Women in Art. L’Arte Contemporanea è Donna!

Tablinum Cultural Management è lieto di annunciare l’inaugurazione della mostra d’arte contemporanea internazionale “Women in Art. L’Arte Contemporanea è Donna. Proposte per una collezione” che si terrà presso l’Ala del Teatro del Falcone all’interno del grandioso complesso museale di Palazzo Reale in Genova.

La mostra che aprirà al pubblico sabato 25 marzo 2017 dalle ore 10.30 e chiuderà domenica 9 aprile 2017 alle ore 18.30, sarà caratterizzata da una serie di eventi speciali in concomitanza dell’atteso appuntamento UNESCO dei Rolli Days di cui Palazzo Reale è uno dei protagonisti eccellenti.

Con Women in Art abbiamo deciso di creare un percorso espositivo che trattasse l’arte da un’angolazione inedita. Visitare questa mostra sarà un un po’ come catturare il segreto più intimo di queste artiste che riuniscono in sé un binomio meraviglioso: essere donna e al contempo essere artista. Liberatasi dagli stereotipi femminili che ancora sopravvivono al giorno d’oggi, la donna si fa musa di se stessa: ha ormai deciso non essere più un soggetto passivo nelle mani di chi ne modella le forme o l’immagine a proprio piacimento. Decide piuttosto, di essere una creatrice, di regalare allo spettatore quello che è il proprio sguardo sul mondo.

Questa mostra, che occuperà l’intera superficie del Teatro del Falcone, vedrà la presenza di sette artiste pronte a introdurre il visitatore nella propria personale visione del mondo, raccontatoattraverso il filtro dell’arte. Sette mondi artistici che saranno concretizzati in sette differenti concept curatoriali e che si snoderanno nello spazio espositivo, creando un effetto di immersione non solo visiva ma soprattutto emotiva molto significativa per il visitatore.

Giovanna Lentini, presenterà le sue opere su tela e gli arazzi con un tema che vuole farsi emblema di tutta la sua produzione artistica: “Rosso Dentro. Il gruppo Math12 attraverso l’installazione immersiva “Di Stazione in Stazione ci regalerà degli sguardi inediti su Genova. Anne Delaby in “Lighting the Art” ci trasmetterà tutto il potere benefico di un’arte che illumina e si fa messaggera di bellezza e positività. Le sculture di Mieke Van den Hoogen in “Female Touch” dialogheranno con il visitatore evidenziando il filo d’oro che lega da sempre la manualità femminile a     l’arte. Myriam Feuilloley in Contemporary Trascendence” indagherà il bisogno di evasione da se stessi e il difficile anelito alla spiritualità che attanaglia la società moderna. Monique Laville ci immergerà, con le sue opere dal sapore impressionista, in una vera e propriaReverie” fatta di Nostalgia per un mondo ormai passato e di attenta riflessione sull’attualità. Infine con Anne Marie Torrisi riscopriremo la meraviglia di fare “Arte in Libertà”, laddove il gioco dei colori e delle forme si fa espressione di gioia di vivere.

La mostra Women in Art nasce dal concept curatoriale di Tablinum Cultural Management, è realizzata in collaborazione con il Museo di Palazzo Reale di Genova e si iscrive nell’ambito della rassegna annuale Eutopia Art Collection ideata per Tablinum Cultural Management da Elisa Larese e Alessandro Cerioli.

La mostra sarà aperta dal 25 marzo al 9 aprile con i seguenti orari: MART-VEN 14.30-18.30, SAB 10.30-18.30 e DOM 13.30-18.30

Sono previsti tre eventi straordinari:

– Sabato 25 Marzo dalle ore 10.30l’apertura ufficiale in presenza degli artisti e degli organizzatori;

– Venerdi 31 Marzo alle ore 17.00 Art & Haute Couture Fashion Event aspettando i Rolli Days, in collaborazione con gli sponsor Ludema Bag e Litvi&Marti. Sfilata di Alta Moda presso la scalinata del Teatro del Falcone.

– Sabato 1 Aprile dalle ore 10.30 alle ore 18.30 Art meet the Artists con visite guidate alla mostra in presenza delle artiste.

Il visitatore potrà usufruire di contenuti digitali speciali accessibili dal proprio smartphone grazie alla presenza di qr code lungo il percorso di visita.

TABLINUM CULTURAL MANAGEMENT: i nostri progetti nascono dalla volontà di divulgare un modello culturale in cui il sistema dell’arte sappia comunicare i valori fondamentali che sorpassino le usuali logiche di mercato e riscoprano il valore primario della cultura, quale nutrimento della coscienza umana. Per questo amiamo considerarci prima di tutto “impiegati della cultura”.

Art, Light of God: bringing the divine light of Art to Humanity

INTERNATIONAL CONFERENCE FOR CULTURE ART AND PEACETablinum: per la prima volta nella storia, 17 fra i massimi storici dell’arte del mondo si riuniranno a Roma allo scopo di contribuire alla valorizzazione dei beni culturali quali strumento di dialogo fra i popoli e all’affermazione della pace nel mondo. Insieme a loro esperti in conservazione e tutela e grandi mecenati del collezionismo d’arte.

La delegazione di “International Conference for Culture Art, and Peace”, costituita da 17 delegati in rappresentanza di altrettante nazioni e quattro continenti, arriverà a Roma mercoledì 27 maggio per partecipare all’Udienza Generale del Santo Padre, al quale sarà consegnato il MANIFESTO DELLE NAZIONI, documento ufficiale per la promozione dei beni e delle attività culturali quali linguaggi universali per il dialogo fra i popoli.  Il giorno successivo seguirà una fitta programmazione di incontri istituzionali.

Il 28 maggio la delegazione sarà infatti ospite della Camera dei Deputati, nella Sala Aldo Moro, per partecipare alla tavola rotonda “Arte, luce di Dio, illuminare l’umanità con la luce divina dell’arte”. Moderatore della conferenza il Project Manager di Tablinum Cultural Management, Alessandro Cerioli. Gli alti membri della conferenza permanente, che dibatte sui temi della cultura quale linguaggio universale del dialogo fra i popoli, sono stati prescelti, per chiara fama, fra gli storici dell’arte più influenti del pianeta.

This slideshow requires JavaScript.

Fra loro anche esperti in conservazione, grandi mecenati del collezionismo d’arte, professori universitari e direttori di museo, queste le eccezionali personalità che saranno a Roma il 27 e 28 maggio: Sergej Androsov, specialista in arte europea presso l’Hermitage Museum di San Pietroburgo, Russia; John Azzopardi, specialista in arte del XVII° secolo, direttore del Vignacourt Museum di Malta; Mark Bell, specialista di investimenti in arte, docente dell’Emory University Goizueta Business School di Atlanta, USA; Hong Oei Dijen, mecenate a sostegno dell’arte contemporanea e patron dell’OHD Museum di Java Tengah, Indonesia; Marco Grassi, specialista in conservazione di tavole lignee, di New York, USA; Sabine Haag, specialista in arte moderna e contemporanea, direttore Kunsthistorisches Museo di Vienna, Austria; Roman Kraussl, analista del mercato dell’arte internazionale, docente dell’Università du Luxembourg Shool of Finance, Lussemburgo; Anne Labourdette, specialista in arte moderna e contemporanea, conservatrice del patrimonio nazionale Francese del Musèe de Chatreux, Francia; Tiziano Panconi, specialista in pittura italiana del XIX° secolo, direttore scientifico del Butterfly Institute Fine Art, Italia;              Dimitros Pandermalis, specialista in archeologia e ancient art, direttore dell’Acropolis Museum di Atene, Grecia; Antonio Filipe Pimentel, specialista in ancient art, direttore del Museo Nazionale di Arte Antica, Lisbona, Portogallo; Mikhail Borisovic Piotrovskiy, specialista in museologia e in orient ancient art, direttore dell’Hermitage Museum, San Pietroburgo, Russia; Ramin Salsali, mecenate in arte contemporanea e patron del Salsai Art Museum di Dubai, Emirati Arabi Uniti; John T. Spike, specialista in arte moderna e contemporanea del Muscarelle Art Museum di Williamsburg, USA; Timothy Standring, specialista in arte italiana del XVI° secolo e nella pittura di Van Gogh, responsabile per le collezioni del Denver Art Museum, USA; Nina Torres, specialista in arte contemporanea, direttore esecutivo Miami River Art Fair, USA; Juan Ignacio Vidarte, specialista in arte contemporanea, direttore del Guggenheim Museum di Bilbao, Spagna.

A rappresentare l’Italia sarà lo storico dell’arte ottocentista, Tiziano Panconi, che a soli 45 anni è oggi considerato il più autorevole esperto internazionale delle opere dei Macchiaioli e di importanti artisti come Giovanni Boldini.

La conferenza alla Camera dei Deputati sarà aperta dall’on. Mario Baccini, ex ministro della funzione pubblica e presidente dell’Ente Nazionale per il Microcredito e della Fondazione Foedus, promotrice dell’iniziativa, realizzata con il contributo di Fidei Signa Onlus e Tablinum Cultural Management, che si svolge con il patrocino del Senato della Repubblica e del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, per il quale interverrà il Direttore generale dei musei italiani Ugo Soragni.

Alessandro Cerioli

Comunicato Stampa
http://www.internationalpressandmedia.com

L’Italia delle Meraviglie

aliceTABLINUM: “Chi trascura di imparare perde il passato ed è già morto per il futuro” sosteneva Euripide. Coltivare se stessi, significa soprattutto appassionarsi al sapere, alla conoscenza in senso stretto e lato è molto più importante. Molto abbiamo letto e sentito sulla nostra società, e su quanto essa sia oberata da messaggi e valori superficiali, ma se in tanti altri ambiti possiamo tentare di nasconderci, camuffare il nostro modo d’essere, nel campo della cultura il bluff è impossibile: e nonostante possa sembrare il contrario, il non sapere, è più emarginante del non avere l’aspetto più convenzionalmente appropriato, essere alla moda o fuori moda. La cultura non è solo “ ciò che fa tendenza” ma è parte integrante di noi stessi.

Quest’anno abbiamo deciso d’intraprendere in vostra compagnia un viaggio nel mondo della cultura e non solo per cercare di arricchirci raccogliendo tutti gli stimoli che il mondo  della cultura attorno a noi ci offre. Per questo passeremo in rassegna gli eventi culturali in programmazione nelle nostre città, cercando di creare una sorta di vademecum  culturale

Auguriamo a tutti i nostri lettori, che dedicheranno alla cultura il primo week end lungo dell’anno, di poter trovare nuovi stimoli, coltivando il prezioso che è in loro.

Elisa Larese


Abruzzo

Sulmona

Lo vince amore. Ercole nella patria e nelle opere di Ovidio.

 

abruzzoLa mostra è realizzata nell’ambito delle manifestazioni “Ars Eros Cibus” indette a Sulmona da FabbricaCultura e inaugurata nella Giornata Nazionale dell’Archeologia, del Patrimonio Artistico e del Restauro indetta dal MIBACT. Attraverso i testi e le opere del poeta sulmontino si ricostruisce il mito di Ercole, del quale abbiamo le testimonianze nelle raffigurazioni frutto delle ricerche archeologiche nel territorio peligno e in Abruzzo.

In occasione della mostra sono presentate al pubblico tre cinquecentine delle Metamorfosi,scelte tra le tante pregevoli edizioni presenti nel Fondo Ovidiano della Biblioteca Comunale di Sulmona


 Basilicata

Matera

Pasolini a Matera. Il Vangelo secondo Matteo cinquant’anni dopo.

basilicataPalazzo Lanfranchi ospita la mostra Pasolini a Matera. Il Vangelo secondo Matteo cinquant’anni dopo. Nuove tecniche di immagine: arte, cinema, fotografia, curata da Marta Ragozzino, Soprintendente BSAE per la Basilicata e Giuseppe Appella, Direttore del MUSMA, con Ermanno Taviani, Professore di Storia Contemporanea all’Università di Catania e la collaborazione di Paride Leporace, Direttore della Lucana Film Commission. Un’appendice della mostra presso il MUSMA-Museo della scultura contemporanea, Matera.


Campania

Napoli

Blow up. Fotografia a Napoli 1980-1990 

napoliAl  Museo Pignatelli viene presentata la mostra Blow up. Fotografia a Napoli 1980-1990 ‘,  un’occasione rilevante per il progetto Villa Pignatelli-Casa della fotografia di rileggere il contributo che la città di Napoli ha dato alla cultura fotografica italiana e internazionale, accostando al reportage nuove modalità narrative e di ricerca artistica.  L’esposizione presenta circa 140 fotografie, frutto di una ricognizione sugli interventi fotografici di artisti italiani e stranieri presenti a Napoli nel corso di un decennio vitale.


 

Emilia Romagna

Bologna

Terre Ferme. Emilia oltre il sisma

emilia romagnaAl via la terza tappa della mostra Terreferme: Emilia 2012: il patrimonio culturale oltre il sisma. La mostra che è espressione del più ampio progetto di documentazione sul sisma promosso dalla Direzione Regionale con l’intento di condividere la conoscenza sul come gestire e tutelare il patrimonio culturale in situazioni di emergenza, viene presentata in questa tappa bolognese con un nuovo allestimento.

 


 

Friuli Venezia Giulia

Torre Satriano

“Invito a casa del principe. Archeologia a Tito, Torre di Satriano”

titoSegue e integra l’allestimento della mostra realizzata dalla Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici di Matera nel luglio del 2013 “I segni del potere. Oggetti di lusso dal Mediterraneo nell’Appennino lucano di età arcaica”. La mostra è stata pensata in occasione del restauro dell’eccezionale reperto ligneo, rinvenuto durante gli scavi della Scuola a Torre di Satriano di un palazzo aristocratico riferibile al VI sec. a.C.

 


Lazio

Roma

RIVOLUZIONE AUGUSTO. L’imperatore che riscrisse il tempo e la città 

lazioRivoluzione Augusto. L’imperatore che riscrisse il tempo e la città è la mostra che chiude il ricco programma di celebrazioni legate alla ricorrenza del Bimillenario augusteo.

In mostra strumenti multimediali approfondiscono la lettura della personalità di Augusto: l’Hyper-biografia, grazie alla quale il pubblico potrà interagire con i personaggi storici per comprenderne le vite e le relazioni politiche e familiari; il filmato “A” Elegia di Augusto ripercorrerà i principali luoghi augustei per farci rivivere la parte più intima dell’imperatore.

 


 

Lombardia

Milano

RAFFAELLO. La Madonna Esterházy 

Mostre: a Natale a Milano la Madonna Esterhazy di Raffaello

Il Comune di Milano rinnova anche quest’anno l’appuntamento con i capolavori d’arte per offrire alla città, durante le feste di Natale, un incontro speciale con la bellezza. Dal 3 dicembre 2014 all’11 gennaio 2015 infatti, nella sala Alessi a Palazzo Marino, la cinquecentesca sede del Comune di Milano, verrà ospitata la Madonna Esterházy di Raffaello, splendida opera del genio del Rinascimento proveniente dal Szépm vészeti Múzeum di Budapest.


Marche

Ancona

DIRA’ L’ARGILLA la mano, la terra, il sacro di Paolo Annibali

marche21 grandi sculture in terracotta più 21 splendidi disegni realizzati negli ultimi tre anni, secondo un progetto unitario pensato per il Museo Omero per non vedenti. Tutto da vedere e da toccare, fruibile da parte di visitatori vedenti e non vedenti poiché alcuni disegni saranno realizzati in 3D. Viene realizzato anche un catalogo da De Luca Editori d’arte con le foto di tutte le opere e gli interventi del curatore Flaminio Gualdoni, di Erri de Luca e del presidente del Museo Omero Aldo Grassini.

 

 


 

Molise

Venafro

Con Diletta e gli artisti sui sentieri. Sfide dell’arte contemporanea nei territori del Molise

 moliseIl Museo Nazionale del Molise in Castello Pandone a Venafro presenta l’acquisizione di nuove opere e una mostra che mirano a considerare la storia e le conseguenze della seconda guerra mondiale nella regione attraverso il lavoro di artisti internazionali.

 Il Museo ha collaborato con Cultural Documents, un’attività culturale diretta da Deirdre MacKenna, che dal 2009 realizza progetti di ricerca in Molise invitando gli artisti a una riflessione sul luogo e al rapporto con storie individuali, nonché con associazioni e imprese culturali locali.


Piemonte

Torino

“Leonardo e i Tesori del Re”

piemonte

La mostra presso la Biblioteca Reale di Torino – offre un importante esposizione di un centinaio capolavori assoluti tra le opere di Leonardo da Vinci, disegni Raffaello, Carracci, Perugino, Van Dyck e Rembrandt, codici miniati, carte nautiche ed altre opere grafiche dalle preziose collezioni della Biblioteca.
Per per rendere fruibile il patrimonio storico-artistico della Biblioteca, sono stati integralmente ristrutturati i deposit iinterrati per consentire il raddoppio degli spazi espositivi.

 


PUGLIA

Andria e Trani

Arnaldo Pomodoro nei castelli di Federico II

puglia

Le opere di Arnaldo Pomodoro saranno in mostra in Puglia, nella cornice medievale di tre dei Castelli di Federico II di Svevia: Il Castello Svevo di Bari, l’ottagonale Castel del Monte presso Andria, , e il Castello Svevo di Trani.

Gli scettri, gli scudi, le lance di luce, le steli, le sfere di Pomodoro, originali declinazioni contemporanee di emblemi antichi, articolano un dialogo ideale con questi luoghi carichi di storia, simbolo dello straordinario connubio di potere e cultura espresso dallo “Stupor Mundi”.


TOSCANA

Firenze

Luci sul Novecento. Il centenario di Palazzo Pitti

A cento anni dalla sua fondazione la Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti espone e racconta le sue collezioni del ‘900.

toscanaPer celebrare il centenario della sua fondazione la Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti ha voluto dedicare una mostra alle collezioni novecentesche possedute dal museo. Infatti, nonostante la Galleria d’arte moderna sia nota soprattutto per essere il museo che vanta la più vasta e importante, storicamente e qualitativamente, collezione di dipinti macchiaioli al mondo, è probabile che non tutti conoscano l’interessante raccolta di opere novecentesche fino ad oggi relegata nei depositi.

 


UMBRIA

Perugia

Canaletto alla Galleria Nazionale dell’Umbria

umbria

l fascino di Venezia raccontato da Giovanni Antonio Canal, detto il Canaletto (1697-1768)  sarà in mostra alla Galleria Nazionale dell’Umbria dal 25 settembre fino al 19 gennaio 2015 con le due vedute veneziane del Canal Grande e il ponte di Rialto e di piazza San Marco, provenienti dal Museo Jacquemart André di Parigi.


VENETO

Vicenza

Se una notte nel tempo Van Gogh e Tutankhamen – La sera e i notturni dagli Egizi al ‘900

venetoE’ una mostra di capolavori, sensazioni, emozioni e simboli quella che si tiene presso la Basilicaq Ppalladianadi Vicenza.

 La mostra richiama millenni di storia dell’uomo e dell’arte, appuntati in una mostra che indaga una storia antica ma soprattutto poi una seconda storia, dal Cinquecento al Novecento in pittura, lungo il suo versante struggentemente serale e notturnoCome sanno fare i veri artisti quando, nel raffigurare un chiaro di luna, infondono nell’elemento visivo, “fotografico”, sentimenti e profonde corrispondenze d’anima. Come chi nel nero vede “semplicemente” l’altro volto della luce o solo lo spazio bellissimo che ci separa dall’alba. La notte, queste notti, sono un viaggio personalissimo da sole a sole, passando per l’annullarsi della luce che mai coincide con nessun eclissarsi della vita.