Tributo Storico Lucius Minicius Exoratus 2018

locandina tributo storico LME - bassa

Tablinum: Sabato 30 Giugno e Domenica 1 Luglio 2018, si terrà l’annuale Tributo Storico Lucius Minicius Exoratus. Durante questa edizione, si tratterà il periodo cesariano e la fondazione di Novum Comum (59 a.c.).

Grande spazio avrà la didattica con tante curiosità e ampio spazio per i più piccoli.

Di seguito la sceneggiatura del tributo storico:

Sabato 30 Giugno

inizio Attività:

  • Ore 10.00 – Sfilata e apertura del Tributo Storico Lucius Minicius Exoratus

Commemorazione  e Invocazione agli Dei del Pontifex Maximvs                                      

  • Ore 11.00 – Rituale Religioso di apertura della manifestazione.

Rito romano: piccole offerte sacrificali, auspicium del fegato e auspicium degli uccelli.

  • Ore 12.30 – Pausa Pranzo: Cucina e Sapori nell’Antica Roma
  • Ore 14.00 – Didattica: Topografia, Architettura e Ingegneria nell’Antica Roma 
  • Ore 15.00 – Didattica: Religione, Numismatica, Alimentazione del popolo elvetico
  • Ore 16.00 – La Legge nell’Antica Roma: processo civile e processo penale
  • Ore 17.00 – Didattica: La Religione degli Helvetii
  • Ore 18.00 – Didattica: Religione, Medicina, Mosaico e Pittura nell’Antica Roma
  • Ore 18.00 – Didattica: Usi e costumi del popolo elvetico
  • Ore 19.00 – Conferenza: Cesare, Catullo e la Cisalpina – Marco Sartori
  • Ore 20.30 – Rituale: La vestizione di un legionario romano
  • Ore 21.00 – Fine delle attività da campo 

Domenica 1 Luglio

Inizio Attività:

  • Ore 10.00 – Sfilata e apertura del Tributo Storico Lucius Minicius Exoratus Commemorazione e Invocazione agli Dei del Pontifex Maximvs                                  
  • Ore 11.00 – La Legge nell’Antica Roma: processo civile e processo penale
  • Ore 12.30 – Pausa Pranzo: Cucina e Sapori nell’Antica Roma
  • Ore 14.00 – Didattica: Armi e Tecniche di combattimento del popolo elvetico
  • Ore 14.00 – Didattica: Armi e Tecniche di Combattimento nell’Antica Roma
  • Ore 15.00 – Didattica: Usi e Costumi del popolo elvetico
  • Ore 15.00 – Didattica: Mosaico e Pittura nell’Antica Roma
  • Ore 16.00 – Didattica: La Religione degli Helvetii
  • Ore 17.00 – Scontro Militare fra Romani ed Helvetii – Bibracte
  • Ore 18.00 – Didattica: L’Amore nell’Antica Roma Preparazione al Matrimoni
  • Ore 18.30 – Rituale: Il Matrimonio nell’Antica Roma
  • Ore 19.00 – Fine delle attività da campo
  • Ore 19.00 – Conferenza: La Fondazione di Novum Comum – Alessandro Cerioli
  • Ore 21.00 – Fine delle Attività

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tributo Storico Lucius Minicius Exoratus

flyer orizzontale tributo st

 

Tablinum: siamo giunti alla IVa edizione del Tributo Storico Lucius Minicius e quest’anno “l’appuntamento con la cultura classica” si terrà in due giornate: sabato 23 e domenica 24 Settembre, dalle ore 09.30 alle ore 18.00, presso l’area verde dell’asilo comunale di Menaggio (co).

In queste due giornate si terrà una rievocazione storica che ci farà comprendere al meglio le culture autoctone della zona comense (Celti Comenses) e la cultura che divenne egemone (Romana).  Questo progetto si prefigge di divulgare scientificamente le origini storiche del territorio, approfondirle e renderle, nella sua originalità, accattivanti e fruibili a un pubblico eterogeneo.

Progetto questo pensato e sviluppato in stretta collaborazione fra persone addette al settore culturale che non solo hanno messo la loro professionalità al servizio dello stesso ma in prima persona, stando sul campo, lo articoleranno per il periodo in cui rimarrà in essere, quindi questo progetto ha tutti i presupposti per far comprendere al meglio la romanizzazione e tutte le conseguenze derivanti da essa.

Durante la due giorni di rievocazione si comprenderà al meglio l’economia romana e celtica, il diritto romano, i riti apotropaici romani e celtici ed in fine l’arte bellica romana e celtica. Per gli studenti è stato previsto un particolare approccio alla vita da campo: potranno toccare con mano le attrezzature da campo, verrà messo a loro disposizione il materiale (in scala) per rivivere il peso di un’armatura, di uno scudo, di una spada. Per i più piccoli comprendere al meglio il valore della moneta in epoca classica, assistendo a una coniazione, e ancora le toghe candide dei cittadini romani assistendo alla più alta “ars oratoria” di un processo romano.

Tutti questi aspetti verranno inscenati durante i due giorni del “Tributo Storico Lucius Minicius Exoratus“, presso l’area verde dell’asilo comunale di Menaggio (co).

Inoltre questo progetto farà comprendere l’importanza strategica del “Larius”, in questa parte del vasto impero romano. I suoi trasporti fluviali servirono a incrementare la romanizzazione del territorio, sin dalla rifondazione di Nova Comum, voluta da Gaio Giulio Cesare, il Lario si trovò al centro degli spostamenti militari prima e scambi commerciali poi ed infine chi era Lucio Minicio Exorato, notabile romano vissuto nel I° secolo dc, che ricopri incarichi di massima importanza a livello politico/religioso e legato alla corte imperiale di Tito Flavio Vespasiano. Usando un parallelismo con i giorni nostri potremmo definirlo: il Segretario di Stato degli Stati Uniti d’America.

Al termine delle due giornate sono previste due conferenze, la prima sabato 23 dalle ore 19.00, del Prof. Livio Zerbini (Università di Ferrara), a tema: “Plinio il giovane e l’Imperatore Traiano”, mentre la seconda domenica 24 dalle ore 19.00, del Dr. Alessandro Cerioli (ideatore e direttore del progetto), a tema: “Il Lario Romano”.

 

Serata letteraria: Uomini in Armi

Tablinum: serata letteraria “Uomini in Armi”, ospite il Prof. Gastone Breccia, presso il Grand Hotel Victoria di Menaggio (co), moderatore il classicista Alessandro Cerioli. Sabato 07 marzo 2015.

“Fu vero Editto?”

#studiotablinum: presentazione del saggio “Fu vero Editto?”, della Prof.ssa Elena Percivaldi, presso la Libreria Sampietro di Menaggio, introduce e modera Alessandro Cerioli.

Giornata Nazionale della Cultura Classica

Immagine

Studio Tablinum: la Giornata Nazionale della Cultura Classica, manifestazione a cadenza biennale che si tiene negli anni dispari in una città di volta in volta diversa, sede di una delegazione, con cui l’A.I.C.C. premia con medaglia d’oro due studiosi emeriti in campo filologico e storico classico, uno italiano e uno straniero, quest’anno è giunta alla terza edizione, e si è svolta ad Avola (SR), nella mattinata del 10 maggio u.s. presso l’Aula Consiliare del Palazzo di Città, alla presenza delle autorità cittàdine e di un nutrito numero di docenti, oltre che dei delegati avolesi dell’A.I.C.C. e di una copiosa rappresentanza degli alunni dell’indirizzo classico del locale Liceo “Ettore Majorana”, che hanno affollato l’Aula in una mattinata di alta cultura durante la quale si sono alternati ai microfoni il prof. Peter Parsons, papirologo dell’Università di Oxford, il prof. Andrea Giardina, storico e romanista insigne, nonchè presidente dell’Istituto Italiano di Scienze Umane di Firenze e docente di Storia Romana su convenzione presso la Scuola Normale Superiore di Pisa, e i proff. Mario Capasso e Luisa Prandi in veste di laudatores dei due suddetti studiosi. Le relazioni, cariche di fascino, sono state seguite con interesse da un pubblico quasi rapito dalla capacità comunicativa dei relatori. La qualità della lectio magistralis che ciascuno dei due ha offerto è stata molto elevata ed apprezzata da tutti: il prof. Parsons ha tracciato un profilo del filologo e umanista calato prima nella società del suo tempo e poi in quella odierna, lanciando ai giovani presenti la sfida di scommettere sul Sapere per essere veramente utili a una società stanca e impaludata; commovente il finale del suo discorso, con quel “saluto l’Italia filologa” che ha strappato commossi applausi a tutti i presenti.
Il prof. Giardina ha compiuto un singolare percorso alla ricerca delle radici antiche del Risorgimento Italiano, dimostrando come molti patrioti abbiano versato il proprio sangue per la libertà e l’unità d’Italia infiammati non tanto dai loro contemporanei quanto dall’intensa suggestione della contemplazione dei monumenti della romanità.
Nella seconda sessione con la lectio del prof. Giardina, laudatio dello stesso ad opera della prof.ssa Prandi dell’Università di Verona, si è tenuta la cerimonia di premiazione dei due luminari, e di conferimento dei diplomi di benemerenza ai soci emeriti segnalati dalle delegazioni.

L’organizzazione è stata a cura del prof. Elio Distefano, docente del Liceo Artistico M. Carnilivari di Noto.