Olympos: Hera, the jealous mother

358px-Hera_Campana_Louvre_Ma2283Studio Tablinum: this month I want to tell the fascinating story of another greek godness of the Pantheon: Hera.

Who exactly was this deity? Why she suffered so much  because of her husband Zeus? Something you may have guessed by the previous article dedicated to the father of gods.

Hera , as well as the bride of the divine father of the gods , she was alsohis sister, daughter of the divine Cronus and Rhea . Unanimously considered the greatest female deity .

Like her brother Zeus she also had the misfortune of having as father Cronus that swallowed his children. Era was saved thanks to the rebellion of his younger brother, who freed  her from the belly of his father. She grew up in harmony with the two gods of second generation of Titans, Oceanus and Tethys,   famous for being the ancestors of the Homeric hero Achilles.

matrimonioLater, she  lived into the garden of the Hesperides, where she married her brother Zeus.  The marriage  was ratified by all the gods and, for the happy event, the goddess Gaea had grow a tree from the beautiful golden apples, which later Heracles and Odysseus in their pilgrimages were able to appreciate.

The love between these two deities was at the center of gossip divine , between betrayals, deceptions and revenge, even brutal.

Being Hera the goddess of marital fidelity, as well as the wedding, you ‘ll understand that something does not right. Probably, since Zeus fallen in love with her even at the time when Cronus ruled over the Titans, he wanted to make her pay for waiting  so long his love, by making betrayals against her everywhere.

The mother of the gods that comes from the ancient texts was described as austere and icy-She was sitting on the divine throne wearing the crown, holding one of His favorite symbols, the pomegranate and enjoyed the company of a “royal” animal: a beautiful peacock. It was was defined by the Homer: the cow-eyed goddess, Because Of her famous sweet gaze.

era disinibitaReally I like to imagine Hera not so “passive”:  we will discover  soon the cause of that.

The relationship between Hera and Zeus begins with a ‘ deception: The Father of gods  saw the beautiful woman walking alone and pensive in Esperides Garden. Immediatly he fell in love with her, and he decided to rape her . He decided to turn into a bird, a cuckoo,he was affixed to the top of a mountain, and  was triggering a violent storm. Under the guise of that animal he took refuge into the arms of the goddess that trying to warm up the poor animal. Suddenly the villain appeared in its real forms, raped Hera.

We can draw a moral, maybe is old as the world, but always present: never trust in men who presented Himself under Certain pretenses, may conceal other.

Era disinibita IIHera, choleric wife, does not fail to take revenge on her faithless husband. At the expense  was the  beautiful girl Io,  seduced by the Father of the gods, by a stratagem: to avoid being caught by his wife, the god turned the young girl into a cow and turned him into a bull. Hera discovered the stratagem and she  instructed a gadfy to  chase the beautiful Io until her arrival in Egypt, where Zeus allowed her to regain his human form.

This betrayal caused the beautiful color of the peacock’s tail: the god Hermes, under orders from Zeus, killed the guardian Argus with a hundred eyes, put by Hera as a guard over the girl  Io,

In order to prevent further betrayal by Zeus. When  Argo  was killed, its eyes were placed on the tail of the peacock consecrated to Hera. Even the name of the strait between Europe and Asia , the Bosphorus , is to be attributed to this mythical story : Even the name of the strait that separates Europe and Asia, that today we call the Bosphorus, is to be attributed to this mythical event: in the attempt to escape the persecution of the the gadfly, the poor girl went through that strait that from that moment took the name of Bos-foros, ” that mena in greek  “passage of the cow”.

It also assigns a similarity between the Egyptian goddess Isis and the girl, because, from the union between Zeus and Io  was born Epaphus, king of Egypt, which has been attributed to the construction of the city of Thebes.

It is thought that the mother Io became a godess of the city: is concealed behind the figure of Isis, the Egyptian goddess indeed wearing two horns of beef on the head in which is placed a sparkling sun.

Hypnos_Sonno_2Between Zeus and his wife, there was a sort of constant competition based on mutual teasing and tricks. One of the most famous is handed down from the pages of the most well-known poem of Greek literature, the Iliad. It is told that that when Zeus from his throne, ruling that none of the gods had to influence the outcome of the Trojan War, remaining neutral, leaving the men to the things of men, Hera and her brother,  Poseidon showed to have different ideas: their will was in fact to take an active part in the battle between the Achaeans and Trojans.

So Hera decided to disobey the orders of Zeus, playing the weapon of seduction.

tre grazieShe borrowed the belt from the goddess Aphrodite, which contained all the love in the world. The goddess began one of his most beautiful clothes and, to complete the cunning, she went to the god Hypnos * which asked the favor of your husband to fall asleep immediately after lying with her, to convince Hypnos, he promised grant the hand of one of the three Graces *, the beautiful Pasitea.

So the loving combat ready, she showed up to Zeus that he could not resist some of her and fell asleep.

Since that time the gods were free to side with one or the other hand, influencing the outcome of the battles between Trojans and Achaeans. We have this mythological episode drowsiness male performance post? Who knows how to give an answer to these mysteries?

One of these deceptions however cost Hera treatment really humiliating revenge for Zeus, hung a cloud and put her ankles two anvils that prevented her movements completely. We can try to imagine the screams and laughter of derision from others, not merciful, Olympians.

IssioneEven Hera was seduced by other suitors. Unlike Zeus was always too austere and modest life and never yielded to their advances. In one episode was sardonic. The unfortunate Ixion, king of Thessaly, fell in love with her, but Hera he was bothered by rough nature of the same. To punish him for such a daring, she created a cloud in his likeness. Ixion not realizing the deception, the father of the cloud of fabulous creatures: centaurs, half man and half horse. After the man mocked for his great folly, Hera ordered Hermes to punish him tying him to a wheel. Since then, the poor Ixion wheel forever without finding peace.

TiresiaAlways indisposed to accept defeat, the mother of the gods, became capricious when it was contradicted. The poor diviner Tiresias Theban * was the victim of these tantrums. Convened in the presence of Zeus and Hera, he was asked to determine who of the two had more pleasure in their bed. Tiresias replied that, because of his personal vicissitudes, the woman was to derive greater benefit. Hera angered because of the unseemly response, the soothsayer touched on the face, making it blind.

Hera took vengeance with the illegitimate children of Zeus:

Eracle nella cullaThe most famous victim of Hera is the demigod hero Heracles, who carries in his name as a joke “conducive to Hera”, we say that only during the apotheosis of the hero, Hera, made ​​peace with him really. Before he made ​​his earthly life difficult, from the cradle, when he sent two snakes. Then she brought upon him the very famous twelve labors, and finally with the madness that led Heracles to kill their children. Not being able to damage Zeus, had to pay a high price for his son. Provvedette the father of the gods on Olympus to reward Heracles making it rise, after his own death.

Semele ZeusOther events shed a light  mysterious and cruel on Hera, as the punishment inflicted on the mother of Dionysus, Semele. With a trick Zeus, Hera did appear in all its majesty in Semele who, unable to bear the sight of the divine father, died instantly incinerated.

Even tried, for the usual jealousy, to prevent the birth of Apollo and Artemis.

He went so far as to advise you to kill Callisto, a beautiful nymph of the woods and hunting companion of Artemis, because of the son of Zeus who was carrying. To protect her from the wrath of Hera, Zeus turned Callisto into a bear.

In this episode we saw how regal and majestic god as Hera suffers the influence of jealousy and sometimes become cruel.

The only excuse for a husband difficult to “control” … The next month will discover the most charming and fascinating deity of the Pantheon: Aphrodite.

 Alessandro Cerioli


NOTES:

* God of sleep, the son of Erebus and brother of Thanatos.

* Goddess of beauty and nature, live in Olympus with the Muses.

* The fortune-teller  of Theban lived ambe two conditions for women and men , Zeus gave him the gift of foresight and long life.

Olympos: Hera, la madre gelosa

358px-Hera_Campana_Louvre_Ma2283StudioTablinum: in questo articolo tratteremo le vicende della madre degli dei, Hera.

Chi era esattamente questa divinità ?

Hera, oltre che la sposa divina del padre degli dei, ne era anche la sorella, figlia dei divini Crono e Rea. Considerata all’unanimità la divinità più importante del Pantheon.

 

Con il fratello Zeus, condivise la disgrazia di aver per padre il brutale che non esitò ad inghiottirla non appena generata. Fu proprio grazie al coraggioso intervento del fratello, che con lei salvò anche gli altri fratelli divini, che poterono essere affrancati da un destino d’oblio eterno.

 

Crebbe in armonia, accolta e allevata da Oceano e Teti, divinità legate alla seconda generazione d’immortali, quella dei Titani, avi dell’eroe omerico Achille.

matrimonioIn seguito, trasferitasi nel giardino delle Esperidi, sposo il fratello Zeus. Matrimonio che fu sancito da tutte le divinità; per l’occasione la dea Gea fece spuntare dalla terra un albero carico di pomi d’oro, albero che Eracle prima ed Ulisse poi, nei loro pellegrinaggi, ebbero modo di apprezzare.

 

L’amore fra queste due divinità fu al centro del gossip divino, fra tradimenti, sotterfugi e vendette, anche brutali. Essendo Hera la divinità custode della fedeltà coniugale, oltre che del matrimonio, capirete da voi come qualcosa non torna. Probabilmente, essendo stato Zeus innamorato di lei già al tempo in cui Crono regnava sui Titani, volle fare scontare alla consorte le conseguenze di questa lunga attesa compiendo scorribande amorose a destra e a manca.

La madre degli dei, che ci viene descritta dai testi antichi come austera ed algida, sedeva sul trono divino indossando la corona detta polos e impugnando uno dei suoi simboli prediletti, la melagrana. Inoltre aveva un animale di compagnia alquanto “regale”, uno splendido pavone. Fu definita da Omero la dea dagli occhi “bovini”, per via di quel suo sguardo mite.

era disinibitaIn verità mi piace immaginare la madre degli dei, tutt’altro che “passiva”, scopriamo insieme il perché.

 

Il rapporto fra Hera e Zeus inizio con un inganno. Il padre degli dei la vide passeggiare sola e pensierosa ed invaghitosi di lei, come spesso gli accadeva con tutte le belle creature femminili, decise che doveva essere sua ad ogni costo, si tramutò quindi, in un volatile, in un cuculo per l’esattezza, e si appostò sulla sommità di un monte, da lì fece scatenare un violento temporale, quindi sotto mentite spoglie e solo in apparenza innocue, si rifugiò fra le braccia della dea, che subito intenerita, riscaldò il povero animale. Quand’ecco che il mascalzone, riprese le sue forme regali, si apprestò a sedurre Hera. La dea cercò di negarsi ma alla fine capitolò. Traiamo una morale da questa vicenda, vecchia come il mondo, ma sempre attuale: mai fidarsi degli uomini che si presentato sotto determinate spoglie perchè potrebbero celarne ben altre.

 

Da questo episodio Hera non mancò mai di escogitare vendette, anche trasversali, nei confronti del marito fedifrago. Purtroppo per lei, ne seppe qualcosa la giovane fanciulla Io, sedotta dal padre degli dei, con un altro dei suoi ingeniosi stratagemmi. Per non farsi cogliere in flagrante dalla moglie, trasformò la giovane in una vacca mentre lui si tramutò in un io_era_zeustoro. Puntualmente Hera li scoprì e fece inseguire Io da un tafano che la perseguitò sino al suo arrivo in Egitto, dove Zeus le fece finalmente riprendere sembianze umane. Dobbiamo proprio a questo tradimento la splendida colorazione della coda del pavone: il dio Hermes, per mandato di Zeus, uccise il custode Argo dai cento occhi, messo a guardia della fanciulla-vacca Io dalla madre degli dei, al fine di evitare ulteriori tradimenti; morto che fu Argo i suoi occhi furono posti sulla coda dell’animale sacro alla vendicativa Hera. Anche il nome dello stretto che separa l’Europa dall’Asia, che oggi chiamiamo Bosforo, è da attribuirsi a questa vicenda mitica: nel tentativo di scappare alla persecuzione del tafano inviatole da Hera, la povera Io attraversò quello stretto che da qual momento prese il nome di Bos-foros, “passaggio della vacca”. Si attribuisce anche una similitudine fra la dea egizia Iside e la fanciulla Io, poiché, proprio dall’unione fra Zeus e la stessa Io nacque Epafo, re d’Egitto, al quale è stata attribuita la costruzione della città di Tebe. Si pensa che la madre Io divenne la divinità di quella città, proprio lei, la fanciulla-vacca, si celerebbe dietro la figura di Iside, che non ha caso porta sul capo due corna bovine tra le quali è posto un sole scintillante.

 

Hypnos_Sonno_2Trai due coniugi ci fu una sorta di costante competizione basata su astuzie e reciproci dispetti. Una delle più celebri è conservata tra le pagine del poema par eccelence, l’Iliade: quando Zeus, dal suo sommo trono, sentenziò che nessuna divinità dovesse influenzare l’esito della guerra di Troia, rimanendo neutrali, lasciare a gli uomini le cose degli uomini. Hera, con il fratello Poseidone, avevano ben altri propositi; la loro volontà era infatti quella di prendere parte attivamente allo scontro fra gli achei ed i troiani, a favore dei primi. Decise così di contravvenire gli ordini di Zeus. Si fece prestare la cintura dalla dea Afrodite, cintura che racchiudeva tutto l’amore del mondo, si truccò e si mise il suo abito più bello e, per concludere l’astuzia, si recò dal dio Hypnos* al quale chiese un favore, ossia di far addormentare il proprio sposo subito dopo aver giaciuto con lei; per tre grazieconvincere l’ inizialmente riottoso Hypnos, promise lui concedergli la mano di una della tre Grazie*, la bella Pasitea. Quindi, armata di tutto punto, si presentò dal padre degli dei che non le seppe certo resistere e, dopo essersi lasciato completamente soggiogare dal fascino di Hera, si addormento. Da quel momento le divinità furono libere di parteggiare per l’una e l’altra parte, condizionando gli esiti delle battaglie fra achei e troiani. Dobbiamo a questo episodio mitico la sonnolenza post prestazione maschile ? Chi conosce questi misteri.

 

Una di queste astuzie costò però ad Hera un trattamento davvero umiliante, Zeus: in un eccesso d’ira, l’appese ad una nuvola con alle caviglie due incudini che ne impedivano completamente i movimenti. Provate ad immaginare le urla e le risate di scherno da parte degli altri, poco misericordiosi, olimpi.

 

IssioneAnche Hera fu sedotta da altri spasimanti ma a differenza di Zeus fu sempre troppo austera e morigerata e non cedette mai alle loro avance, In un episodio fu addirittura sardonica. Lo sventurato Issione, re della Tessaglia, si invaghì di lei; Hera ne fu infastidita data la natura zotica dello stesso. Per punirlo di tanta audacia plasmo una nuvola ad immagine e somiglianza della sua regina, Issione non intuendo l’inganno, si uni alla nuvola generando delle creature favolose: i centauri, metà uomini e metà cavalli. Dopo averlo deriso per la sua totale stoltezza Hera ordino ad dio Hermes, che come avrete capito si occupava del “lavoro sporco” fra gli olimpi, di punirlo legandolo ad una ruota. Da allora il povero Issione ruota in eterno senza trovare pace.

 

TiresiaSempre indisposta ad accettare le sconfitte, la madre degli dei, quando contraddetta diveniva bizzosa. Il povero indovino tebano Tiresia* ebbe modo di saggiare queste divine bizze; chiamato al cospetto di Zeus ed Hera per stabilire chi dei due avesse ragione in merito al piacere sessuale, chi ne avesse di più durante un amplesso, Tiresia rispose che, per via della sua vicissitudine personale, fosse la donna a trarne maggior beneficio. Hera adirata per questa sconveniente risposta lo sfioro sul viso rendendolo cieco.

 

Come abbiamo visto, spesso irritata con il consorte, Hera se la prese soprattutto con le sue amanti, divine e mortali, e soprattutto con i loro figli.

Eracle nella cullaLa vittima di Hera più nota è l’eroe semidio Heracle, che come beffa porta nel suo nome “propizio ad Hera”, diciamo che solo durante l’apoteosi dell’eroe, Hera, si riconciliò veramente con lui, mentre rese la sua vita terrena ardua, sin dalla culla, quando inviò due serpi che l’eroe ancora in fasce, uccise; poi con le celeberrime dodici fatiche ed infine con la pazzia che portò Eracle ad uccidere i propri figli. Non potendo colpire il padre Zeus, fece pagare un caro prezzo al figlio. Provvedette il padre degli dei a ricompensare Heracle dei torti subiti per mano di Hera, facendolo assurgere sull’Olimpo, dopo la propria morte.

 

Semele ZeusAltre vicende gettano una luce misteriosa e crudele su Hera, come la punizione che inflisse alla madre di Dioniso, Semele. Con un inganno Hera fece apparire Zeus in tutta la sua maestosità a Semele che, non potendo reggere la vista del padre divino, morì incenerita all’istante.

Tentò addirittura, per la solita gelosia, d’impedire il parto a Latona, madre di Artemide ed Apollo.

Si spinse persino a consigliare, con grande spregiudicatezza, di uccidere Callisto, splendida ninfa dei boschi e compagna di caccia di Artemide, a causa del figlio di Zeus che portava in grembo. Per proteggerla dalla furia di Hera, Zeus trasformò Callisto in un’orsa.

 

In questo episodio abbiamo visto come una divinità regale e maestosa come Hera possa subire l’influenza della gelosia e a volte divenire crudele. Unica attenuante un consorte di difficile “gestione”… Il prossimo mese scopriremo la divinità più affascinate e conturbante del Pantheon: Afrodite.

 

                                                                                                                                                                                                      

Alessandro Cerioli

* Dio del sonno, figlio di Erebo e fratello di Thanatos.

* Divinità della bellezza e della natura, abitano l’Olimpo con le Muse.

* Indovino tebano, visse ambe due le condizioni femminile e maschile, Zeus gli fece dono della preveggenza e della lunga vita.