Olympos: Athena, Goddess of Wisdom

269px-Athena_Giustiniani_Musei_Capitolini_MC278Studio Tablinum: Athena was not only the Goddess of Wisdom but anche a patron of the war who did not hesitate for a moment to fight her enemies. She overseeing the noblest part of the defense to war in order to “good causes.” The bloodiest aspects of the war were, indeed, assigned to the god Ares, as we write some months in August. Athena was the daughter of Zeus and the Oceanid Metis, the story of her birth is very special. Zeus received from his divine grandparents Uranus and Gaia a sinister prophecy:

if he have generated another son, he, when he grew up he would kill him.

So the Father of the Gods, who he did not want losing his status, decided to make the insane act of swallowing his newborn.

And so, nine months later, Zeus began to suffer a massive migraine that threatened to drive him madso for last resort, persuaded Hephaestus to hit him a blow on the head of the ax. From the wound caused came out Athena, already fully armed.

Athena’s holy objects were the lance, the aegis and helmet. The olive tree and little owl was sacred to the goddess. The Goddess of Wisdom was also called “Glaukopis” for her blue-eyes.

nike_di_samotraciaHis wisdom in peace time was devoted to agriculture, handicraft, weaving and metallurgy. Attributable to Athena was the construction of the largest ship of that time: the ship Argo, which is used by Argonauts heroes . Her is also the invention of olive oil, even today excellent product from Greece.

In war, her wisdom was the prerogative of the warriors with cunning and shrewdness. sometimes she decide to make a gift of his powers to her protected mortals, one of them The most famous was the wily Odysseus.

Athena is Frequently accompanied by Nike, goddess of victory, which symbolically is brought in the right palm of the Goddess, how to assimilate the wisdom during the battle with the victory itself.

poseidone e ateneThe Goddess Athena fight with the God Poseidon for the sovereignty of Attica and Athens. Poseidon with a blow of his trident made to gush out una sorgente di acqua marina from the ground of the city while Athena made appear an Olive Tree. The dispute was resolved in favor of the Goddess of Wisdom thanks to athenians women determined the victory of Athena.

partenoneAthena was sculpted by Phidias in a famous chryselephantine statue, now lost, Athena Parthenos that was in the Athenian temple dedicated to her: the Parthenon. Frequently, resting on his shoulder is the little owl, its symbol “par excellence”.

The cult of Athena was spread in all of Greece, from Sparta, to Megara and Argos; Also into Troy she received a special honors, identified with a very old idol called Palladio, the same one that was stolen during the night from the heroes Odysseus and Diomedes, this act was mentioned as one of the causes of the defeat of Troy during the ten-year war.

Pallas_AtheneThe Trojan prince Paris was one of the heroes less loved by the Goddess of Wisdom. He was the cause of the Trojan war itself with the rape of Helen, but there was anche through more personal reason, as we saw some months ago dealing with the vicissitudes of Aphrodite. Paris During the famous “Judgment” chose Aphrodite, instead of Athena or Hera. During the Trojan War she sided with the Achaeans. She especially protected Odysseus and Menelaus and, under the walls of the besieged city, she crushed and defeated Ares.

Athena is known as one of the three virgin goddesses, she never marries and shows no sexual interest in males, referred to as virgin because she was able to remain independent. Despite this reputation, Hephaestus want to couple with her.

 

One day the God of Fire, tried to rape her in his forge, but the goddess was able to escape from him and Hephaestus reached the apex bathing Athena’s leg.

From the ground, so fertilized, was born Erichthonius, the Goddess Athena, anyway had gone, considered him a legitimate child. When he grew up, unbeknownst by the Olympians, lo rende immortale, she put him under the custody of the king of Athens, Cecrops. When Erichthonius grew up dethroned the king of Athens Amphictyon and became a king.

aracneOne of the most cruel tales was the story about Arachne *: the young women Arachne boasted of being a good weaver, Also better than Athena, who was the owner of That female art. Furious, the Goddess of Wisdom defy Arachne to a weaving race. In effect Arachne wove very well but the theme was derisively towards Zeus. Transformed Athena Arachne into a spider, forcing her to weave her spun for eternity.

medusaAthena, however, was more benevolent with the semi-divine hero Perseus by helping him in the killing of the Gorgon Medusa. She gave him her shield, the aegis, and the hero was protected during the fight with the Gorgon.

Perseus chopped off the head of Medusa and gave it to Athena and she decorate the aegis like with that terrible trophy.

Originally, Medusa was the most beautiful of the three Gorgons sisters. She was seduced by the God Poseidon into the temple of the Goddess of Wisdom. Athena punished Medusa for the profanation, changing her handsome face into a monstrous sembiance.

Athena became also benefactor of Heracle. During the fight with the Nemean lion she explain to the hero how to cut off the skin of the lion by using its claws. The skin of the lion with the cudgel used during the fight, became one most distinguishing attributes for him.

atena e odisseoWith Odysseus was almost maternal. Athena help his protégé to return to his beloved Ithaca, changing its appearance from time to time. Interceded on with the witch Circe, and the Oceanid Calypso and feace with the feace princess Nausicaa, helping considerably the hero and in such a way for resumption the way back to its own island.

Athena help her “protégé” to return to his beloved Ithaca, changing its appearance from time to time. Interceded with Circe, and the Oceanid Calypso and the Feces princess Nausicaa, helping considerably the hero to come back in Itaca.

Athena was famous for her wisdom and intellectual strength, a landmark for greek men and women that ask her protection during disputes of all kinds: legal, family and life daily.

Athena had the last word in the event of an equal right of both parties to the dispute. During the Panathenaic party the athenians girls donated the statue of the Goddess am headmade peplos,a propitiatory gift. Next month we will discover the vicissitudes of Dionysus, God of Transgression and Delirium.

Alessandro Cerioli

* Even today, the term Arachne stands for spider

Olympos: Atena, Dea della Saggezza

269px-Athena_Giustiniani_Musei_Capitolini_MC278Studio Tablinum: oltre che Dea della Saggezza Atena era anche una divinità guerriera che non esitava un solo istante a presentarsi in armi dinanzi al nemico, anche se lei sovrintendeva ad un tipo di guerra dagli aspetti più nobili, ossia una guerra di difesa o intrapresa per “giusta” causa. Mentre gli aspetti più violenti della guerra erano deputati al Dio Ares, come abbiamo visto qualche mese or sono.

Atena era figlia di Zeus e dell’Oceanina Metide, e la storia della sua nascita e davvero particolare. Accadde che Zeus ricevette dai nonni divini, Urano e Gaia, un sinistro vaticinio: se Metide avesse dato alla luce un figlio maschio, questi lo avrebbe spodestato. Quindi il Padre degli Dei, che teneva particolarmente al proprio status, decise di compiere l’insano gesto d’inghiottirlo appena generato. Fu così che, nove mesi  dopo, Zeus iniziò ad accusare una fortissima emicrania, che rischiava di farlo impazzire, quindi per estrema ratio, convinse Efesto, il Dio del Fuoco, a calargli sulla testa un fendente d’ascia. Dalla ferita provocata ne uscì Atena,  già armata di tutto punto.

I simboli della Dea Atena erano la lancia, l’egida e l’elmo. Sacri le erano la civetta e l’ulivo. La Dea della Saggezza era definita anche “glaukopis” ossia la Dea dagli occhi azzurri, dal volto celeste.

nike_di_samotraciaLa sua saggezza in tempo di pace era votata all’agricoltura, all’artigianato, alla tessitura e alla lavorazione dei metalli. E’ attribuibile ad Atena la costruzione della nave più grande di quel tempo: la nave Argo, usata dagli eroi argonauti. Sua è anche l’invenzione dell’olio d’oliva, ancora oggi prodotto d’eccellenza della Grecia.

In guerra la sua saggezza era appannaggio di chi combatteva con furbizia e astuzia; poteva persino decidere di fare dono dei propri poteri ai suoi protetti mortali, uno di questi, il più noto, fu l’astuto Odisseo.

Spesso Atena viene si accompagna alla Dea della Vittoria, Nike, che simbolicamente viene portata nel palmo destro della Dea della Saggezza, come per assimilare la Vittoria stessa e crearne un binomio indissolubile.

poseidone e ateneLa Dea Atena ebbe anche un contrasto importante con il Dio Azzurro Poseidone in merito alla sovranità dell’Attica e delle città di Atene. Poseidone con un colpo del suo tridente fece sgorgare dell’acqua salata dal suolo, mentre Atena fece spuntare una pianta di Ulivo, messa ai voti la disputa si risolse in favore delle Dea della Saggezza. In questa vicenda le donne ateniesi determinarono la vittoria di Atena.

partenoneProprio in questa posizione la Dea Atena è stata scolpita da Fidia nella sua famosa statua crisoelefantina, ora perduta, l’Athena Parthenos che si trovava nel tempio ateniese dedicata a lei dal popolo ateniese: il Partenone. Spesso, poggiata sulla sua spalla, si trova la civetta, suo simbolo per antonomasia.

Il culto di Atena era diffuso in tutta la Grecia: Atene, Sparta, Megara e Argo; anche a Ilio ricevette onori particolari, fu identificata con un vecchissimo idolo chiamato Palladio, lo stesso che fu trafugato nottetempo dagli eroi Odisseo e Diomede, questo atto fu menzionato come una delle cause della sconfitta di Ilio durante la decennale guerra.

Pallas_AtheneIl principe troiano Paride fu tra gli eroi meno amati dalla Dea della Saggezza, oltre che ad essere la causa scatenante della guerra stessa, con il ratto di Elena, ci fu anche un aspetto più personale, come abbiamo visto qualche mese or sono trattando le vicende della Dea Afrodite. Paride durante il famoso “giudizio” scelse Afrodite, scartando Atena e la Madre degli Dei Hera. Da qui la sua animosità nei confronti del principe.

Durante la guerra di Ilio parteggio per gli Achei. Protesse soprattutto Odisseo e Menelao, e durante una disputa sconfisse anche il Dio della Guerra Ares, sotto le mura della città assediata.

Come la Dea della Caccia Diana, Atena, era una divinità riottosa al sesso maschile e la sua verginità era nota a tutto l’Olimpo, ma durante una visita al Dio del Fuoco Efesto, in cerca di nuove armi probabilmente, Efesto, che era stato appena abbandonato da Afrodite, si invaghì della Dea della Saggezza a tal punto che cercò di farla sua con la forza, Atena si ribello ma Efesto, giunto all’apice, bagnò la gamba della Dea. Disgustata Atena si ripulì la gamba da quella sozzura e la gettò a terra. Dalla terra, così fecondata, nacque Erittonio, che la Dea Atena, comunque fosse andata, considerò suo figlio legittimo. Lo allevò all’insaputa degli Olimpi e sempre a loro insaputa lo rese immortale, non potendolo crescere ed accudire lo pose sotto la custodia del re di Atene, Cecrope. Quando Erittonio crebbe spodesto il re di Atene Anfizione e divenne lui stesso re.

aracneCrudele fu la vicenda che vide la Dea della Saggezza punire la sventurata Aracne*. Aracne si vantò di essere una tessitrice migliore di Atena, che di quest’arte era la protettrice. La Dea della Saggezza andò su tutte le furie e sfido Aracne in una gara di tessitura. In effetti Aracne tessé in modo sublime, ma il tema era derisorio nei confronti del padre Zeus. Atena, decisa a non subire altri affronti, trasformo Aracne in un ragno, obbligandola a tessere la sua tela per l’eternità.

medusaBenevola fu con l’eroe semi divino Perseo aiutandolo nell’uccisione della Gorgone Medusa, donandogli il suo scudo, l’egida, che protesse l’eroe durante lo scontro con la Gorgone. Come ringraziamento Perseo dono il capo mozzato di Medusa ad Atena che ella uso per decorare l’egida come un terribile trofeo. In verità Atena stessa fu la causa della mostruosità di Medusa. Originariamente Medusa era la più bella delle Gorgoni, ma ebbe l’ardire di farsi sedurre dal Dio Azzurro Poseidone che, senza badar troppo all’etichetta, la fece sua nel tempio della Dea della Saggezza. Venutolo a sapere, Atena punì Medusa per la profanazione, mutandole l’aspetto e rendendola mostruosa.

Anche il semi divino Eracle fu aiutato da Atena. Durante la lotta dell’eroe con il leone nemeo spiego ad Eracle, dopo che ebbe abbattuto la fiera, come scuoiarlo usando gli stessi artigli per tagliarne la spessa pelle. La pelle del leone divenne uno dei tratti distintivi di Eracle, insieme alla clava usata durante la lotta.

atena e odisseoCon Odisseo fu invece più che benevola, potremmo dire: materna. Atena aiuto il suo protetto a tornare nella sua amata Itaca, mutando le sue sembianze di volta in volta. Intercesse con la maga Circe, con l’Oceanina Calipso e con la principessa feace Nausica, aiutando considerevolmente l’eroe e facendo in modo che riprendesse la strada del ritorno verso la sua isola.

Come avrete compreso siamo di fronte a una divinità che faceva delle sue qualità, la saggezza e la forza intellettuale, un caposaldo. Non a caso sia gli uomini che le donne greche erano soliti chiederle consiglio in merito a diatribe di ogni genere: legali, famigliari e della vita di tutti i giorni. Atena aveva sempre l’ultima parola in caso di egual ragione di ambo le parti in disputa. Durante le feste Panatenaiche le fanciulle della città di Atene donavano alla statua della Dea un peplo tessuto da loro stesse, in segno propiziatorio.

Il prossimo mese scopriremo le vicissitudini dell’estroso Dioniso, Dio della Trasgressione e del Delirio Mistico.

Alessandro Cerioli

*Ancora oggi il termine aracne significa ragno

Olympos: Hermes, il Messaggero degli Dèi

Hermes_Logios_Altemps_Inv8624Studio Tablinum: basterebbero poche parole per definire il Dio Hermes, ossia: ladro, bugiardo e imbroglione. In verità  Hermes era anche un Dio generoso, alle volte, e andrebbe considerato un Dio vagabondo per la sua connotazione “professionale”; era il Messaggero degli Dei, faceva da tramite fra l’Olimpo e la terra, ma non solo, faceva da collegamento fra il mondo dei vivi e quello dei defunti. E’ il Dio delle soglie, un ponte tra il visibile e l’invisibile e arriva sempre inatteso e con rapidità. Per questa sua capacità di essere ovunque e in nessun luogo, leggero e inavvertito, lo rendono non solo patrono delle comunicazioni e dei viaggi ma anche del furti; tutti i ladri di questo mondo, per forza di cose, debbono avere un protettore potente per potersi destreggiare con fugacità.

maiaFiglio di Zeus e della Pleiade Maia, Hermes è considerato uno dei dodici Olimpi, i suoi simboli erano il gallo e la tartaruga, era facilmente riconoscibile per il suo abbigliamento, il suo cappello e i suoi sandali alati, il borsellino ed il Kerykeion, il bastone da viandante. Zeus, per evitare di farsi scoprire dalla moglie Hera, segretamente sgusciava di notte fuori dal letto di nozze e si precipitava nella grotta dove la figlia del gigante Atlante Maia lo attendeva. Da questa unione nacque Hermes e non poteva che essere figlio del Padre degli Dei. Precocemente, la sera della sua nascita, scappò dalla sua culla e si incamminò nella boscaglia. Con stupore la prima cosa che vide fu una tartaruga, animale corazzato e buffo; Hermes preso dallo stupore riportò l’animale nella grotta e con un coltello lo uccise e dal suo guscio ne ricavò una nicchia dove vi posizionò sette corde di nervo di pecora che iniziò a pizzicare, in quell’istante ne scaturì un suono dolce ed armonioso che incantava. Era nata la Lira.

Hermes era un Dio dalla mente fervida e brillante, vedeva cose che gli altri non potevano nemmeno immaginare, e qui la sua seconda avventura, dopo solo un giorno di vita, stava per essere messa in atto. Si mise in testa di rubare le vacche sacre del Dio Apollo, suo fratello. Cosi Hermes depose il nuovo strumento musicale e si incamminò verso i monti della Pieria, dove pascolava la mandria degli Olimpi. Radunò la mandria e la portò via con se, accorto che le vacche camminassero tutte all’indietro per non lasciare tracce direzionali su di un terreno sabbioso. Mentre per confondere le idee costui prese delle calzature enormi con foglie e rami, pensando che nessuno avrebbe mai sospettato che il ladro fosse un bimbo in fasce, ma un gigante o un mostro.

Arrivato in un luogo sicuro nascose le vacche e ne macellò due, che con buon appetito hermes e argodivorò in loco. Si pensa che quel gesto portò il Dio Hermes ad inventare il fuoco e nuove tecniche per cucinare gli alimenti. Insomma dopo ventiquattrore di vita l’infante inventò la Lira, il fuoco e l’arte culinaria.

Apollo, recandosi al pascolo per il controllo quotidiano, si accorse che mancavano all’appello cinquanta vacche e non si capacitava del fatto che le impronte provenissero da una parte improbabile e poi quelle impronte giganti, nessuno poteva lasciare impronte simili. Visto al lavoro un vignaiolo lo interrogò ed il vignaiolo, che non se la senti di mentire al Dio del Sole, racconto un fatto strano, un bimbo che conduceva una cinquantina di vacche che procedevano all’indietro. A quel punto Apollo andò su tutte le furie e si precipitò nella grotta, dove nel frattempo il neonato furfantello Hermes era tornato per un riposino ristoratore. Preso Hermes per un orecchio lo condusse sull’Olimpo. Una volta al cospetto del Padre degli Dei, Hermes giurò e spergiurò che non sapeva nulla di queste “vacche” ma che era solo un povero neonato. Zeus a quel punto rimproverò il neonato intimandogli la restituzione del maltolto e ammonendo Hermes di comportarsi in futuro in modo più corretto, ammonimento che Hermes non seguì mai per via della sua natura scaltra e furtiva. Tuttavia, per fare pace con il fratello Apollo, gli donò lo strumento che da poco aveva inventato, la Lira. Avendola nelle sue mani Apollo divenne anche il Dio della Musica.

Hermes IVCome dicevamo prima Hermes era il Dio protettore dei viandanti, dei commercianti e dei ladri ma essendo un messaggero che viaggiava per tutto il mondo aveva anche un compito più gravoso, ossia quello di accompagnare le anime dei defunti nell’Aldilà, nell’Ade. Il Dio le radunava e con il suo bastone magico le conduceva attraverso le porte dell’inferno dove esse erano condannate a rimanere in eterno e questa operazione si ripeteva tutte le notti, non a caso Hermes veniva anche identificato come una divinità esoterica. Malinconico custode dell’oltremondo.

Era venerato in tutta la Grecia, ma il centro più importante dove veniva praticato il suo culto era a Feneo in Arcadia.

Diciamo inoltre che sull’Olimpo per lui il lavoro non mancava mai, veniva anche impiegato nel disbrigo delle faccende domestiche come pulire la tavola degli Dei, dopo i banchetti, oppure fare il loro coppiere, insomma una sorta di Dio “factotum”.

perseoLe sue molteplici vicende lo vedono aiutare il semidio Perseo nell’uccisione della Gorgone, procurando a Perseo il falcetto di Zeus, le sue scarpe alate, l’elmo di Ade e lo scudo di Atena.

Andò sul grande Caucaso nel tentativo di convincere il Titano Prometeo a svelargli la profezia sulla fine degli Dei Olimpi ma Prometeo, il Titano amico dell’uomo, si rifiutò di parlare e prolungò cosi la sua sofferenza di prigioniero.

Partecipa, come le altre divinità, alla guerra di Ilio parteggiando per gli Achei, anche se proteggerà sempre il Re Priamo, soprattutto quando il vecchio Re andò nell’accampamento dei greci per rivendicare il corpo del figlio Ettore.

Aiutò anche l’eroe Odisseo nel suo rientro a casa, dopo il consiglio degli Dei che stabilì che il Re di Itaca potesse fare ritorno alla sua isola, Hermes si recò dalla Ninfa Calypso per convincerla a far partire Odisseo. Il Messaggero degli Dei aiuto ancora Odisseo dandogli un antidoto contro le pozioni della maga Circe che tramutavano gli uomini in animali.

ErmafroditoGli amori di Hermes furono diversi e tutti con conseguenze bizzarre per la sua discendenza, essendo il Messaggero degli Dei ambiguo nella sua natura stessa, chiaramente, anche la sua prole era alquanto stravagante.

L’amore per la Dea Afrodite portò a generare uno splendido fanciullo dal nome Ermafrodito*. Si dice che Ermafrodito avesse la bellezza di Afrodite e le vivacità di Hermes, nel suo nome sta la chiave degli illustri genitori, ma accadde che durante una scampagnata per i boschi il bel giovane si trovò nei pressi di una fonte e decise di prendersi un bagno, non sapendo però che la Ninfa Salmacide, protettrice di quella fonte, lo spiava interessata a tutta quella bellezza e non appena il ragazzo si tuffo nelle dolci acque della fonte Salmacide entro anch’essa in acqua e si unì a lui, il giovane Ermafrodito, che non voleva saperne di congiungersi con Salmacide, tento di divincolarsi ma la Ninfa presa da una furia cieca fece un giuramento solenne a gli Dei: non venga mai il giorno in cui i nostri due corpi si staccheranno… Pronunciato questo giuramento dall’acqua usci un essere che non era né uomo né donna ma entrambe le cose. Aveva fattezze da fanciulla ma attributi maschili.

dio-panUn altro figlio bizzarro di Hermes, avuto con la ninfa Driope, fu il Dio potente e selvaggio Pan. Hermes avrebbe sedotto la ninfa sulle montagne dell’Arcadia. Invaghitosi di lei il Messaggero degli Dei si trasformò in un caprone e si avvicinò furtivamente alla ninfa, una volta giunto nei suoi pressi con un balzo gli fu addosso e abusò di lei. Ecco perché da questa unione nacque una divinità tanto capricciosa e surreale, metà uomo e metà capro. Si dice che Driope appena vide questo suo figlio ne fu talmente spaventata che lo abbandonò nei boschi.

Pan era una divinità, come suo padre Hermes, che amava i boschi, i pascoli e la campagna, grande amante del sesso e della danza, era solito inseguire le ninfe mentre suona il suo strumento, la siringa o flauto di Pan. Era anche un dio scherzoso e appariva d’improvviso terrorizzando** pastori e viandanti emettendo urla terrificanti.

mercurio-mitoMentre un figlio di eccezionale furbizia, come il padre Hermes appunto, fu Autolico, padre di Laerte e nonno di Odisseo. Nacque dall’unione fra il Messaggero degli Dei e Chione, figlia di Dedalione. Autolico, grande ladro, aveva la capacità di rubare qualsiasi cosa a chiunque e senza essere scoperto. Autolico fu anche un componente degli Argonauti e dispensò consigli al nipote Odisseo durante il loro incontro, non a caso Odisseo era scaltro e ingannatore.

Come avrete compreso siamo di fronte ad un Dio dalle molteplici capacità, non sempre leali e cristalline, ma per i greci Hermes era un Dio a cui votarsi in caso di bisogno pratico: prima di un viaggio, prima dell’apertura di un’attività commerciale o prima di un furto, era bene avere il Dio Hermes come protettore.

Il Prossimo mese tratteremo le vicende della Dea della Saggezza, Atena.

Alessandro Cerioli

*Ancora oggi definiamo Ermafroditismo il fenomeno con il quale una specie animale o vegetale può produrre, in ambo i modi, i gameti maschili e quelli femminili.

** Ancora oggi parliamo di “panico” per le paure improvvise e immotivate.

Olympos: Poseidon, the God of the Sea

596px-Poseidon_sculpture_Copenhagen_2005Studio Tablinum: Poseidon is the blue god, the god of the sea, rivers and earthquakes. Among the twelve Olympus was Poseidon, son of Titans Cronus and Rhea, who with his brothers Zeus and Hades represented the most important divine triad. He hugely contributed during the Titanomachy which involved the second and third generations of deities. The weapon of the Sea-god, a trident, was forged by the Cyclops and with his brothers, Poseidon won the war against the Titans. They were hurled in a bronze-walled prison at the centre of the Earth, the Tartarus, which Poseidon himself built.
Major cults to the Sea-god are known in Mykonos, Corinth and many cities of Magna Graecia; in Athens, he was second only to Athena in importance. Every year, the Isthmian Games were dedicated to Poseidon and seafarers worshipped him with prayers and sacrifices, drowning horses was the most common practice. In Classic iconography he is represented holding his trident, on a gold chariot pulled by hippocampus and surrounded by dolphins.
Poseidon dwells with his beautiful wife, the Nereid Amphitrite, in a palace of corals and shells, in the unfathomable depths of the sea.

Amphitrite-PoseidonTheir son Triton was a merman, half man and half fish, often represented in marvellous statues and water games, he held a conch shell, on which he blew to calm billows as well as tempests. He was always his father’s herald, following him everywhere. It was remarkable the way he unconditionally helped the hero Jason and the Argonauts find the route on their ship Argo.

The Sea-god also had other sons outside marriage, who were not as benevolent as Triton. The Cyclops Polyphemus, for example, who devoured Odysseus’ fellows during their imprisonment, the bandit Sciron who was killed by Theseus and the cursed hunter Orion, killed by a scorpion which the revengeful goddess of hunt Artemis had sent.

Arianna_d__a_Teseo_il_filo___Pelagio_Palagi_250One day a young hero, Theseus arrived at this submerged palace. He was the king of Athens and it is thought to be one of Poseidon’s sons. He headed to Crete, in order to challenge the Minotaur, bull-headed creature with a human body. Minos, king of Crete, accused Theseus of lying about his divine origins and challenged him throwing his ring into the sea: if Theseus were the Sea-god’s son, he would have retrieved it easily. Without thinking twice, Theseus dived into the sea and with the help of some dolphins, he reached his divine father’s palace where he received several gifts, amongst them there was King Minos’ ring. Theseus came back to the surface holding the ring which was given to the incredulous Minos.

pasifae e dedaloThe God of the Sea could be generous to his protégés as well as cruel to his enemies, Minos himself had experienced the god’s fury. The king had failed to an agreement with the Sea-god: the latter had sent him a prodigious bull to be sacrificed to honour the god, celebrating his greatness and Cretans’ loyalty. The king sacrificed a common bull, hiding the one that Poseidon had chosen. Poseidon planned a sly and elaborate revenge: he drove the king’s wife Pasiphae mad and made her fall in love with the prodigious beast. Urged by this insane passion, she requested the help of Daedalus, the court craftsman, who built a wooden cow where she could hide and mate with the animal. From this union, a monstrous creature was conceived, the Minotaur which was promptly put into the labyrinth that Daedalus constructed in order to hide the monster from the terrified Cretans’ eyes.

pegasoThe God of the Sea had a sacred animal, a noble animal that soon mankind learned to tame, the horse. It was the most famous horse in history, Pegasus, which is even thought to have been generated by the God himself, during a fleeting encounter with the most terrible of the Gorgons, Medusa.
When the semi-god Perseus defeated the monstrous creature by cutting its head off, Pegasus arose from the blood gushing out of the wound. Poseidon himself loved to occasionally turn into a horse and ride at breakneck speed.
And so it happened that Poseidon, fallen in love with Demeter, the Goddess of the Harvest, tried to possess her, and the goddess, in the attempt to escape, turned into a mare and hid herself among a horse herd, but the god of the sea immediately recognized the Goddess of the Harvest and, after turning into a strong stallion, mated with her. A mysterious daughter was born of this union, but her name was not handed down to us, for no one should pronounce it.
This forced marriage also generated another horse, a horse that was not as famous as Pegasus but just as prodigious: Arion, the horse that could speak like a man. It was mounted by the epic hero Adrastus during the War of the Seven Against Thebes.

aiace oileoPoseidon was known to be the most irascible and revengeful god among the Olympians. He was prone to stir storms and earthquakes for no reason, but he was most notably triggered by sensing a lack of faith in him among men.
That’s no news to the heroes of the Trojan war, especially to Ulysses, forced to roam the seas for ten long years before he was able to return to his beloved Ithaca.
A terrible fate was also waiting for the hero Ajax Oileus, who escaped from a storm during the journey back from Troy, made it close to Mykonos and dared say that it was his own strength that had saved him. Poseidon heard him and, burning with anger, grasped his Trident and flung it on the rock upon which the survivor had found salvation.

The rock was torn in half and Ajax fell into the sea, drowning. If you ever find yourself nearby, remember that the remaining part of the rock can still be seen appearing on the surface.

atena e poseidonePoseidon had a quarrel with Athena, the Goddess of Wisdom, as well. The reason was the dominion over the City of Athens. It is told that an olive tree sprouted in the city and at the same time water began to flow. Since the olive tree was Athena’s holy symbol and water was Poseidon’s, how to decide which deity should be the protector of the city?
King Cecrops decided to solve the issue democratically. He gathered all the citizens and asked them to vote: men voted for Poseidon while women voted for Athena. The goddess won and she gained dominion over the city, which was called Athens ever since.

Poseidon, angry at the women of Athens, ravaged the crops that surrounded the city and that led to all the men punishing the women in order to appease the God of the Sea. From that moment on women were not allowed to vote anymore, no son could be given their mother’s name, and no daughter could be named after the Goddess of Wisdom.
Nevertheless, Poseidon had his share of defeat. It happened that the Olympians, tired of the undisputed domination of Zeus, decided to start a rebellion. The leaders of the rebellion were Hera (Zeus’s wife), Apollo, and the God of the Sea. Zeus was deceived and tied up, but he was eventually saved by Thetis, a Nereid, and Briareus, who had detected the revolt against the Father of Gods.
All the gods involved in the rebellion were gathered together.

poseidone e laomedontePoseidon was banished and sent to serve the King of Troy, Laomedon, who had Poseidon build the great wall surrounding the city. When the work was done, the king refused to pay Poseidon the promised fee.
Poseidon was furious and he conjured up an enormous sea monster that came out of the water. The king, frightened, summoned the oracles, who told him that the only way to appease the god was to sacrifice his own daughter, young Hesione. King Laomedon was ready to make the sacrifice, when the semi-god Heracles came to his rescue and killed the sea creature, setting the city of Troy free.
This event became the cause of the God of Sea’s hatred for Troy and his everlasting support for the Achaei.

odisseaWe are dealing with an extremely fickle deity, feared and worshipped by the entire Greek world.

He was inclined towards both generosity and great violence. And if we take into account the extension of the sea, Poseidon’s domain, it goes without saying that our god demanded respect.

Next month we will be focusing on the most beautiful and cruel Olympian god, Apollo.

Alessandro Cerioli

Traduzione di Elisa Campana e Giada Lavoratornuovo

 

Olympos: Poseidone, il Dio del Mare

596px-Poseidon_sculpture_Copenhagen_2005Studio Tablinum: Poseidone è il Dio azzurro, il Dio del Mare, ma anche dei corsi fluviali e dei terremoti. Figlio dei Titani Crono e Rea e fratello di Zeus, con il fratello Ade rappresentano la triade divina più importante dei dodici Olimpi. Grande fu il suo contributo durante la Titanomachia che vedeva le divinità di seconda e di terza generazione affrontarsi. L’arma del Dio del Mare, il Tridente, fu forgiato dai Ciclopi, con questa sconfisse, insieme ai fratelli, i Titani che furono poi scaraventati in una prigione al centro della terra con mura di bronzo, che Poseidone provvide personalmente a costruire, il Tartaro. Il Dio azzurro ebbe un ruolo fondamentale anche durante la Gigantomachia, si dice che sconfisse il Gigante Polibote tagliano con il suo tridente l’isola di Coo e scaraventandogliela contro.

I luoghi di culto del Dio del Mare erano Mykonos, Corinto e in molto città della Magna Grecia, ad Atene era secondo solo alla Dea Atena, a lui erano dedicati ogni anno i Giochi Istmici. I marinai gli rivolgevano preghiere e sacrifici, il più comune era annegare dei cavalli in suo onore. Nell’iconografia classica viene raffigurato sul suo cocchio d’oro trainato da cavallucci marini, circondato da delfini che gli nuotavo attorno e con in mano il suo Tridente.

Amphitrite-PoseidonPoseidone abita le insondabili profondità marine, in un palazzo fatto di corallo e conchiglie, con la splendida moglie, la Nereide Anfitrite, dalla loro unione nacque Tritone, mezzo uomo e mezzo pesce, questo figlio, che noi vediamo spesso raffigurato in splendide statue e giochi d’acqua, possedeva un corno di conchiglia con il quale, suonandolo, ammansiva i marosi e le tempeste. Fu sempre l’araldo del padre e lo seguiva ovunque.

Di particolare rilevanza fu l’aiuto incondizionato che diede all’eroe Giasone e agli Argonauti nel far seguire la rotta giusta alla loro nave Argo.

tritoneGli altri figli del Dio del Mare, avuti fuori dal matrimonio con Anfitrite, non furono cosi benevoli come Tritone. Ad esempio il Ciclope Polifemo che divorò i compagni di Odisseo durante la loro prigionia, il brigante Scirone che venne ucciso da dall’eroe Teseo, oppure il cacciatore maledetto Orione ucciso da uno scorpione mandatogli per vendetta dalla Dea della Caccia Artemide.

In questo palazzo sommerso un giorno fece visita un giovane eroe, Teseo principe di Atene, che si pensa fosse il figlio di Poseidone stesso. L’eroe ateniese diretto verso Creta, intento a sfidare il Minotauro, creatura metà toro e metà uomo, fu accusato da Minosse, Re di Creta, di mentire sulle sue origini divine e così fu messo alla prova dal Re che si sfilò l’anello e lo getto nel mare, dicendo a Teseo di recuperarglielo, se era veramente chi asseriva di essere, il figlio del Dio del Mare. Teseo senza pensarci due volte si getto in mare e con l’aiuto dei delfini raggiunse il palazzo del padre divino dove qui ricevette molti doni, fra cui l’anello del Re Minosse, che incredulo lo riebbe dall’eroe dopo la sua emersione dalle profondità del mare.

pasifae e dedaloIl Dio del Mare sapeva essere generoso con i suoi protetti quanto era crudele con i suoi nemici, lo stesso Re Minosse ne sapeva qualcosa. Molto furbescamente venne meno ad un patto con il Dio del Mare, anziché sacrificare al Dio lo splendido toro inviatogli dallo stesso per celebrare la sua grandezza e di sancire il fatto di essere l’unico degno Re dei cretesi, sacrifico un toro comune nascondendo quello prodigioso, scopertolo Poseidone meditò una vendetta raffinata e subdola. Fece impazzire la moglie del Re, Pasifae, facendola innamorare del toro prodigioso. Presa da questa insana passione, fece costruire all’artigiano di corte Dedalo, una vacca di legno dove lei poteva accoppiarsi con l’animale, da questa unione ne nacque una creatura mostruosa, il Minotauro. Che fu prontamente rinchiuso nel labirinto ideato da Dedalo, nascosto agli occhi dei terrorizzati cretesi.

pegasoIl Dio del Mare aveva un’animale sacro, animale nobile che presto l’uomo imparò a domare, il cavallo. Si pensa che addirittura il cavallo più famoso della storia, Pegaso, fu generato dal Dio stesso durante un fugace rapporto con la Più terribile delle Gorgoni, Medusa. Quando il semidio Perseo sconfisse la creatura mostruosa, decapitandola, dal sangue sgorgato dalla ferita spunto Pegaso. Poseidone stesso, di tanto in tanto amava tramutarsi in un cavallo e galoppare a perdifiato. Accadde cosi che, invaghitosi della Dea Demetra, Dea dell’Abbondanza, cerco di farla sua, la Dea nel tentativo di sfuggirgli si tramuto in una giumenta e si nascose in branco di cavalli, ma il Dio del Mare individuo subito nel gruppo di equini la Dea dell’Abbondanza e tramutatosi in potente stallone si accoppio con lei, da questa unione ne nacque una figlia misteriosa, di cui nessuno doveva pronunciare il suo nomee quindi non c’è stato tramandato. Nacque da questo connubio forzato anche un altro cavallo, meno famoso di Pegaso ma non meno prodigioso: Arione, un cavallo che sapeva parlare come un uomo. Fu cavalcato dall’eroe Adrasto durante la spedizione dei Sette contro Tebe.

aiace oileoTra le divinità Olimpiche, Poseidone, era fra le più irascibili e vendicative, per un nonnulla scatenava tempeste e terremoti, soprattutto quando notava nell’uomo una mancanza di fede nei sui riguardi.

A tal proposito ne sanno qualcosa gli eroi della guerra di Ilio, su tutti Odisseo, costretto ad errare per i mari per dieci lunghi anni prima di poter far ritorno nella sua Itaca. Terribile fu anche la sorte dell’eroe Aiace Oileo, scampato ad una tempesta durante il suo viaggio di ritorno da Ilio, si ritrovo a poca distanza da Mykonos, ed ebbe l’ardire di vantarsi di essersi salvato solo con le proprie forze, sentitolo Poseidone si adirò, impugno il suo Tridente e lo scaglio sulla roccia sulla quale aveva trovato la salvezza il naufrago, la roccia si squarcio in due ed il povero Aiace precipitò in mare, annegando.

La parte restante della roccia, se passerete da quelle parti, la potrete vedere affiorare dal mare.

atena e poseidonePoseidone ebbe una disputa anche con la Dea della Saggezza, Atena, per il dominio sulla città di Atene. Accadde che in quel luogo spunto un ulivo e contemporaneamente inizio a sgorgare dell’acqua, ora l’ulivo era simbolo sacro alla Dea Atena e l’acqua lo era per il Dio Poseidone, chi scegliere come divinità tutelare della città ?

Il Re Cecrope decise di dirimere la questione democraticamente. Convoco tutta la cittadinanza per le votazioni: i maschi votarono per Poseidone mentre le donne per Atena. Vinse la seconda e da allora la città fu sotto la protezione della Dea della Saggezza, da cui prese anche il nome Atene.

Poseidone preso dalla collera verso le donne ateniesi, devasto i campi intorno ad Atene e per placare l’ira del Dio del Mare gli uomini di Atene punirono le donne. Da allora in poi non avrebbero più votato, nessun figlio avrebbe preso il nome della madre e nessuna figlia si sarebbe chiamata con il nome della Dea della Saggezza.

poseidone e laomedontePerò anche Poseidone ebbe le sue sonore sconfitte. Accadde che gli Olimpi, stanchi del dominio incontrastato di Zeus, vollero ribellarsi. A capo di questa ribellione ci furono la Moglie divina Era, il Dio Apollo e il Dio del Mare, cosi Zeus fu ingannato e legato. Fu salvato dalla Nereide Teti con l’aiuto del Centimano Briareo, che subodorando odore di rivolta aiuto il Padre degli Dei. Tutte le divinità coinvolte furono unite. E, tra loro, Poseidone fu mandato a servire il Re di Ilio Laomedonte, che gli fece costruire la potente cinta muraria che circondava la città. Al termine dei lavori il Re Laomendonte si rifiuto di corrispondere il giusto compenso al Dio del Mare. Egli, infuriato fece uscire dalle acque, un enorme mostro marino che, secondo gli oracoli interpellati dal Re terrorizzato, poteva essere placato solo con il sacrificio della sua giovane figlia, Esione. Ormai convinto al sacrificio della figlia, per puro caso, venne in loro soccorso il semidio Eracle che uccise la creatura marina, liberando così la città di Ilio dalla sua terrificante presenza.

E da questo episodio nasce la collera verso la città di Ilio da parte del Dio del Mare e non manco mai di parteggiare a favore degli Achei durante la guerra decennale.

odisseaSiamo di fronte ad una divinità estremamente volubile che veniva temuta e venerata da tutto il mondo greco. Capace di grandi slanci ma nel contempo di grandi violenze. E se rapportate il tutto all’estensione dei mari capirete che Poseidone era un Dio che esigeva rispetto.

Il prossimo mese tratteremo le vicende del Dio più bello e crudele dell’Olimpo, Apollo.

Alessandro Cerioli