Wonders of the Universe

DSCN2296Studio Tablinum: 84 Orchard Street, between Broome and Grand. There is an art gallery called “Artifact”. We are in New York City, the “Big Apple”, the city that never sleeps.

Here, from the 7th of September to the 28th , has exhibited a great Italian artist named Giorgio Tardonato.

He lives and works in Eupilio, a little town near Como. He’s a really kind man, one of those who is difficult to find nowadays, one of those who has old ways and habits. In few words, a gentleman. I have had the pleasure of knowing him personally, and the idea that I had of him turned out to be true: he shook my hand gently, a big smile lighting up his face, and together we have observed and discussed about his paintings that were in the gallery.

He has an impressionistic training. His kind of painting could be called “Space Art”, the founder of this current is Chesley Bonestell (1888-1986), an American painter, designer and illustrator.

DSCN2295In his works we find stars, galaxies, comets, star clouds but also fanciful galaxies of antimatter, negative skies and cosmic crystal.

Painting techniques are always in progress: oil on canvas or acrylics on canvas, brushes, spatulas, airbrush, inclusions, but also self made canvases, cuts filled with transparent resins and true gold inclusions, shapes: engraved or cut, transparent or opaque.

But the most important thing which characterize Tardonato’s operas is the attention that he puts to the creation of his artworks: before painting something he observe it thanks to a telescope. It is a really hard work which requires calm and precision and that’s why he uses lots of time for the creation of a canvas, also because he wants that his operas are realistic. In his artworks he mixes the passion for the Space and that for the painting, without creating something imaginary but at most he gives to the operas a free artistic interpretation, without departing it from the reality.

He’s a man with the head which tends to the sky but the feet on Earth, as it were.

DSCN2780In the exhibition of NYC there were operas which are connected with the scientific and the astronomical tools periods, two of Tardonato’s artistic phases.

In the scientific period there are oils on canvas, acrylic, opaque or glossy paintings. The dimensions are relatively big and the peculiarity of these early works is the scientific accuracy with many details. They are some of the most beautiful and famous heavenly bodies like “Antennae”, which represents a collision between two galaxies placed at 60 million light-years away in the constellation of the Raven. The name comes from the gravitational deformation which the two original spirals arm have, like the antennae of an insect. Or also “The South Polar Aurora” which represents the phenomenon of the aurora borealis and there are also other canvases which are always connected to stars, galaxies, globular clusters and nebulas.

In the astronomical tools period, instead, are painted the scientifical instruments which permits men to discover the wonders of Universe like ISS, the International Space Station which is inhabited by 3 astronauts and which allows to study celestial phenomena and make searches.

20140907_180053I think that this exhibition was really beautiful: the location was modern and quiet also if it was located in the middle of LES, the central borough of Manhattan. Orchard street is an important historical place empty of factories and shops, you can see tourist at any time. The set-up was great: the canvases exploded in the walls, lighted in a brilliant way which exalted the glossy effect of the canvases. All of this explain why there were people at any hour; most of all during the preview on Sunday because there was the fashion week.

DSCN2779A unique experience which is the result of the union of the location with the set-up and, but most of all, with the canvases.

In short, with this exhibition in New York, our artist has proven to be a really great painter that not only manages to capture the magic of Space and transmit it to us, but also manages to make us lift up our head to look at the wonders of the Universe. And to surprise us; which is something really rare today.

Camilla Oliveri

Wonders of the Universe

DSCN2296Studio Tablinum: al numero 84 di Orchard Street, tra la Broome & Grand, si trova una galleria d’arte di nome Artifact. Siamo a New York City, la “Grande Mela”, la città che non dorme mai.

Qui, dal 7 al 28 Settembre 2014, ha esposto un grande Artista italiano di nome Giorgio Tardonato.

Di origine comasca, vive e lavora a Eupilio, un piccolo paese in provincia di Como. È un uomo davvero pacato e gentile, di vecchio stampo, di quelli che non vedi più molto spesso in giro oggigiorno. Un gentiluomo insomma. Ho avuto il piacere di conoscerlo personalmente e l’idea che mi ero fatta di lui in base a quello che mi avevano raccontato si è rivelata veritiera: mi ha stretto la mano con gentilezza, un grande sorriso gli illuminava il volto e insieme abbiamo osservato e discusso delle sue tele che erano lì in galleria.

Ha una formazione di taglio impressionista e il suo genere di pittura è “astronomico”, di cui l’iniziatore è Chesley Bonestell (1888-1986), un pittore americano, designer e illustratore.

DSCN2295Nelle opere ci sono stelle, galassie, comete, nubi cosmiche, ma anche fantastiche galassie di antimateria, cieli in negativo e cristalli cosmici.

Le tecniche necessarie sono in continua evoluzione: tele dipinte con colori ad olio o acrilici; pennelli, spatole, aerografo, scorrimento, inclusioni; anche tele autocostruite, con tagli riempiti di resine trasparenti e inclusioni d’oro; forme scolpite o incise, opache e trasparenti.

Ma la cosa che caratterizza principalmente la pittura di Giorgio è l’attenzione che pone alla creazione delle sue opere: prima di dipingere osserva il soggetto grazie a un telescopio e solo in seguito riporta l’immagine sulla tela. È un lavoro arduo e faticoso che richiede precisione e pazienza; ed ecco perché impiega anche anni a terminare una sua opera, oltre al fatto che vuole che siano realistiche. Nelle sue tele mescola la passione per lo Spazio con quella per la pittura, senza creare nulla di immaginario ed al massimo conferisce all’opera una libera interpretazione artistica, senza allontanarla troppo dalla realtà.

È un uomo con la mente protesa verso lo Spazio ma con i piedi sulla Terra, per così dire.

Nella mostra di NYC c’erano opere connesse al periodo scientifico e a quello degli strumenti astronomici, due tra le varie fasi artistiche di Tardonato.

DSCN2780Il periodo scientifico concerne opere ad olio, in acrilico, opache e lucide che hanno dimensioni abbastanza grandi e cura nella fedeltà scientifica con dettagli ed effetti di movimento. Sono alcuni fra i corpi celesti più belli e famosi come “Antennae”, che rappresenta il nucleo di uno scontro fra due galassie poste a 60 milioni di anni luce da noi, nella costellazione del Corvo. Il nome deriva dalla deformazione gravitazionale che hanno i bracci delle due spirali originarie, simili alle antenne di un insetto. O anche “Aurora Polare Sud” che rappresenta, invece, il fenomeno dell’aurora boreale; ma ci sono anche molte altre tele connesse alle stelle, alle galassie, agli ammassi globulari e alle nebulose.

Per quanto riguarda il periodo scientifico, invece, vengono dipinti gli strumenti tecnologici che hanno permesso all’uomo di conoscere le meraviglie dello Spazio come ISS, la “Stazione Spaziale Internazionale” che è abitata da 3 astronauti e che permettere di studiare fenomeni celesti e fare ricerca.

20140907_180053Credo che questa mostra fosse veramente bella: la location era moderna e tranquilla anche se si trovava nel bel mezzo del LES, il quartiere centrale di Manhattan. Orchard Street è un importante luogo storico pieno di gallerie d’arte e di negozi, si possono vedere turisti in qualsiasi momento. L’allestimento era grandioso: le tele esplodevano dalle pareti ed erano illuminate in modo tale da esaltarne brillantemente l’effetto lucido. Tutto ciò questo spiega perché ci fosse gente a qualsiasi ora; soprattutto per l’anteprima di Domenica durante la settimana della moda.
Un’esperienza unica che è il risultato dell’unione della location con il setup e, soprattutto, con le tele.

DSCN2779Insomma, con questa mostra newyorkese il nostro artista ha confermato di essere davvero un grande pittore che non solo riesce a cogliere la magia dello spazio e a trasmetterla a noi comuni mortali, ma riesce anche a farci alzare la testa per osservare le meraviglie dell’Universo. E a farci sorprendere; cosa assai davvero rara attualmente.

Camilla Oliveri

Giorgio Tardonato: man is made to look at the stars.

Studio Tablinum: eclecticism does not seem to be a distinctive tendency nowadays, so far from that era when an artist was also a scientist, with a breadth of knowledge in both fields. However, Giorgio Tardonato’s marvellous works give us the impression to be before someone who deeply knows science, and astronomy in particular. His paintings abound with starts, comets, cosmic clouds as well as fantastic antimatter galaxies, cosmic crystals and negative skies…a truly “impressionist” vision of Space.

                  Image
Giorgio, first of all I would like to talk about your activity as an amateur astronomer. Over the last few years, you have contributed to divulgate astronomy from both a cultural and practical point of view, offering your collaboration to a series of public initiatives. How do you combine this passion with art? Do you see art as a way to divulgate astronomy?

Man is the only animal who can look at the sky. Others can do it through an unnatural effort, whereas for mankind is almost spontaneous. Astronomic observation has guided the history of human society, and now that we can really know the depths of the universe, few people seem to be interested in the sky. We rediscovered the ancient amazement as soon as we are far away from artificial lights. I noticed it during all the initiatives of sky observations organised for the public, even when there were not any instruments, and all we had was the name and picture of the stars. Beauty and amazement mark astronomy divulgation, even in its more simple terms. Art nourishes itself with the same things: beauty and amazement. I simply combined two passions, cultivated since my early age.
I still keep abreast of science, experimenting painting techniques blended with scientific hypothesis in order to represent old and newly discovered objects, picturing how they could be.

Your painting has been defined as “astronomical” or belonging to Space Art, a style that the American artist Chesley Bonestell (1888-1986) first developed with a series of realistic scenarios for future spatial explorations, often carried out by NASA, with an extremely figurative slant. Meanwhile in Europe, the same style was tending towards a stylization of abstract shapes, following the example of Futurism. Did you have a specific source of inspiration for your works in this sense?

Bonestell for sure, firstly known when I was a child and my mother was helping me collect Liebig sticker. This was the series I liked the most. The encounter with dear Ms Adriana also played a fundamental role: she was the painter who has taught me how to paint for 12 years. Both Italian and French, she had studied at the Academy of Fine Arts in Paris and had an impressionist mark. At the end of my course, she suggested that I should have specialised, carefully choosing what and how to paint afterwards.
The first astronomical painting was made together, painting the hydrogen clouds of Orion Nebula in a similar way to those of an impressionist landscape.

In your works you experiment a great variety of materials and techniques: from oil paintings or acrylic on canvas to dipthyc and triptych, as well as statues in transparent resin and photography: every time you manage to represent, with scientific rigour, wonder and astonishment for the Universe. How much time does it take to find the right way to represent such a distant world, to which we however belong?

At the root of each painting there is the knowledge of the subject. Each painting is unique, I never repeat myself. Technical difficulties are due to the fact that celestial bodies are bright, without embracing the contrast of lights and shades which is the base of normal paintings. I must represent a source of brightness and shape its depth: I work out this problem in a different way every time. I study books and magazines and I surf on the Internet; for every subject I never use only one image, but I combine different images with the sensation of being on a spacecraft, close enough to feel their own depth. Finding the motivation to realise what I have in my mind can be very hard, and it requires the same amount of time than experimenting different techniques and materials, in order to reach positive outcomes. At times, I am surprised myself by the final aspect of the work. It is true that reality overcomes fantasy.

Tell us about your experience at new Florence Biennale 2013 where you participated with our studio.

In Florence, I was pleasantly struck by the high quality of the exhibited works. Contemporary art is often an exhibition in negative. In Milan, Rome, Venice, Rovereto (MART), Paris, Stockholm, Amsterdam, Berlin, London I saw denouncing works, even strange and original, complex and difficult, which never represented the idea of beauty and positivity that Art should convey. On the contrary, Florence Biennale 2013 astonished every artist who I could talk to: we enjoyed each other’s company and we felt absorbed in that kind of futuristic atmosphere with the same harmony that pervades Florence and makes it unique in the world.
I often wondered why in Italy we keep organising retrospective exhibitions, looking at the past as well renowned works, rather than investing in the future and in everything that can enrich our patrimony. This Biennale has provided a good answer. The professional assistance of Studio Tablinum was a discerning factor between do-it-yourself and professionalism. Despite the little space dedicated to my paintings, Alessandro’s work generated such visibility that important Galleries were interested in my paintings. I am also thankful to my graphic designer (studio Sintesi) for the effective leaflets.

You also have a double experience with photography: on the one hand you work for advertisements and documentaries, including videos for both state and private companies, on the other hand you are responsible for artistic production. Has your love for photography influenced the way you see things and thus your analytical way of reproducing Space?

Professional photography requires the same skills of a painter, technique and carefulness. I was able to observe images through the telescope and elaborate my own canvas, transforming them into digital artworks. Experience and technical equipment (purchased thanks to a couple of advertisements for a few clients) gave me the chance to develop, balance the equipment costs as well as acquire IT skills, which are also necessary for astronomy. These two things are complementary and I devote myself to both: sometimes art, at other times photography. Every change implies new solutions.

Together with several groups of amateur astronomers, you contributed to the foundation of the national association Cielo Buio, promoting the protection of nocturnal sky – part of Human Heritage – as well as other landscapes and cultural assets around the world. You therefore combine the artistic activity with the conservation of existing assets, enhancing your “eclectic” nature. In modern artistic contexts, is the lack of conservation or that of creativity that causes more risks?

I organised several conferences, even for state bodies, regarding ecological solutions to night lighting, both to save energy and see stars again. This is a long cultural evolution. As long as nocturnal sky is not important for a vast majority of people, laws will not be able to protect it. The light that we need to walk at night should not darken the stars nor blind our eyes. The starry sky has been declared Human Heritage, but I would rather say that Earth itself should be considered heritage of the starry sky.
Those men who do not look at the sky are forgetting that they have no power, neither to create nor to destroy. They can only choose if they want to indulge nature or if they prefer to find easy and direct solutions, following their own wishes and harming themselves.
Modern Art, in the past as well as in the future, has the aim of representing a problem, an idea, a myth or a hope. The artist shows the right way on behalf of everyone else, sometimes before than everyone else.
If people accept art proposals, art gets successful. However, people often understand art message afterwards and only those representations confirming the existing world are successful.
It is not the artist the one who is risking, but spectators to artists’ works are those that can choose to accept or refuse novelties.

                      Image

Giorgio Tardonato was born in Erba (Como), Italy, in 1951.
After earning a degree in Modern Literature, worked as a teacher, photographer, artist and popularizer of astronomy.
Lives and works in Eupilio (Co), Italy.

Giorgio Tardonato: l’uomo è fatto per guardare verso il cielo.

Studio Tablinum: l’eclettismo non sembra essere uno dei tratti distintivi dell’epoca contemporanea: siamo lontani dai tempi in cui un artista era anche uno studioso delle scienze, eccellendo in entrambi campi. Eppure, davanti agli splendidi lavori di Giorgio Tardonato, abbiamo l’impressione di trovarci di fronte a chi di scienze, in particolare di astronomia, ne sa effettivamente qualcosa in più. Nelle sue opere ci sono infatti stelle, comete, nubi cosmiche, ma anche fantastiche galassie di antimateria, cieli in negativo, cristalli cosmici… Una vera e propria visione “impressionistica” dello Spazio.

                               Image

Giorgio, vorrei partire innanzitutto dalla tua attività di astrofilo, attraverso la quale negli ultimi anni hai contribuito alla divulgazione culturale e pratica delle conoscenze astronomiche, offrendo la tua collaborazione ad iniziative pubbliche. Come si coniuga questa passione con l’arte? Consideri l’arte un modo per poter divulgare l’astronomia?

L’uomo è l’unico animale fatto per guardare verso il cielo. Altri possono farlo con uno sforzo innaturale, per l’uomo è quasi spontaneo. Tanta storia della civiltà è stata guidata dall’osservazione astronomica, ora che davvero possiamo conoscere le profondità dell’universo il cielo sembra che interessi a pochi, che sia riservato agli studiosi… Salvo tornare alla meraviglia antica appena siamo lontani dalle luci artificiali. L’ho notato in tutte le iniziative di osservazione del cielo aperte al pubblico, anche non facendo uso di strumenti, ma dando un nome e un disegno agli astri. La divulgazione dell’astronomia, anche semplice, è segnata dalla bellezza e dallo stupore. L’arte si nutre delle stesse cose: bellezza e stupore. Ho semplicemente coniugato due passioni, coltivate fin da piccolo.
Continuo a tenermi aggiornato in ambito scientifico e a sperimentare tecniche pittoriche in grado di rappresentare oggetti conosciuti da tempo o appena scoperti, insieme ad ipotesi scientifiche, immaginando come potrebbero essere.

Il genere della tua pittura è stato definito “astronomico” o appartenente alla Space Art, genere iniziato dall’americano Chesley Bonestell (1888-1986), che ha elaborato molti scenari realistici di future esplorazioni spaziali, spesso per conto della NASA, con un taglio decisamente figurativo. In Europa, lo stesso genere tendeva a una stilizzazione verso forme astratte, prendendo esempio dal Futurismo. Hai avuto una particolare fonte d’ispirazione per i tuoi lavori in tal senso?

Bonestell certamente, conosciuto da bambino, quando mia madre mi aiutava a collezionare le figurine Liebig. Questa era la serie a cui tenevo di più.
Poi è stato fondamentale l’incontro con la cara signora Adriana, la pittrice che mi ha insegnato a dipingere per 12 anni. Italo – francese, aveva studiato all’accademia di Belle Arti a Parigi, ed aveva un’impronta di tipo impressionista. Alla fine del mio corso mi ha consigliato di specializzarmi, scegliendo con cura cosa e come dipingere in seguito.
Il primo quadro astronomico è stato fatto insieme, con le nubi di idrogeno della Nebulosa di Orione dipinte in modo simile a quelle di un paesaggio impressionista.

Nelle tue opere sperimenti i materiali e le tecniche più varie: dall’olio o acrilici su tela, ai dittici e trittici, alle statue in resina trasparente, fino alla fotografia: ogni volta riesci a riproporre, con rigore scientifico, la meraviglia e lo stupore per l’Universo. Quanto tempo impieghi a trovare il modo giusto per rappresentare un mondo così lontano dal nostro, di cui tuttavia facciamo parte?

Alla base di ogni quadro sta la conoscenza del soggetto. Ogni opera è unica, non mi ripeto mai, la vera difficoltà tecnica sta nel fatto che i corpi celesti sono luminosi, non c’è il gioco di luci ed ombre su cui si basano i dipinti normali. Devo rappresentare una sorgente di luce e darle profondità: questo problema si risolve ogni volta in modo diverso. Studio testi, riviste, navigo su Internet, per ogni soggetto unisco l’aspetto di immagini diverse, mai una sola, insieme alla sensazione di trovarmi su una nave spaziale abbastanza vicino da percepire la sua profondità. Il tempo necessario per trovare la spinta a realizzare quello che ho in mente può essere lungo mesi, ma altrettanto richiede la sperimentazione di tecniche e materiali diversi, per arrivare ad un risultato. A volte sorprende anche me l’aspetto dell’opera finita. È vero che la realtà supera la fantasia.

                                 Image

Raccontaci la tua esperienza alla New Florence Biennale 2013, dove hai partecipato con il nostro studio.

A Firenze sono stato piacevolmente colpito dalla qualità elevata dei lavori esposti. L’arte contemporanea spesso è un’esibizione in negativo. A Milano, Roma, Venezia, Rovereto (MART), Parigi, Stoccolma, Amsterdam, Berlino, Londra ho avuto davanti opere di denuncia, magari strane e originali, complesse, difficili, ma sempre lontane dalla sensazione di bellezza e positività che l’Arte dovrebbe offrire. Invece Florence Biennale 2013 ha sorpreso tutti gli artisti che ho potuto ascoltare per la sensazione di trovarsi tutti in buona compagnia, immersi in qualcosa che guarda al futuro con la stessa armonia che pervade Firenze stessa e la renda unica al mondo. Mi sono spesso domandato: se in Italia continuiamo a fare esposizioni retrospettive e ad occuparci solo del passato e di personaggi o lavori già famosi e celebrati, non si investe nel domani, in tutto ciò che dovrà continuare ad arricchire questo patrimonio. Questa Biennale è stata una buona risposta. L’assistenza professionale dello Studio Tablinum è stata un importante fattore discriminante fra il “fai da te” e la garanzia di serietà. Nonostante la superficie occupata dalle mie opere fosse piccola, la visibilità attivata da Alessandro ha suscitato l’interesse di Gallerie importanti. Devo ringraziare anche il mio grafico (Studio Sintesi) per i dépliant efficaci.

La tua esperienza con la fotografia è duplice: da un lato lavori per servizi pubblicitari e di documentazione, compresi video per enti pubblici e ditte private, dall’altro ti occupi di produzione artistica. L’amore per la fotografia ha influenzato il tuo modo di “vedere” e dunque di riprodurre in maniera analitica lo Spazio?

La fotografia professionale richiede le stesse abilità del pittore, tecnica, molta attenzione. Ho potuto sperimentare immagini al telescopio o rielaborare le riproduzioni delle mie tele, trasformandole in opere artistiche digitali. L’esperienza e la dotazione tecnica (acquisita con qualche servizio pubblicitario mirato per pochi clienti) mi hanno permesso comunque di crescere, consentendomi almeno di pareggiare le spese dell’attrezzatura, che va cambiata spesso, e di sviluppare la necessaria competenza al computer, strumento necessario anche per l’astronomia. Le due cose sono complementari e mi ci dedico alternativamente. Per qualche tempo è prevalente l’arte, per altro tempo mi occupo più di fotografia. Ogni volta il cambiamento porta soluzioni nuove.

Insieme a tanti altri gruppi di astrofili hai contribuito alla nascita dell’associazione nazionale Cielo Buio, che promuove la protezione del Cielo Notturno, già dichiarato Patrimonio dell’Umanità, come tanti altri paesaggi e beni culturali nel mondo. Così facendo, coniughi l’attività creatrice con quella di conservazione dei beni già esistenti, confermando la tua natura ‘eclettica’. Quale carenza a tuo parere, nel contesto odierno dell’arte, comporta rischi maggiori? La creazione o la conservazione?

Ho tenuto diverse conferenze, anche per enti pubblici, sulla realizzazione di un’illuminazione artificiale ecologica, sia per risparmiare energia, sia per tornare a vedere le stelle. Questa è una lunga evoluzione culturale da percorrere. Finché non sarà culturalmente importante per la maggioranza, le leggi non possono restituirci il cielo notturno. La luce necessaria ad illuminare i nostri passi di notte non deve offuscare le stelle o abbagliare i nostri occhi. Il Cielo Stellato è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità, ma direi che è corretto affermare che invece tutta la Terra è patrimonio del Cielo Stellato.
Gli uomini che non guardano il cielo dimenticano che non hanno il potere né di creare, né di conservare o distruggere. Possono solo scegliere se assecondare la natura, magari con difficoltà ma con vantaggio, o cercare soluzioni apparentemente facili e dirette, seguendo i propri desideri e facendo danni a se stessi.
L’Arte di oggi, ieri e domani ha il compito di rendere evidente un problema, un’idea, un mito, una speranza. L’artista indica la strada a nome di tutti, a volte in forte anticipo sui sentimenti comuni di un’epoca umana. Se le persone accolgono la proposta dell’arte, questa ha successo, ma spesso il messaggio viene compreso molto tempo dopo e hanno successo solo rappresentazioni che confermano l’esistente.
Il rischio non riguarda tanto l’artista, se è valido, ma i fruitori della sua opera, che possono essere aperti o chiusi al nuovo.

Il 12 aprile Studio Tablinum ha presentato l’Art Showcase dedicata alle tue opere:
un’anteprima assoluta della tua prossima mostra, curata dal nostro studio, che si terrà presso la Galleria ArtiFact di New York. Quali sono le tue aspettative?

Spero di avere il feedback di un gruppo di osservatori piccolo ma competente, in grado di orientare e prepararmi alle richieste che potranno venire dai visitatori newyorkesi.
Negli U.S.A. la Space Art trova un terreno fertile per i grandi successi conseguiti nella ricerca spaziale e per il valore della ricerca scientifica astronomica, orgoglio nazionale.
Si spera sempre nel successo di un’impresa, che coincide con i consensi, ma anche con le vendite. Queste sono utili per andare avanti, coprendo i costi, ma anche perché un’opera che viene acquistata comincia una vita tutta sua, segue e provoca percorsi che l’autore non immagina nemmeno: vive! E se una persona la considera tanto importante da volerla per sé, non è la stessa cosa di un complimento a parole: è uno scambio. Il collezionista incontra l’opera e l’artista può avere la considerazione della galleria d’arte e di altri collezionisti, con i mezzi necessari. Il segno è reale, non ideale. Vendere le sue opere permette all’autore di continuare il lavoro, e New York sembra il posto giusto per avere questa opportunità.
Come dice Alessandro Cerioli, il mio curatore: l’artista deve pensare alle sue opere, del resto si devono occupare i professionisti, come Studio Tablinum.

Francesca Corsi

Image

GIORGIO TARDONATO
Giorgio Tardonato nasce a Erba (Co), Italia, nel 1951.
Dopo aver conseguito una laurea in Lettere Moderne, lavora come insegnante, fotografo, artista e divulgatore di astronomia.
Vive e lavora ad Eupilio (Co), Italia.