresentano il paesaggio Orientale. Una vista sulla città che ricorda le vedute veneziane del settecento, protagonisti sono i numerosi minareti e le moschee che dominano il fondo della composizione. Un dipinto creato con una gamma cromatica fredda

dove tutto si costruisce dal blu illuminato da cenni di bianco , per dare tridimensionalità e luce.

Maria Mouriadou

Maria Mouriadou, On the bay of Bosphorus, Oil on canvas, 100X70cm,

Ammirando ON THE BAY OF BOSPHORUS è come se qualcuno fosse affacciato alla finestra e volesse descrivere quello che ha di fronte: una città mediorientale che potrebbe essere Istanbul, dove il protagonista del dipinto è il mare e la vita dei pescatori.
Forse, l’artista lascia che lo spettatore studi i particolari del quadro per intuire tutto il fascino di questa città.


mouriadouMarie Mouriadou: è un artista espressionista greca. Nata ad Atene, dal 1992 si dedica esclusivamente al lavoro di artista che l’ha portata, di mostra in mostra,a girare il mondo.

Nelle sue opere trasmette tutte le emozioni e i colori delle terre da lei visitate.

Le sue opere sono presenti in numerose collezioni private europee.

Elisa Larese